10 cose che potresti non sapere su Cesar Chavez

Cesar Chavez visita il Colegio Cesar Chavez nel 1974, un anno dopo l'apertura della scuola a Mount Angel, Oregon (Foto: Movimiento / Wikimedia Commons)

Cesar Chavez è stato uno degli attivisti sociali americani più dinamici del 20 ° secolo, conducendo una campagna aggressiva ma non violenta per i diritti dei lavoratori agricoli che ha attirato un ampio sostegno e ha dato alle persone in tutto il paese un nuovo apprezzamento per le origini del loro cibo.

Questo problema arrivò naturalmente a Chavez, che aveva 10 anni quando i suoi genitori persero la loro fattoria in Arizona durante la Grande Depressione, si trasferirono in California e assunsero lavoro agricolo migrante. Chavez aveva un posto in prima fila per il dilagante pregiudizio e l'ingiustizia nelle fattorie americane negli anni '40 e '50, ma piuttosto che sentirsi amareggiato o oppresso, vide le avversità come una fonte di ispirazione.

"Attingiamo la nostra forza dalla stessa disperazione in cui siamo stati costretti a vivere", ha detto una volta Chavez.

Dopo 14 anni di lavoro agricolo, Chavez ha assunto un posto di lavoro nel 1952 come organizzatore della Community Service Organization, un gruppo per i diritti civili della California, e nel 1958 era il suo direttore nazionale. Partì quattro anni dopo per unirsi a Dolores Huerta nella fondazione della National Farm Workers Association, ora United Farm Workers of America (UFW), il primo sindacato agricolo-lavoro di successo nella storia degli Stati Uniti. Ciò portò alla sua opera più famosa, una serie di scioperi e boicottaggi che vinsero protezioni senza precedenti per i lavoratori agricoli.

Chavez è morto nel 1993, ma la sua eredità è ancora ricordata ogni anno per il suo compleanno, il 31 marzo. Il Cesar Chavez Day è ora una festa ufficiale in diversi stati e, sebbene non sia una festa federale, il presidente Obama lo ha proclamato un giorno di "servizio, comunità e istruzione ". È stato anche segnato nel 2014 con l'uscita di un nuovo film biografico, "Cesar Chavez".

In onore del compleanno di Chavez, ecco 10 cose interessanti che potresti non sapere su di lui:

1. Ha ispirato la linea "Sì, possiamo" di Obama.

Durante un digiuno di 25 giorni nel 1972, Chavez e Huerta hanno coniato lo slogan " Si, se puede, " Spagnolo per "Sì, si può fare". È diventato il motto ufficiale dell'UFW e un grido di protesta per i diritti civili latini in generale, e in seguito ha ispirato la frase "Sì, possiamo" per la campagna elettorale del Presidente Obama per il 2008.

2. Uno dei suoi 31 nipoti è un golfista professionista.

Chavez e sua moglie, Helen Fabela, avevano otto figli e 31 nipoti. Uno dei nipoti è il golfista professionista Sam Chavez, che partecipa al PGA Tour.

3. Una nave mercantile della Marina statunitense prende il nome da lui.

Una serie di strade, scuole e persino un monumento nazionale americani prendono il nome da Cesar Chavez. Ma ha anche trascorso due anni nella Marina degli Stati Uniti, e poiché le navi mercantili di classe Lewis e Clark prendono il nome da "pionieri e visionari americani", l'USNS Cesar Chavez ha debuttato nel 2011.

4. Ha frequentato 38 scuole diverse prima dell'8 ° anno.

Come lavoratori agricoli migranti, la famiglia di Chavez si trasferì spesso quando era giovane. Ciò significava che Chavez ha dovuto cambiare scuola 38 volte prima di abbandonare definitivamente per aiutare i suoi genitori. Ma nonostante la sua scolarizzazione limitata, Chavez in seguito ha sostenuto l'educazione come mezzo per il miglioramento sociale.

5. Aveva una visione complessa dell'immigrazione.

Chavez si è opposto all'immigrazione clandestina dall'inizio dell'UFW, sostenendo che i lavoratori privi di documenti potrebbero essere utilizzati dai datori di lavoro come scioperanti e minare la retribuzione per i legali. Mentre l'opinione pubblica sull'amnistia si spostava nel tempo, però, Chavez alla fine ammorbidì la sua posizione.

6. Ha perso il supporto per l'incontro con un dittatore.

Chavez è stato ampiamente criticato per aver accettato un invito a Manila del 1977 da Ferdinand Marcos, un presidente delle Filippine da 20 anni accusato di violazioni dei diritti umani e corruzione. Chavez sperava di ottenere il sostegno degli operai agricoli filippini-americani, ma sostenendo il regime perse anche alcuni alleati.

7. Era interessato al culto anti-droga Synanon.

Negli ultimi anni Chavez studiò moderne tecniche di gestione e dinamiche di gruppo, tra cui uno strano programma di riabilitazione dalla droga, una "comunità di stili di vita alternativi" e un culto religioso chiamato Synanon. L'entità del suo coinvolgimento non è del tutto chiara, e Synanon fu defunto negli anni '90, ma secondo il biografo Miriam Pawel, l'interesse di Chavez per il culto causò più conflitti all'interno dell'UFW.

8. Ha rifiutato un lavoro presso la JFK.

Secondo quanto riferito, il presidente John F. Kennedy si offrì nel 1962 di rendere Chavez capo del Corpo di pace per parte dell'America Latina, ma Chavez rifiutò in modo da poter continuare a cercare di organizzare i lavoratori agricoli. Quello fu lo stesso anno in cui lui e Huerta fondarono la National Farm Workers Association.

9. Ha digiunato per 36 giorni all'età di 61 anni per protestare contro i pesticidi.

Sotto Chavez, l'UFW ha contribuito a garantire i contratti sindacali che proibivano l'uso del DDT, richiedevano indumenti protettivi per ridurre l'esposizione dei lavoratori ad altri pesticidi e impedivano di spruzzare mentre i lavoratori erano nei campi. Nel 1988 ha anche digiunato per 36 giorni per protestare contro l'uso di pesticidi sull'uva.

10. Era vegetariano.

"Sono diventato vegetariano dopo aver realizzato che gli animali hanno paura, freddo, fame e infelicità come noi", ha detto una volta Chavez. "Sono profondamente interessato al vegetarismo e al regno animale. È stato il mio cane Boicottaggio che mi ha portato a mettere in discussione il diritto degli umani a mangiare altri esseri senzienti."

Per saperne di più su Chavez, guarda la sua biografia dalla Chavez Foundation. E per uno sguardo al film del 2014 "Cesar Chavez", dai un'occhiata al trailer qui sotto:

    Articoli Correlati