10 dei peggiori incendi nella storia degli Stati Uniti

La stagione degli incendi è alle porte e quest'anno si preannuncia un altro inferno, soprattutto nel West. Sfortunatamente, le fiamme dilaganti stanno diventando sempre più la regola piuttosto che l'eccezione in questo periodo dell'anno. È una tendenza che non sorprende molti scienziati del clima, che hanno predetto che uno degli effetti del riscaldamento globale sarà l'aumento delle ondate di calore e della siccità in tutti gli Stati Uniti occidentali.

Quindi potrebbe essere che i peggiori incendi nella storia degli Stati Uniti siano quelli che devono ancora accadere. È un pensiero spaventoso, soprattutto considerando il danno che gli incendi hanno provocato in questo paese.

Possiamo solo sperare che questo sguardo non sia un segno delle cose a venire. Ecco i 10 peggiori incendi nella storia americana:

I grandi incendi del 1871

Una rappresentazione del grande incendio di Chicago del 1871. (Foto: John R. Chapin / Wikimedia Commons)

Nel 1871, durante la settimana dell'8-14 ottobre, deve essere sembrato che il mondo intero fosse in fiamme per i residenti dell'Alto Midwest. Quattro dei peggiori incendi della storia degli Stati Uniti sono scoppiati tutti nella stessa settimana in tutta la regione. Il Grande incendio di Chicago, che all'epoca distrusse circa un terzo delle valutazioni della città e lasciò senza casa più di 100.000 residenti, rubò i titoli dei giornali.

Ma allo stesso tempo, altri tre incendi hanno bruciato anche la regione. Gli incendi hanno raso al suolo le città olandesi e Manistee del Michigan in quello che è stato definito il Grande incendio del Michigan, mentre in tutto lo stato un altro incendio ha distrutto la città di Port Huron. Il peggior incendio di tutti, tuttavia, potrebbe essere stato il Great Peshtigo Fire, una tempesta di fuoco che ha devastato la campagna del Wisconsin, lasciando più di 1.500 morti - il maggior numero di morti per incendio nella storia degli Stati Uniti.

Che tutti questi incendi devastanti siano avvenuti contemporaneamente, su distanze così ampie, ha convinto molti ricercatori a non essere una coincidenza. In effetti, alcuni hanno persino suggerito che gli incendi sono stati causati da una pioggia di meteoriti, frammenti dall'impatto della cometa Biela. Altri credono che i venti forti che si muovono attraverso la regione offrano una spiegazione più sensata per l'insolita confluenza di eventi.

Grande incendio del 1910

Wallace, Idaho, fu distrutto dagli incendi boschivi del 1910. (Foto: Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti / Wikimedia Commons)

Il grande incendio del 1910, anche occasionalmente indicato come "Big Burn", è ritenuto il più grande singolo incendio della storia americana registrata. Ha bruciato oltre 3 milioni di acri in Idaho, Montana e Washington - in tutto, una superficie totale circa le dimensioni del Connecticut. Ci sono stati 87 morti per l'incendio e 78 di questi erano vigili del fuoco.

La gestione del fuoco ha continuato a plasmare il futuro del Servizio Forestale degli Stati Uniti. Immediatamente dopo l'incendio del 1910, il servizio giurò di combattere tutti gli incendi, anche quelli che si verificano in natura e che non minacciano la vita o le proprietà umane. I meriti di questa politica sono ancora dibattuti oggi, in particolare dagli ecologi che insistono sulla necessità di alcuni incendi per la salute degli ecosistemi.

Miramichi Fire

Il fuoco di Miramichi fu uno dei peggiori incendi boschivi della storia nordamericana. Sebbene la maggior parte del danno sia stato fatto a New Brunswick (intorno alla città canadese di Miramichi), la tempesta di fuoco ha raggiunto anche lo stato americano del Maine. Quando la fiammata fu dissipata, oltre 3 milioni di acri erano stati bruciati e almeno 160 persone erano state uccise.

Una delle storie di sopravvivenza più strazianti che escono da questo evento coinvolge i residenti lungo il fiume Miramichi che guadarono per ore nelle sue acque mentre il fuoco passava. Si dice che condividessero l'acqua con il bestiame e persino gli animali selvatici, tra cui procioni, cervi, orsi e grandi alci, tutti cercando di sfuggire alle fiamme.

Oakland Firestorm del 1991

Uno dei peggiori incendi urbani della storia moderna, l'Oakland Firestorm del 1991 iniziò come un relativamente piccolo incendio di erba nelle Berkeley Hills. Ma dopo essere stato persistentemente alimentato dai forti "venti di Diablo" stagionali, quel fuoco a spazzola alla fine è cresciuto fino a consumare 1.520 acri, tra cui oltre 3.500 case, appartamenti e condomini. Tale distruzione - e in una zona così densamente popolata - significava che il disastro trasportava uno dei prezzi più pesanti per danni da incendio nella storia degli Stati Uniti: circa 1, 5 miliardi di dollari.

I filmati scioccanti degli incendi sono stati registrati dai media e dai singoli cittadini. Ecco un esempio di seguito:

Cloquet Fire

Persone e rovine dopo l'incendio del Cloquet, 1918. (Foto: Minnesota Historical Society)

Il peggior disastro naturale nella storia del Minnesota, il Cloquet Fire del 1918, causò quasi 500 vittime in un solo giorno. Il fuoco è iniziato dopo che le scintille dei binari della ferrovia locale hanno acceso la spazzola a secco. Quando le fiamme si sono ridotte, ben 38 comunità sono state rase al suolo, 250.000 acri sono stati bruciati, 52.000 persone sono state ferite o sfollate e i costi sono aumentati a quasi $ 75 milioni.

L'estate del fuoco di Yellowstone

Incendi a terra a Grant Village durante l'incendio del Parco di Yellowstone del 1988. (Foto: Wikimedia Commons)

L'estate del 1988 ha visto il più grande scoppio di incendi nella storia registrata del Parco Nazionale di Yellowstone. Quando il fuoco si placò, oltre 2 milioni di acri erano stati bruciati, circa un terzo dell'intero parco. Miracolosamente, nessuna vita è andata perduta come conseguenza diretta delle fiamme, anche se fino a 25.000 vigili del fuoco erano stati inviati a combattere l'incendio.

Il fuoco è stato pesantemente coperto dai media, in parte a causa delle dimensioni dell'incendio, ma anche a causa del prestigio di Yellowstone come uno dei parchi nazionali più famosi al mondo. Sebbene il parco abbia goduto di una solida ripresa, la copertura ha scatenato un acceso dibattito sulle politiche in evoluzione del Servizio Forestale degli Stati Uniti in materia di gestione degli incendi all'epoca. Durante la maggior parte del secolo, il servizio ha adottato misure aggressive contro tutti gli incendi, promettendo di eliminarli rapidamente. Ma nei decenni precedenti l'incendio del 1988, era stata testata una nuova politica che consentiva ustioni controllate. All'indomani dell'incendio del 1988, furono emanate linee guida più severe in base alle quali gli incendi naturali potevano essere autorizzati a bruciare.

Puoi guardare filmati drammatici dal fuoco nel video qui sotto:

California Cedar Fire del 2003

I conducenti si arrampicano sull'argine per scappare mentre il Cedar Fire attraversa l'autostrada. (Foto: US Marine Corps / Sgt Giles M. Isham / Wikimedia Commons)

Alimentati da estati secche e da frustate raffiche stagionali conosciute come i venti di Santa Ana e Diablo, i grandi incendi sono diventati un evento quasi annuale in tutta la California. Ma il 2003 potrebbe essere stato l'anno peggiore registrato per il Golden State.

Il più grande incendio di quell'anno fu il cosiddetto Cedar Fire, una fiammata che ebbe inizio dopo che un cacciatore smarrito accese un piccolo segnale di fuoco nella Cleveland National Forest, a soli 25 miglia da San Diego. Alla fine l'incendio arrivò a consumare più di 280.000 acri - quasi 30.000 dei quali erano entro i limiti della città di San Diego - e divenne il più grande singolo incendio nella storia della California.

2004 Taylor Complex Fire

Il più grande incendio registrato negli Stati Uniti dal 1997, il Taylor Complex Fire dell'Alaska del 2004 ha bruciato oltre 1.300.000 acri. È stata la più grande conflagrazione nella stagione degli incendi del 2004 da record in Alaska, che alla fine ha visto bruciare all'incirca 6, 5 ​​milioni di acri di foresta - il totale più alto nella storia degli Stati Uniti.

Great Hinckley Fire del 1894

Hinckley dopo l'incendio del 1894. (Foto: Minnesota Historical Society)

Il secondo peggior incendio nella storia del Minnesota (dietro il Cloquet Fire del 1918), il Great Hinckley Fire del 1894 fu una fiammata devastante che devastò più di 200.000 acri e causò almeno 418 vittime - uno dei più mortali incendi nella storia degli Stati Uniti. La tempesta si è mossa con notevole ferocia nonostante durasse solo circa quattro ore.

Il fuoco è anche famoso per aver ucciso Thomas P. "Boston" Corbett, il soldato dell'Unione che ha ucciso John Wilkes Booth, l'assassino di Abraham Lincoln.

2007 incendi in California

Incendio sul Monte Miguel nella Contea di San Diego il 23 ottobre 2007. (Foto: David S. Roberts / Wikimedia Commons)

Ogni stagione degli incendi in California sembra superare l'ultima, ma gli incendi del 2007 sono particolarmente notevoli per portare alla più grande evacuazione nella storia della California. In totale, gli incendi hanno provocato lo sfollamento di quasi 1 milione di persone e hanno distrutto almeno 1.500 case nella sola area di San Diego. L'area coperta dai vari incendi era enorme: oltre 500.000 acri che si estendevano dalla contea di Santa Barbara fino al confine tra Stati Uniti e Messico.

Articoli Correlati