11 fatti sulle foreste pluviali temperate del Nord America

Quando sentiamo la parola "foresta pluviale" la maggior parte di noi pensa immediatamente alle giungle tropicali calde che corrono lungo l'equatore come una cintura verde. Tuttavia, una foresta pluviale è semplicemente una foresta che riceve molte piogge e ci sono aree del mondo con temperature più miti che ospitano anche foreste pluviali, incluso il Nord America.

Esistono solo sette ecosistemi della foresta pluviale temperata in tutto il mondo e il Nord America ospita uno di questi. Le foreste pluviali temperate del nord-ovest del Pacifico, che vanno dalla California settentrionale alla Colombia britannica, esistono in quella che è la più grande ecoregione della foresta pluviale temperata del mondo. (Vale la pena notare che le definizioni del Pacifico nord-occidentale variano, dalle più semplici - California, Oregon, stato di Washington e provincia della Columbia Britannica - a definizioni più ampie che includono l'Alaska sud-orientale e parti del Wyoming e del Montana oltre agli stati fondamentali.)

Sede di una ricca diversità di specie, molte delle quali non si trovano in nessun'altra parte del mondo, è un posto incredibile da esplorare. E con uno dei più alti livelli di biomassa di qualsiasi luogo sulla Terra, sei sicuro di imbatterti in qualcosa di bello in ogni fase del tuo viaggio attraverso il suolo della foresta.

I giganti vivono nelle foreste pluviali temperate del nord-ovest pacifico. Mentre Sasquatch è un mito (o lo è?) I veri giganti incredibili sono le sequoie costiere.

Le specie uniche trovate nella California del Nord sono alcuni degli alberi più massicci, più alti e più antichi del pianeta. Contano sull'aria umida per assorbire abbastanza acqua per sostenere la loro enorme statura e per sopravvivere dipendono dalla nebbia costiera. Gli alberi di sequoie sono un ecosistema in sé e per sé, con rami che ospitano specie di animali che non toccano mai il suolo.

Le sequoie si trovano lungo la costa del Pacifico dalla costa centrale della California al confine meridionale dell'Oregon.

I grandi predatori sono di casa nelle foreste pluviali temperate del Nord America, dai lupi agli orsi ai leoni di montagna. Questo cucciolo di leone di montagna un giorno crescerà fino a 6 piedi di lunghezza e pesa tra 85 e 180 libbre.

I leoni di montagna - noti anche come puma, puma e molti altri nomi - svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento delle popolazioni di cervi, che a loro volta mantengono la salute della foresta sottovalutata. I predatori sono importanti per la perpetuazione delle foreste pluviali temperate del Nord America come la pioggia stessa.

Le foreste pluviali temperate ospitano anche linci, linci, coyote e molti altri predatori importanti.

La foresta pluviale temperata del nord-ovest del Pacifico ospita anche la più grande sottospecie di alci del continente: l'alce di Roosevelt.

Chiamata per il presidente Theodore Roosevelt, la sottospecie prende anche il nome di alce olimpica in parte perché il Parco Nazionale Olimpico nello stato di Washington ospita la più grande mandria rimasta allo stato brado. La foresta pluviale di Hoh è un luogo eccellente per individuare questi enormi ungulati mentre navigano su felci e licheni

"Gli alci svolgono un ruolo importante nel ciclo di vita della foresta, eliminando la vegetazione sobria, che lascia spazio ad altre specie animali e vegetali", osserva Oregon Wild. "Attualmente la perdita dell'habitat e la frammentazione a causa del disboscamento e della costruzione di strade minacciano questi alci unici."

Mentre pensiamo alle foreste pluviali temperate come parte della terra, gli animali che arrivano dall'oceano spalancato svolgono un ruolo sorprendentemente importante nella salute generale delle foreste pluviali, in particolare il salmone.

Mentre i salmoni nuotano a monte durante la stagione riproduttiva, gli orsi li catturano e li portano nella foresta per cenare. Gli scarti diventano cibo per altre creature più piccole e fertilizzano il terreno per le piante.

La fotografa Amy Gulick ha creato un libro intitolato "Salmon In The Trees", che esplora la connessione tra i pesci che ritornano alla deposizione delle uova e il modo in cui alimentano la flora e la fauna miglia nell'entroterra.

I rapaci svolgono anche un ruolo nelle foreste pluviali del nord-ovest del Pacifico. Le aquile calve sono forse le più famose e gregarie, ma tra i rami degli alberi sono nascosti i gufi maculati e i gufi sbarrati, i gufi nordici e gli asinelli nordici, il falco pescatore e il gheppio.

Mentre i rapaci si guadagnano da vivere nelle foreste, a volte si scontrano tra loro. Il declino dei gufi macchiati a causa del disboscamento nelle foreste di vecchia crescita nel nord-ovest del Pacifico porta a una polemica accesa tra gli ambientalisti e l'industria del legname. Alla fine, le specie hanno ottenuto protezioni, ma oggi si trovano ad affrontare la competizione dei gufi sbarrati, una specie più grande e più aggressiva che li spinge dal loro habitat rimanente. Il modo in cui preserviamo la specie è problematico come non mai.

Smithsonian scrive: Mentre il caos climatico interrompe i modelli migratori, il vento, il tempo, la vegetazione e i flussi fluviali, sorgeranno conflitti inaspettati tra le specie, confondendo gli sforzi per arrestare o rallentare le estinzioni. Se il gufo macchiato è una guida, tali conflitti potrebbero verificarsi rapidamente, ribaltare il modo in cui salviamo piante e animali rari e creare pressione per agire prima che la scienza sia chiara. Per i gufi macchiati "abbiamo in qualche modo messo i paraocchi e abbiamo cercato di gestire solo l'habitat, sperando che le cose non peggiorassero", ha detto [Eric] Forsman. "Ma col tempo l'influenza della civetta sbarrata divenne impossibile da ignorare."

Il sottosuolo e il suolo della foresta sono i luoghi dove gran parte della biodiversità si trova qui nelle foreste pluviali temperate. Oltre alle alte conifere, ci sono alberi più piccoli che prosperano all'ombra come acero e corniolo, così come arbusti amanti dell'ombra come rododendro del Pacifico, more e salmone. È qui che puoi sperimentare felci lussureggianti come oxalis dell'Oregon, felce di spada e felce di signora. I muschi coprono i tronchi caduti, contribuendo a trattenere l'umidità, ei funghi spuntano dal fungo ragnatela sotto il suolo e nella decomposizione della vita delle piante.

Insieme alla flora che attecchisce nel suolo è la flora che non usa affatto radici. Grazie alle temperature miti e all'abbondanza di umidità, le epifite crescono bene nella foresta pluviale temperata. Questi sono i muschi, i licheni, le felci e altre piante che crescono su altre piante, come attraverso i rami degli alberi.

Secondo l'Oregon State, "Le epifite sono una componente importante della diversità nelle foreste del Pacifico nordoccidentale. Il numero di specie di briofite e macrolicheni epifiti è tipicamente 40-75 specie in un diagramma di 1 acro. Questo spesso supera il numero di fioritura specie vegetali nella stessa foresta ".

Alcune specie presenti in questa regione vanno dal minuscolo lichene falso folletto al mosto polmonare, che assomiglia un po 'a una piccola foglia di cavolo, e dalla felce di liquirizia ai velati pennuti del muschio di coda di gatto.

Secondo il World Wildlife Fund, "Più di un quarto delle foreste pluviali temperate costiere del mondo si verificano nelle foreste costiere del Nord Pacifico ecoregione del sud-est dell'Alaska".

La foresta nazionale Tongass è una grande fascia di foresta pluviale temperata situata nel sud-est dell'Alaska. È la più grande foresta nazionale degli Stati Uniti e la più grande foresta pluviale temperata rimasta al mondo. È qui che puoi trovare alcune delle foreste pluviali temperate dell'ultima crescita del continente.

Se ti piace camminare attraverso foreste fiabesche, ricche di felci e conifere coperte di muschio, tranquille ma per il suono di richiami di uccelli o torrenti impetuosi, allora questo ecosistema unico del nord-ovest pacifico è assolutamente da visitare.

Articoli Correlati