15 cose che Obama ha fatto per l'ambiente

Il presidente Barack Obama ha fatto della protezione dell'ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici uno dei cardini della sua presidenza. Ha detto molte volte che "crede che nessuna sfida rappresenti una minaccia maggiore per i nostri bambini, il nostro pianeta e le generazioni future dei cambiamenti climatici - e che nessun altro paese sulla Terra è meglio attrezzato per guidare il mondo verso una soluzione".

Sapendo che le iniziative ecologiche sono storicamente improbabili per ottenere il sostegno bipartisan, una volta ha promesso che "se il Congresso non agirà presto per proteggere le generazioni future, lo farò". E ha mantenuto la promessa, usando la sua autorità ai sensi dell'Antiquities Act del 1906 più volte di qualsiasi altro presidente della storia. Quindi, mentre Obama si avvicina alla fine del suo secondo mandato in carica, diamo un'occhiata al suo record sull'ambiente.

1. Istituita la più grande riserva marina del mondo

Questa barriera corallina fa parte dell'atollo Palmyra, che si trova all'interno del monumento nazionale marino delle isole remote del Pacifico. (Foto: US Fish and Wildlife Service / Flickr)

Nel settembre 2014, Obama ha ampliato il monumento nazionale marino delle isole remote del Pacifico (PRIMNM) per includere oltre 490.000 miglia quadrate - un'area sei volte la sua dimensione originale quando è stata creata dal presidente George W. Bush nel gennaio 2009. PRIMNM comprende sette atolli e piccole isole nell'Oceano Pacifico che ospitano coralli, pesci, molluschi, mammiferi marini, uccelli, insetti e piante che non si trovano in nessun'altra parte del pianeta. Inoltre, l'area è "completamente vietata all'estrazione di risorse commerciali, compresa la pesca commerciale".

2. Firmato un divieto bipartisan di microsfere

Un campione di microsfere raccolte dal lago Erie nel 2012. (Foto: 5 Gyres Institute)

Il 28 dicembre 2015, Obama ha firmato una legge che proibisce le microsfere: i piccoli esfolianti di plastica che si trovano nei prodotti di bellezza e nei dentifrici che entrano nei nostri corsi d'acqua, vengono scaricati negli ecosistemi e vengono consumati dai pesci e da altre forme di vita marina. La legge "vieta la fabbricazione e l'introduzione nel commercio interstatale di cosmetici con risciacquo contenenti microsfere di plastica aggiunte intenzionalmente" e i primi passi entrano in vigore il 1 ° luglio 2017, quando la produzione di alcuni prodotti di microsfere diventa illegale.

3. Oleodotto Keystone XL respinto

Una folla di 35.000 a 50.000 si è radunata vicino al monumento a Washington il 17 febbraio 2013, per protestare contro l'oleodotto Keystone XL. (Foto: Jmcdaid / Wikimedia Commons)

Il 6 novembre 2015, Obama ha respinto la costruzione dell'oleodotto di 1.179 miglia dal Canada alla costa del Texas, che è diventato un simbolo del dibattito sulle sue politiche sul cambiamento climatico. Dopo una revisione di sette anni, il presidente ha annullato la proposta di TransCanada, che i repubblicani hanno promesso di creare migliaia di nuovi posti di lavoro e ha dichiarato: “L'America è ora un leader globale quando si tratta di intraprendere azioni serie per combattere i cambiamenti climatici. Francamente, approvare questo progetto avrebbe minato quella leadership globale ".

4. Nominato un nuovo amministratore EPA

Gina McCarthy ha parlato al quartier generale dell'EPA a Washington, DC, il 2 giugno 2014. (Foto: Chip Somodevilla / Getty Images)

Il 18 luglio 2013, il Senato degli Stati Uniti ha confermato Gina McCarthy come amministratore dell'Agenzia per la protezione ambientale (EPA). Obama ha nominato McCarthy nel suo secondo mandato, affermando che ha lavorato presso l'EPA Office of Air and Radiation, cinque anni come capo del Dipartimento per la protezione ambientale del Connecticut e 25 anni come funzionario ambientale in Massachusetts più che qualificata per il suo lavoro. Inoltre, aveva sviluppato emissioni federali e standard di qualità dell'aria per l'amministrazione Obama, guadagnandosi il soprannome di "quarterback verde" di Obama. Secondo quanto riferito, McCarthy è rispettata da entrambi i lati della navata per la sua disponibilità a negoziare, e ha lavorato sia per i democratici che per i repubblicani. In Massachusetts, il Governatore Mitt Romney ha nominato il suo sottosegretario alla politica presso l'ufficio esecutivo per gli affari ambientali.

5. Votato contro il Clear Skies Act

Nel 2002, il presidente George W. Bush ha proposto la Clear Skies Initiative, che secondo l'EPA avrebbe ridotto le emissioni delle centrali elettriche di anidride solforosa (SO2), ossidi di azoto (NOx) e mercurio fissando un limite nazionale a ciascun inquinante. (Foto: Chip Somodevilla / Getty Images)

Quando era un nuovo senatore a Washington, DC, Obama ha fatto parte del comitato Ambiente e Lavori Pubblici. Un'iniziativa dell'amministrazione George W. Bush chiamata Clear Skies Act, che secondo i repubblicani avrebbe ridotto l'inquinamento atmosferico e dato impulso all'economia, era sottoposta al voto della commissione. Come legislatore statale dell'Illinois, aveva la reputazione di supportare le questioni ambientali e la maggior parte dei democratici riteneva che il piano avrebbe indebolito le normative sull'aria pulita, ritardando l'applicazione degli standard di smog e fuliggine ed esonerando le centrali elettriche dalle norme sulle emissioni. Mentre l'altalena vota in commissione, ha votato contro il piano e ha ucciso la legislazione.

6. Ampliato il monumento nazionale costiero della California

L'unità Point Arena-Stornetta fa parte del monumento nazionale costiero della California. (Foto: Bureau of Land Management / Flickr)

Nel marzo 2014, Obama ha istituito la prima aggiunta di litorale al monumento, che consiste di 20.000 rocce, isole, scogliere esposte e pinnacoli lungo 1.100 miglia della costa della California settentrionale. L'aggiunta è una striscia di coste rocciose, corridoi fluviali, prati e zone umide conosciute come Point Arena-Stornetta Public Lands. "Nel mio discorso sullo stato dell'Unione, ho detto che avrei usato la mia autorità per proteggere più delle nostre terre federali incontaminate per le generazioni future." ha detto in una dichiarazione. “Il nostro paese è benedetto con alcuni dei paesaggi più belli del mondo. Spetta a noi proteggerli, in modo che anche i bambini dei nostri bambini possano sperimentarli. ”

7. Istituito il più grande santuario oceanico del pianeta

Una tartaruga verde nuota sotto il molo di Midway Island a Papahānaumokuākea Marine National Monument. (Foto: Greg McFall / NOAA)

Il monumento nazionale marino Papahānaumokuākea delle Hawaii - un patrimonio mondiale dell'UNESCO e sede di oltre 7.000 specie di animali selvatici, alcuni dei quali in via di estinzione - è stato il più grande santuario oceanico della Terra quando George W. Bush lo ha creato nel 2006. Ma nel corso degli anni è scivolato a 10 °, quindi Obama ha quadruplicato le sue dimensioni. "[N] nuove esplorazioni e ricerche scientifiche hanno rivelato nuove specie e habitat di acque profonde, nonché importanti connessioni ecologiche tra il monumento esistente e le acque adiacenti", ha affermato la Casa Bianca. "La designazione odierna amplierà l'attuale monumento nazionale marino di 442.781 miglia quadrate, portando l'area protetta totale del monumento ampliato a 582.578 miglia quadrate".

8. Elevati standard di efficienza del carburante

Mentre il traffico sfrecciava lungo un'autostrada a San Francisco nel maggio 2009, il presidente Obama ha annunciato nuovi standard di efficienza del carburante per auto e piccoli camion per ridurre le emissioni di carbonio dei veicoli e aumentare il chilometraggio del 30 percento. (Foto: Justin Sullivan / Getty Images)

Il 29 luglio 2011, il Presidente Obama ha annunciato un accordo con 13 importanti case automobilistiche per aumentare il consumo di carburante da 29, 7 miglia al gallone a 54, 5 miglia al gallone per auto e camion leggeri entro il 2025. La Casa Bianca ha affermato che "il programma nazionale per migliorare il risparmio di carburante e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra consentiranno ai consumatori di risparmiare oltre 1, 7 trilioni di dollari alla pompa di benzina e ridurre il consumo di petrolio degli Stati Uniti di 12 miliardi di barili "

"Non esiste un'altra strategia di controllo dell'inquinamento atmosferico che conosciamo che produrrà riduzioni delle emissioni sostanziali, economiche e rapide", ha affermato Bill Becker, direttore esecutivo dell'Associazione nazionale delle agenzie di aria pulita, in merito alla politica.

9. Ha presentato il piano di energia pulita

La WA Parish Power Plant in Texas è una delle più grandi centrali elettriche a carbone negli Stati Uniti (Foto: Roy Luck / Flickr)

L'obiettivo del Clean Power Plan, proposto per la prima volta dall'EPA nel 2014, è ridurre l'inquinamento da carbonio delle centrali elettriche. Secondo l'EPA, quando il piano sarà pienamente operativo nel 2030, l'inquinamento da carbonio del settore energetico sarà del 32 percento inferiore ai livelli del 2005, ovvero 870 milioni di tonnellate in meno di inquinamento da carbonio. Ciò equivale alle emissioni annuali del 70 percento dei veicoli passeggeri della nazione, afferma l'EPA. La Casa Bianca afferma di stabilire i primi limiti nazionali in assoluto per mercurio, arsenico e altri inquinanti atmosferici tossici dalle centrali elettriche. Inoltre, la politica richiederebbe agli Stati di soddisfare specifici standard di riduzione delle emissioni di carbonio in base al loro particolare consumo di energia.

Il piano di energia pulita è stato anche la base per uno storico accordo del 2014 con la Cina in cui i due paesi hanno concordato riduzioni drammatiche delle loro emissioni di gas serra. Questa è stata una collaborazione rivoluzionaria non solo perché i due principali produttori di anidride carbonica del pianeta hanno promesso i loro tagli alle emissioni più grandi di sempre, ma anche perché hanno aperto la strada all'accordo di Parigi del 2015, in cui 195 paesi diversi hanno concordato di ridurre le emissioni di carbonio.

Nell'agosto 2015, Obama ha presentato la versione finale del piano, ma da allora è stata oggetto di una lunga battaglia giudiziaria. Da una parte c'è Obama, l'EPA, 18 stati e vari gruppi ambientalisti. Dall'altro lato ci sono ancora più stati, compagnie elettriche, compagnie del carbone e la Camera di commercio degli Stati Uniti. "Questo è un caso enorme", ha dichiarato il giudice Brett M. Kavanaugh, uno dei 10 giudici di una potente corte d'appello federale a Washington, DC, che sta ascoltando il caso, ha detto alla CNN, e ha aggiunto che potrebbe "fondamentalmente" trasformare l'industria. Questo potrebbe essere il motivo per cui il piano di energia pulita è attualmente congelato mentre la Corte suprema degli Stati Uniti ha votato per non attuarlo fino a quando non si svolgerà il processo di ricorso.

10. Stabilita la Great Outdoors Initiative americana

Un ranger del parco del Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti ha portato gli studenti a fare un'escursione nella natura al Centro Natura Effie Yeaw in California a sostegno della Great Outdoors Initiative del Presidente Obama. (Foto: US Army Corps of Engineers / flickr)

Nel 2010, il presidente Obama ha lanciato questa iniziativa per sviluppare una "strategia di conservazione e ricreazione del 21 ° secolo". E a novembre 2011, il Dipartimento degli Interni aveva pubblicato un elenco di progetti in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, tra cui il Rio Salado River Pathways Program in Arizona e il Yampa River Basin Project in Colorado. Secondo l'Ufficio di gestione del territorio (BLM), alcuni degli obiettivi chiave erano:

  • Migliorare l'accesso e le opportunità ricreative.
  • Aumentare la consapevolezza del valore e dei benefici dei grandi spazi aperti d'America.
  • Coinvolgere i giovani nella conservazione e nei grandi spazi aperti.
  • Istituire grandi parchi urbani e spazi verdi della comunità.
  • Conservare fattorie, ranch e foreste di lavoro rurali attraverso partenariati e incentivi.
  • Conservare e ripristinare le nostre terre e acque federali.
  • Proteggi e rinnova fiumi e altre acque.

11. Firmato l'Omnibus Public Land Management Act del 2009

I laghi Kearsarge all'interno della catena montuosa della Sierra Nevada in California sono stati protetti in modo permanente ai sensi dell'Omnibus Public Land Management Act del 2009. (Foto: Terabass / Wikimedia Commons)

La Casa Bianca ha definito questo disegno di legge ampiamente bipartisan "l'espansione più estesa della terra e della conservazione dell'acqua in più di una generazione, designando più di due milioni di acri di terre selvagge federali, migliaia di miglia di sentieri e proteggendo più di 1.000 miglia di fiumi".

Quando la terra è designata come regione selvaggia federale, riceve la più alta forma di protezione di qualsiasi area selvaggia federale e diventa parte del National Wilderness Preservation System, secondo la Wilderness Society. Nove stati - California, Colorado, Idaho, Michigan, New Mexico, Oregon, Utah, Virginia e West Virginia - sono stati inclusi nel conto.

12. Ha usato l'Antichities Act più di qualsiasi altro presidente della storia

Obama ha usato il suo potere ai sensi dell'Antiquities Act del 1906 per stabilire il monumento nazionale delle Isole di San Juan, un arcipelago di oltre 450 isole, rocce e pinnacoli nel Puget Sound dello stato di Washington. (Foto: Bureau of Land Management / Flickr)

Il presidente Obama ha usato la sua autorità ai sensi dell'Antiquities Act del 1906 - che consente ai presidenti degli Stati Uniti di fare un proclama presidenziale per creare monumenti nazionali da terre pubbliche per proteggere importanti punti di riferimento naturali, culturali o scientifici - almeno 23 volte. Ad esempio, a New York City, Obama ha designato Christopher Park e lo ha ribattezzato monumento nazionale di Stonewall per rendere omaggio ai disordini di Stonewall avvenuti nelle vicinanze nel 1968, lanciando il moderno movimento per i diritti dei gay. E nel New Mexico, ha designato il monumento nazionale del Rio Grande del Norte, che secondo il BLM "è costituito da aspre pianure spalancate ad un'altitudine media di 7000 piedi, punteggiate da coni vulcanici e tagliate da ripidi canyon con fiumi nascosti nelle loro profondità ".

"Ogni presidente ha usato l'Antiquities Act e alcuni lo hanno usato più di altri", ha detto a USA Today Theresa Pierno, presidente della National Parks Conservation Association, un gruppo indipendente di difesa dei parchi. "Ma è molto diverso, quello che Obama ha fatto. Hai iniziato a vedere la sua protezione dei parchi che raccontano storie molto importanti che sono state trascurate nella nostra storia."

13. Investito in energia verde durante la Grande Recessione

Il Recovery Act ha stimolato progetti di energia rinnovabile negli Stati Uniti, inclusi parchi eolici come l'Alta Wind Energy Center nella Contea di Kern, in California, che è uno dei più grandi parchi eolici negli Stati Uniti (Foto: Z22 / Wikimedia Commons)

Per aiutare gli americani a lottare finanziariamente durante la recessione economica a metà degli anni 2000, Obama ha firmato l'American Recovery and Reinvestment Act (ARRA) nel 2009 (alias Stimulus Bill o Recovery Act). Mentre l'obiettivo principale di questa legge gigantesca era di riportare subito le persone al lavoro, mirava anche a fornire sollievo alle industrie colpite dalla recessione, come l'istruzione, la salute e le energie rinnovabili. In effetti, l'ARRA conteneva oltre 90 miliardi di dollari in sussidi per l'energia verde, secondo la Casa Bianca.

Inoltre, Obama ha istituito crediti d'imposta per i proprietari di abitazione che hanno apportato miglioramenti energeticamente efficienti alle loro case esistenti, acquistato attrezzature energetiche alternative (come gli scaldacqua solari) o acquistato auto elettriche, secondo l'Internal Revenue Service (IRS). E $ 500 milioni sono stati riservati al Dipartimento del Lavoro per la formazione dei colletti verdi. Altri punti salienti del progetto relativi all'ambiente includono:

  • finanziamento per 180 progetti avanzati di produzione di energia.
  • la creazione o l'espansione di 100.000 progetti di energia rinnovabile in tutto il paese offrendo nuove opzioni di finanziamento, come nel caso dell'Alta Wind Energy Center in California, uno dei più grandi parchi eolici del mondo.
  • costi inferiori per molte tecnologie di energia pulita, rendendole più competitive rispetto ai combustibili fossili.
  • agenti atmosferici di oltre 1 milione di case a basso reddito per migliorare l'efficienza energetica.

14. Ha avviato un piano per salvare api e impollinatori

La strategia federale per proteggere le api include un obiettivo di ripristinare la salute delle colonie di api da miele a livelli sostenibili entro il 2025. (Foto: NATTHAPRAPHANIN JUNTRAKUL / Shutterstock)

Nel 2014, Obama ha creato una "Strategia federale per promuovere la salute delle api da miele e di altri impollinatori" e ha istituito la Task Force sulla salute degli impollinatori, incaricata di sviluppare una strategia nazionale per la salute degli impollinatori, che è stata pubblicata un anno dopo. Gli obiettivi della strategia, secondo l'EPA, sono:

  • Ripristina la salute della colonia di api a livelli sostenibili entro il 2025.
  • Aumentare le popolazioni di farfalle monarca orientali a 225 milioni di farfalle entro il 2020.
  • Ripristinare o migliorare 7 milioni di acri di terra per impollinatori nei prossimi cinque anni.

15. Stabilita la prima politica oceanica nazionale americana

Nella foto Lakeshore National Rocks, situato sulla sponda meridionale del Lago Superiore nel Michigan, è noto per le sue scogliere rocciose multicolori. (Foto: Oleksandr Koretskyi / Shutterstock)

Conosciuta anche come Politica nazionale per la gestione dell'oceano, le nostre coste e i Grandi Laghi (che bocca piena), questa politica del 2013 non ha creato nuovi regolamenti o autorità. Invece, il suo obiettivo è "assicurare che le numerose agenzie federali coinvolte nella gestione degli oceani collaborino per ridurre la duplicazione e la burocrazia e utilizzare i dollari dei contribuenti in modo più efficiente", secondo un comunicato stampa. Il Bureau of Ocean Energy Management lo definisce un "documento vivente" che "si concentra sul miglioramento del coordinamento per aumentare l'efficienza amministrativa nel processo di autorizzazione federale; gestire meglio le risorse oceaniche, costiere e dei Grandi Laghi che guidano gran parte della nostra economia; sviluppare e diffondere solide informazioni scientifiche che le comunità, le industrie e i decisori locali possano utilizzare e collaborare in modo più efficace con i partner statali, tribali e locali, le industrie marittime e altre parti interessate. "

* * *

Come dimostra questa storia di NationSwell, politici, ambientalisti e altri leader hanno una serie di opinioni sulla storia di Obama riguardo all'ambiente. E mentre alcuni degli ambientalisti più duri possono pensare di non aver fatto abbastanza (Annie Leonard, direttore esecutivo di Greenpeace, afferma che la sua amministrazione continua a noleggiare enormi quantità di combustibili fossili di proprietà pubblica, per esempio), questa citazione di Carol M. Browner, ex capo dell'EPA durante l'amministrazione Clinton e direttore dell'Ufficio dell'energia e dei cambiamenti climatici dal 2009 al 2011, può riassumere meglio i suoi successi:

"L'eredità del presidente sui cambiamenti climatici risiede nel suo successo nel rendere i cambiamenti climatici un obbligo politico centrale, facendo sì che milioni di americani se ne occupino, portando l'industria e altre parti interessate e affrontando il problema di fronte all'appassimento dell'opposizione del Congresso".

Articoli Correlati