15 fatti sulla strana palla kakapo

Il kakapo è un uccello insolito. Il pappagallo più grande del mondo era una volta comune in tutta la sua nativa Nuova Zelanda fino a quando i predatori non lo cacciarono sull'orlo dell'estinzione. Ora il tozzo uccello verde e giallo è in grave pericolo di estinzione e vive solo su quattro isole al largo della costa della Nuova Zelanda. È al centro di un notevole sforzo di conservazione da parte del programma di recupero Kakapo del Dipartimento della Conservazione della Nuova Zelanda.

Dai suoi stravaganti peli sul viso agli elaborati rituali di corteggiamento, il kakapo è sicuramente speciale. Ecco una dozzina di fatti strani su questo uccello unico.

1. Ogni kakapo ha un nome.

Il primo pulcino kakapo della stagione riproduttiva 2016. (Foto: Dipartimento di conservazione della Nuova Zelanda)

Attualmente ci sono 211 uccelli adulti noti, ognuno nominato e ampiamente monitorato. È un grande salto dal 1995, quando c'erano solo 51 uccelli conosciuti. Perché ci sono così pochi uccelli, tutti i kakapo hanno nomi. Sono nominati dai membri del programma di recupero di Kakapo. In genere agli uccelli più vecchi venivano dati nomi in lingua inglese come Boomer, Flossie e Ruth. I pulcini più recenti hanno nomi Maori come Ra, Ruapuke e Taeatanga. Alcuni uccelli sono stati nominati per le persone coinvolte negli sforzi di conservazione. Ad esempio, Attenborough è stato nominato in onore del conservazionista Sir David Attenborough.

2. I Kakapos non sembrano davvero pappagalli.

Il kakapo sembra più un gufo. Ha una faccia da baffo che sembra sfoggiare montone o basette.

3. Sono solitari notturni.

Il suo nome significa "pappagallo notturno" in Maori perché preferisce i walkabout notturni da solista. Kakapo Recovery definisce il pappagallo un "vagabondo di mezzanotte" per la sua propensione a dormire tutto il giorno e vagare da solo attraverso la foresta di notte. Questi uccelli in genere si infilano in un albero durante il giorno e escono come una festa la sera per trovare cibo. Questi uccelli cercano compagnia solo quando è il momento di riprodursi.

4. I Kakapos sono mamme single.

Tre ragazze kakapo guardano il mondo. La loro mamma li nutrirà fino a quando non avranno 6 mesi. (Foto: Dipartimento di conservazione della Nuova Zelanda [CC BY 2.0] / Flickr)

Dopo che l'attività di allevamento è finita, i maschi abbandonano le femmine per lasciarli crescere da soli. La femmina di solito depone da una a quattro uova. Deve lasciare da sola i pulcini appena nati mentre cerca cibo. In genere, i pulcini lasciano il nido dopo circa 10 settimane, ma spesso una madre continua a dar loro da mangiare fino a quando non raggiungono i 6 mesi.

Il 2019 è stato uno degli anni di maggior successo per l'allevamento, con 70 pulcini sopravvissuti, ha detto alla CNN Andrew Digby, consigliere scientifico kakapo del governo della Nuova Zelanda.

5. Non affrettano le relazioni.

Kakapo "vive la vita nella corsia lenta", secondo Kakapo Recovery. I maschi non iniziano a riprodursi fino a quando non hanno circa 4 anni e le femmine non iniziano fino a quando non hanno circa 6 anni. Anche allora, l'allevamento non ha luogo ogni anno. In genere accade ogni due o quattro anni e sembra dipendere dalla disponibilità di cibo.

6. Il corteggiamento è un affare serio.

O almeno è rumoroso. Durante la stagione riproduttiva, i maschi salgono su prominenti rocce o colline, si gonfiano come un palloncino ed emettono un suono sonoro simile a un boom. Questo "boom" annuncia a tutte le femmine interessate che i maschi sono pronti ad accoppiarsi. Dopo 20-30 boom, fanno un "ching" - una chiamata metallica acuta. Questo individua la posizione di un maschio in modo che una femmina possa trovarlo. Questo modello boom-ching può continuare continuamente fino a otto ore ogni notte per due o tre mesi.

7. Possono ringraziare un uomo per aver inizialmente notato la loro situazione.

Anche se in quel momento non ebbe molto credito, un uomo fece della sua missione quella di salvare questo uccello interessante. Nel 1893, Richard Henry notò che le popolazioni dell'uccello stavano precipitando e, sebbene non avesse avuto un addestramento scientifico formale, collegò correttamente la loro scomparsa all'afflusso di furetti e ermellini nella Nuova Zelanda.

È diventato il custode di Resolution Island e nel corso degli anni ha remato centinaia di uccelli dalla terraferma all'isola per toglierli di mezzo.

"Era un visionario, un po 'un recluso e un eremita", ha detto ad Atlas Obscura Andrew Digby, un biologo di conservazione kākāpō con il Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda. "Ma era molto più avanti del suo tempo e aveva molte cose giuste che altre persone non avevano."

In effetti, uno dei kakapos più importanti prende il nome da lui, come imparerai nel video sopra.

8. Fanno dei rumori insoliti.

Boom-ching a parte, il kakapo squawks come un tipico pappagallo, ma ha un vocabolario più vario. Alcuni dei suoi altri rumori sembrano il ronzio di un asino o il cigolio di un maiale.

9. Si trovano ad affrontare una nuova minaccia.

Anche se stanno tornando in modo significativo, gli uccelli sembrano anche affrontare nuove minacce ad ogni turno. La più recente è un'infezione respiratoria chiamata aspergillosi, causata da un fungo nell'aria. È lo stesso fungo che infetta l'uomo. Nove uccelli hanno perso la malattia nel 2019, ma i ricercatori pensano che sia stata causata da un significativo carico di spore nei nidi di Whenua Hou, l'isola dove sono iniziati tutti i casi di aspergillosi. L'aumento dello "stress da nido" porta a una riduzione dell'immunità, un problema che i ricercatori stanno affrontando per ridurre il numero di casi futuri.

10. Si congelano quando vengono notati.

Un kakapo rimarrà totalmente immobile se l'uccello pensa di essere stato visto. (Foto: Dipartimento di conservazione della Nuova Zelanda [CC BY 2.0] / Flickr)

Potrebbe non essere la modalità di difesa di maggior successo, ma quando un kakapo è disturbato o spaventato, rimane assolutamente fermo e spera che non venga notato. Il kakapo probabilmente sviluppò questo comportamento quando la maggior parte dei predatori della Nuova Zelanda erano uccelli e il congelamento avrebbe potuto funzionare.

11. Kakapos puzza di soffitta.

Il biologo Jim Briskie della Canterbury University di Christchurch, in Nuova Zelanda, ha dichiarato al National Geographic che il kakaopo puzza di "casi di violino ammuffito". Sfortunatamente, l'odore caratteristico rende più facile per i predatori trovarli.

12. Sono pesi massimi.

Quando si tratta di uccelli, i kakapo sono in cima alla loro classe di peso. I maschi adulti hanno una media di oltre quattro chili e sono lunghi circa due piedi.

13. I Kakapos non possono volare.

Sebbene questo pappagallo abbia grandi ali, non le usa per la locomozione. Invece, questo agile scalatore e saltatore li usa per mantenere l'equilibrio e rallentarlo quando salta da luoghi alti.

14. Sono di lunga durata.

Il kakapo vive in media 58 anni e può vivere fino a 90 anni.

15. Alcuni kakapos possono essere abbastanza amichevoli.

I ricercatori che lavorano con gli uccelli notano che ognuno ha la propria personalità. Molti sono curiosi e amano interagire con gli umani. In uno speciale della BBC, un kakapo sollevato a mano di nome Sirocco ha guadagnato fama internazionale dopo aver cercato di accoppiarsi con la testa dello zoologo Mark Carwardine. Lo Scirocco è ora l'uccello-raggi per la conservazione della Nuova Zelanda. Anche se probabilmente all'epoca Carwardine non la pensava così, il narratore Stephen Fry certamente lo fece, e il video è incredibilmente divertente.

Nota del redattore: questa storia è stata aggiornata con nuove informazioni da quando è stata pubblicata nell'aprile 2016.

Articoli Correlati