7 articoli non riciclabili che possono davvero essere riciclati

Il riciclaggio è una seconda natura per la maggior parte di noi. Ogni settimana depositiamo debitamente le nostre bottiglie, lattine e carta usate in bidoni per il ripasso e per una seconda vita. È una bella sensazione, ma, purtroppo, non tutta la spazzatura è riciclabile. La maggior parte dei comuni e delle aziende di riciclaggio hanno una lunga lista di cose che non prendono.

Ma solo perché qualcosa è nell'elenco no-no, non significa che non possa essere riciclato - da qualche parte. Potrebbe essere necessario rinunciare alla comodità del ritiro settimanale, ma molte aziende e organizzazioni stanno escogitando nuovi modi per mantenere più "non riciclabili", come i sette seguenti, fuori dalle discariche e in circolazione per l'uso in nuovi prodotti.

Le seguenti innovazioni sul riciclaggio dovrebbero aiutarti ad affrontare in modo sostenibile più gettoni della vita. (Dai un'occhiata a Earth911.com per ulteriori opzioni di riciclaggio.) Quale modo migliore per eliminare i 230 milioni di tonnellate di spazzatura americani che scarta ogni anno e garantire che vengano consumate meno materie prime vergini?

1. Sacchetti per la spesa in plastica e imballaggio del prodotto

I sacchetti di plastica, le confezioni per alimenti e i sacchetti di lavaggio a secco sono riciclabili. Cerca un ricettacolo per il riciclo presso il tuo supermercato sponsorizzato dal Programma di azione sul riciclaggio dei pacchi. (Foto: Belen Strehl / Shutterstock)

Problema : sembra che ogni volta che ti giri, hai accumulato un altro mucchio di sacchetti di plastica, involucri di cibo e sacchetti di lavaggio a secco. Purtroppo, non molti comuni riciclano questo tipo di plastica perché di solito non sono abbastanza puliti e asciutti dopo essere stati seduti fuori nel cestino, e anche perché i sacchetti di plastica e i film tendono a rimanere impigliati nelle apparecchiature di riciclaggio. Il risultato? La maggior parte dei 500 miliardi di sacchetti di plastica e montagne di involucri di prodotti usati in tutto il mondo finiscono ogni anno nelle discariche o negli oceani dove possono trascorrere 300 anni a scomporre in particelle tossiche che contaminano l'ambiente.

Soluzione : Fortunatamente, questo tipo di plastica è riciclabile e può essere trasformato in molti prodotti, tra cui legname composito, tubi e persino nuovi sacchetti. Per assicurarti che il tuo involucro di plastica e i tuoi sacchetti rinascano, cerca un ricettacolo per il riciclo nel tuo supermercato sponsorizzato dal Wrap Recycling Action Program (WRAP). Oltre ai sacchetti di plastica per la spesa, puoi anche depositare i tuoi sacchetti di pane puliti, asciugamani di carta e carta igienica, sacchetti di conservazione per sandwich, buste di plastica per spedizione, mobili e involucri elettronici e altri film di plastica.

2. Tappi per vino

Per riciclare i tappi per vino, trova una casella di consegna CorkReharvest vicino a te. Si trovano spesso in Whole Foods, enoteche e ristoranti. (Foto: kopava / Shutterstock)

Problema : certo, ricicli le tue bottiglie di vino, ma che dire dei tappi? È probabile che li lanci. Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma il sughero è in realtà un'importante risorsa rinnovabile che può essere facilmente riproposta. In effetti, l'uso e il riciclaggio del sughero naturale aiuta a mantenere produttive e fiorenti le foreste di sughero raccolte ecologicamente. Questi tesori ambientali, situati principalmente in Europa, sono enormi centri per la biodiversità (che ospitano animali in via di estinzione come la lince iberica). Inoltre, assorbono milioni di tonnellate di CO2 e forniscono a migliaia di famiglie una fonte di reddito sostenibile.

Soluzione : ci sono un paio di modi per assicurarsi che i tappi rimangano in uso. Uno è quello di portarli in un punto di consegna di Recork.org o spedirli all'organizzazione per il riciclaggio. Recork ha iniziato a raccogliere tappi da ristoranti, cantine e privati ​​nel 2007 per essere rifatto in nuovi prodotti come scarpe, pavimenti e blocchi di yoga. La Cork Forest Conservation Alliance gestisce un programma simile chiamato CorkReharvest. Cerca scatole di consegna nei negozi di alimentari come Whole Foods, enoteche, sale di degustazione di vini, ristoranti, hotel e centri per le arti dello spettacolo

3. Abbigliamento e tessuti

Alcuni rivenditori di abbigliamento consentono ai consumatori di abbandonare i vestiti indesiderati nei loro negozi, indipendentemente dal marchio o dalle condizioni, per il riciclaggio. I vestiti che possono ancora essere indossati vengono generalmente venduti nei negozi di seconda mano. (Foto: Olaf Speier / Shutterstock)

Problema : secondo il Council for Textile Recycling, l'americano medio lancia ogni anno in discarica circa 70 libbre di vestiti e tessuti per la casa. Ciò equivale a qualcosa come 150 magliette a persona, che sommano ogni anno fino a 21 miliardi di sterline di rifiuti (oltre il 5% dei rifiuti in discarica).

Soluzione : sebbene sia difficile trasformare tessuti usati in nuovi tessuti, ci sono sempre più modi (oltre a donare indumenti usati a enti di beneficenza) per mantenere i vecchi abiti fuori dal mucchio dei rifiuti e prolungarne la vita utile. Ad esempio, molti rivenditori di abbigliamento, come Levi's e H&M, consentono ai consumatori di abbandonare i vestiti indesiderati nei loro negozi, indipendentemente dal marchio o dalle condizioni, per il riciclaggio. I vestiti che possono ancora essere indossati vengono generalmente venduti nei negozi di seconda mano. I pezzi non indossabili vengono riproposti in prodotti isolanti e ammortizzanti, oppure le fibre vengono riciclate per l'uso in nuovi indumenti. Il tuo comune può anche offrire il riciclaggio di abiti sul marciapiede simile ai programmi già in corso a Southfield, Michigan, New York City e questo è appena iniziato ad Austin, in Texas.

4. Scatole per pizza in cartone

Una volta che il grasso o le particelle di cibo vengono immerse nel cartone, non possono essere separate dalle fibre di carta durante il normale processo di riciclaggio. (Foto: Leszek Czerwonka / Shutterstock)

Problema : certo, ti piace la facilità di prendere una pizza veloce quando non hai tempo di cucinare, ma smaltire la scatola di cartone non è così semplice. Questo perché una volta che il grasso o le particelle di cibo vengono immerse nel cartone, non possono essere separate dalle fibre di carta durante il processo di riciclaggio. Di conseguenza, milioni di scatole per pizza finiscono per essere ridotte.

Soluzione : la North Carolina State University ha sviluppato un modo ecologico per affrontare questo problema: un programma di compostaggio per scatole per pizza. Lanciata nel 2014, l'università ha raccolto migliaia di scatole all'anno in cassonetti appositamente contrassegnati situati intorno al campus e le ha trasformate in fertilizzanti ricchi di nutrienti. Gli studenti possono anche compostare i loro piatti di carta, i tovaglioli e le fette di pizza e le croste rimanenti. Se non ti capita di vivere nel campus dell'NCSU, prova a compostare scatole per pizza e altri prodotti di carta a casa strappandoli in piccoli pezzi, comprese le sezioni unte, e gettandoli nel cestino del compost.

5. Contenitori per yogurt, vaschette di margarina e altri prodotti di plastica n. 5

I prodotti in plastica recano un simbolo di riciclaggio con un numero compreso tra 1 e 7 che indica il tipo di resina utilizzata. Quelli contrassegnati con il numero 5 sono stati difficili da riciclare in passato. (Foto: Kent Sievers / Shutterstock)

Problema : anche se molte materie plastiche sono prontamente accettate per il riciclo, come ad esempio il numero 1 (PETE), che include bottiglie di plastica e il numero 2 (HDPE), utilizzato nei contenitori del latte e della candeggina, è più difficile trovare riciclatori che accettano materie plastiche n. 5 ( aka, polipropilene). I prodotti in plastica recano un simbolo di riciclaggio con un numero compreso tra 1 e 7 che indica il tipo di resina utilizzata. Nell'elenco delle materie plastiche n. 5 difficili da riciclare: vaschette per hummus, contenitori per alimenti e utensili in plastica. La maggior parte finisce in discarica dove possono impiegare secoli per crollare.

Soluzione : un modo per riciclare i tuoi # 5 è attraverso il programma Gimme 5 di Preserve Products. Lascia i tuoi contenitori puliti nei contenitori Gimme 5 in un punto vendita aderente (principalmente mercati di alimenti integrali e altri negozi di alimentari) o spediscili a Preserve utilizzando un'etichetta di spedizione stampabile. L'azienda trasforma vecchi contenitori in nuovi prodotti, inclusi spazzolini da denti e rasoi che possono essere restituiti dopo l'uso per il riciclaggio.

6. Gres porcellanato

Un produttore di piastrelle del Tennessee ha creato un modo per trasformare le piastrelle in gres porcellanato in materie prime per la creazione di nuove piastrelle. (Foto: vulcano / Shutterstock)

Problema : la ricostruzione dei pavimenti può ravvivare e illuminare bagni, cucine e altre stanze, ma può essere difficile trovare nuovi usi per le vecchie piastrelle in gres porcellanato strappate durante i lavori di ristrutturazione. Questo perché il processo di cottura rende difficile frantumare le piastrelle in polvere ceramica per l'uso in nuovi prodotti in porcellana. Di conseguenza, montagne di piastrelle precedentemente installate, così come piastrelle mai usate che sono danneggiate o inutilizzabili, si accumulano in discariche ogni anno.

Soluzione : Crossville Inc., un produttore di piastrelle del Tennessee, ha creato un modo per trasformare le piastrelle in gres porcellanato in materiale grezzo per la creazione di nuove piastrelle. Nel 2009, ha lanciato il suo programma di ritiro delle piastrelle, che ha deviato decine di milioni di sterline di piastrelle di scarto sparate dalle discariche e ha ridotto la domanda di materie prime da parte dell'azienda. Crossville accetta le proprie piastrelle precedentemente installate e inutilizzate, nonché le piastrelle utilizzate da altri produttori purché vengano sostituite con piastrelle del marchio Crossville. La partecipazione è gratuita, ma paghi le spese di spedizione.

7. Appendini a filo

Porta dei ganci per filo al tuo lavasecco locale. Possono riutilizzarli o inviarli a un rivenditore di rottami. (Foto: Komkrit Noenpoempisut / Shutterstock)

Problema : se sei come la maggior parte degli americani, il tuo armadio ospita una considerevole scorta di grucce inutilizzate. La maggior parte sono gli avanzi del lavasecco. Collettivamente, le lavanderie a secco degli Stati Uniti usano ogni anno più di 3 miliardi di ganci in metallo, abbastanza acciaio per produrre circa 60.000 auto. La maggior parte dei comuni non accetta ganci a filo per il riciclaggio sul marciapiede perché le estremità curve possono ostruire le apparecchiature di riciclaggio. Di conseguenza, la maggior parte dei ganci di metallo alla fine si fa strada nella spazzatura.

Soluzione : prova a restituire i ganci dove li hai trovati: presso il tuo lavasecco locale. Sempre più stabilimenti li riutilizzano o li inviano a un rivenditore di rottami. Se il tuo lavasecco non accetta i vecchi ganci, trovane uno nella tua zona che sarà attraverso il programma di riciclaggio dei ganci del Drycleaning & Laundry Institute.

Articoli Correlati