7 problemi di pompaggio del latte materno e come risolverli

Non ci vuole molto perché le mamme che allattano realizzino che se mai vogliono dormire tutta la notte, tornare al lavoro o anche fare una commissione senza il loro bambino al seguito, è probabilmente una buona idea pompare del latte materno in più per tenere a portata di mano. Il pompaggio del latte materno può offrire flessibilità alle madri che allattano, ma presenta anche una serie di problemi e preoccupazioni. Ecco come affrontare i problemi delicati che possono sorgere durante il pompaggio di quel latte extra.

Problema: pasticcio epico

L'allattamento al seno è efficace quanto il bambino quando si tratta di dargli da mangiare. Sei solo tu e il tuo bambino: niente da preparare e niente da dimenticare. Il pompaggio del latte materno, d'altra parte, provoca un pasticcio epico. Quando pompi, ci sono bottiglie, tubi e accessori di pompaggio per pulire così come i contenitori per la conservazione del latte e le bottiglie che verranno eventualmente utilizzate per nutrire il tuo bambino.

Soluzione: purtroppo non esiste un'ottima soluzione qui. Con la pratica, diventerai più abile nel lavare e sterilizzare tutte quelle bottiglie e accessori, ma non sarà mai così facile come nutrire il tuo bambino dal seno. Cerca di ricordare che questo piccolo lavoro extra ti darà la libertà di cui hai bisogno per lavorare, fare commissioni o riposare quando è necessario.

Problema: condotti ostruiti

I dotti ostruiti sono un'afflizione che può colpire qualsiasi mamma che allatta. Si verificano quando il latte non completamente drenato dal seno viene ostruito e quindi infettato. I tiralatte non drenano il seno del latte in modo efficiente come un bambino, quindi i dotti ostruiti possono essere un evento più frequente per le mamme che li usano. Un dotto ostruito può sembrare duro, un nodo al seno che è rosso, gonfio e doloroso al tatto. Può anche essere accompagnato da febbre e nausea.

Un dotto ostruito o intasato può essere duro e doloroso al tatto. (Foto: Anetlanda / Shutterstock)

Soluzione: se si dispone già di un dotto ostruito, provare a massaggiare delicatamente il seno durante l'allattamento e il pompaggio per liberare il blocco. Se il dolore è intenso, fai una pausa dal pompaggio e segui l'allattamento poiché potrebbe essere più delicato sul seno. Parlate con il vostro medico sull'assunzione di farmaci per abbassare la febbre e alleviare il dolore. Per prevenire in futuro condotti ostruiti, prova a variare la posizione di tiralatte e stringi delicatamente il seno mentre pompi per assicurarti che tutti i condotti del latte siano vuoti.

Problema: scarsa disponibilità

Potrebbero essere necessarie alcune settimane o mesi dopo la nascita del bambino affinché la fornitura di latte si stabilizzi. Nel frattempo, potresti scoprire che non hai abbastanza latte per nutrire il tuo bambino e mantenere un approvvigionamento adeguato per ulteriore stoccaggio.

Non hai abbastanza latte per pompare? Concedi al tuo corpo qualche giorno affinché la tua scorta di latte si stabilizzi. (Foto: Pikul Noorod / Shutterstock)

Soluzione: prima di tutto, devi assicurarti di avere abbastanza latte per saziare il tuo bambino, quindi assicurati di dargli da mangiare prima. Dopo che il tuo bambino si è riempito, puoi provare a pompare. Potrebbero essere necessari alcuni giorni perché il tuo corpo si abitui a questo aumento della domanda, ma una volta che lo fai dovresti andare bene. Puoi anche provare a variare la posizione di pompaggio per assicurarti di svuotare completamente il seno.

Problema: ansia da pompaggio

Non è raro che le nuove mamme provino sentimenti di ansia che si verificano durante l'allattamento. Per alcune mamme, quell'ansia colpisce ogni volta che viene rilasciato il loro latte, quindi può accadere durante il pompaggio o l'allattamento. Per altri, l'ansia è legata specificamente al suono del tiralatte.

Per alcune donne, il pompaggio del latte materno è accompagnato da intensi sentimenti di ansia. (Foto: Pavel Ilyukhin / Shutterstock)

Soluzione: se si avverte ansia durante l'allattamento o il pompaggio, è importante sapere che non si è soli e che si può ottenere aiuto. Parla con il tuo medico delle misure che puoi adottare per alleviare l'ansia. Ciò può includere cambiamenti nello stile di vita come bere più acqua, praticare esercizi di rilassamento, ridurre il consumo di caffeina e migliorare il sonno.

Problema: delusione dal tuo delusione

Quando sei una mamma che allatta, può sembrare che qualsiasi cosa possa far rilasciare il tuo latte: il bambino che piange al supermercato, l'odore del bucato, la vista di un'altra mamma che allatta il bambino e, naturalmente, il immagini, odori e suoni del tuo bambino. Sfortunatamente, il tiralatte potrebbe non avere lo stesso effetto di rilascio del latte.

Pensare al bambino durante il pompaggio può aiutare il latte a deludersi. (Foto: BonNontawat / Shutterstock)

Soluzione: per far scorrere il latte, prova a riporre alcuni ricordi per bambini nel tuo kit di pompaggio. Una foto, alcuni vestiti per bambini o anche una registrazione dei vestiti del tuo bambino potrebbero fare il trucco. Se non lo hai, prova a chiudere gli occhi, a fare un respiro profondo e a immaginare il tuo bambino tra le braccia.

Problema: indolenzimento o secchezza dei capezzoli

L'allattamento al seno - e il pompaggio - possono essere difficili per i capezzoli. Fino a quando non si abitueranno a tutta questa ulteriore attenzione, i tessuti delicati in quest'area possono essere sensibili a screpolature, secchezza e indolenzimento.

Come ogni mucca può dirti, i tiralatte possono essere resistenti sul tessuto delicato intorno ai capezzoli. (Foto: Dudarev Mikhail / Shutterstock)

Soluzione: sul mercato esistono diverse creme per l'allattamento che possono aiutare ad alleviare questi sintomi. Potrebbe anche essere utile abbassare l'aspirazione sul tiralatte fino a quando i capezzoli non avranno avuto il tempo di adattarsi. L'uso di una protezione per il seno durante il pompaggio e l'alimentazione può aiutare a dare ai capezzoli il tempo di guarire.

Problema: dolore alla mano o al braccio

Se non lo si utilizza, i movimenti ripetitivi dell'allattamento al seno - specialmente quando si utilizza una pompa manuale - possono causare indolenzimento muscolare e dolore alle braccia e alle mani. Questo può essere anche peggio se hai avvertito gonfiore o sindrome del tunnel carpale durante la gravidanza.

I movimenti ripetitivi dell'allattamento al seno possono causare dolore al braccio e alla mano. (Foto: Image Point Fr / Shutterstock)

Soluzione: sedersi in una posizione comoda e sollevarsi con i cuscini per alleviare la tensione di mani e braccia. Se stai pompando un seno alla volta, passa spesso le mani. Se i sintomi peggiorano, considerare di passare a una pompa elettrica.

Articoli Correlati