7 segni che siamo troppo dipendenti dalla tecnologia

Foto: Viorel Sima / Shutterstock

Cosa succederebbe se il tuo computer si arrestasse in modo anomalo? E se avessi perso il cellulare? Se solo pensare a questi scenari ti dà ansia, non sei solo. La maggior parte di noi si affida così tanto alla tecnologia in questi giorni che perderla, anche solo per un giorno, sarebbe estremamente scomoda e, per alcuni, altererebbe la vita. E se togliessi quella tecnologia dalla tua vita per un giorno volontariamente? Come sarebbe la tua giornata se non potessi raccontare ogni passo su Facebook o Twitter?

Ecco sette segnali che dipendono troppo dalla tecnologia:

1. Se Internet è inattivo, il lavoro è finito per il giorno . Non so te, ma sono stato in posti di lavoro in cui se Internet non funziona, il lavoro si ferma. Come puoi lavorare se non puoi inviare un'e-mail, giusto? Sul serio. Sono stato mandato a casa un giorno al mio ultimo lavoro perché Internet non funzionava. Certo, mi sono fermato a chattare con un collega in uscita. E durante quella conversazione, abbiamo trovato un modo per affrontare efficacemente un problema legato al lavoro. Ma per il resto, il lavoro era finito per il giorno.

2. Il rimorso dell'acquirente è molto più comune. Quante volte hai ordinato un vestito, un paio di scarpe o una televisione online, solo per rendertene conto quando arriva alla tua porta che è necessario rispedirlo? L'acquisto di cose online è meravigliosamente conveniente quando si tratta di un articolo che desideri assolutamente e che sicuramente manterrai. Ma quando non lo è, può essere una cosa che consuma tutto solo per capire come riportarlo da dove proviene. Recentemente abbiamo comprato una panchina online, solo per renderci conto dopo aver trascorso tre ore cercando di metterlo insieme che non avrebbe funzionato per noi. Restituirlo assemblato non era un'opzione e nessuno lo stava smontando poiché avevamo martellato alcune delle viti in posizione. Cosa abbiamo fatto? Alla fine abbiamo venduto il nuovissimo banco su Craigslist a metà prezzo di vendita. Lo shopping su Internet fallisce.

3. Non vivi nel momento. Immagina lo scenario: stai provando disperatamente a filmare l'assolo della tua terza elementare nel suo recital di balletto. Non è possibile accendere la videocamera. Quando termina l'avvio, ti dice di cambiare il pacco batteria. Tu fai. E poi ti rendi conto che l'assolo di danza di tua figlia è finito. Ci sono così tanti momenti che proviamo a catturare in video, solo per renderci conto che non stiamo vivendo il momento che stiamo cercando di catturare.

Il dottor Nicholas Bowman, assistente professore di Studi sulla Comunicazione presso la West Virginia University, la vede diversamente, però. "Si potrebbe ribattere che mentre a volte ci rimuoviamo dal" nostro momento "guardando qualcosa attraverso lo schermo del nostro smartphone rispetto a guardarlo con i nostri occhi, le tecnologie di rete ci consentono di vivere nei momenti di milioni di persone ogni giorno - come seguendo con testimonianze oculari le rivolte in Egitto, o lo tsunami che ha colpito il Giappone qualche anno fa o persino il delizioso hamburger che ho preparato nel mio patio la scorsa notte ", dice Bowman a Site.

4. Nessuno conosce un numero di telefono. È molto probabile che tu abbia memorizzato il numero di tuo marito. È anche molto probabile che sia elencato per nome sul tuo telefono e non hai la più pallida idea di quale sia il suo numero. Se hai perso il cellulare e tutti i tuoi contatti, è molto probabile che non avresti idea di come contattare qualcuno, figuriamoci qualcuno di importante per te. E non puoi nemmeno cercarlo poiché i numeri di cellulare non sono elencati.

5. Temi di dover rompere con il tuo ragazzo faccia a faccia. Stai pensando di farlo tramite SMS. Quanti di noi oggi hanno conversazioni serie sul messaggio di testo? Conosco qualcuno che è stato licenziato attraverso un messaggio. Non è carino I messaggi di testo sono convenienti, ma quando si tratta di trasmettere chiaramente i messaggi, una conversazione faccia a faccia non è solo la migliore; è necessario. Non posso dirvi quanti combattimenti sono iniziati a casa mia fraintendendo un messaggio di testo o una e-mail, per non parlare della quantità di tempo speso a studiare i messaggi di testo analizzandone l'inflessione e il significato. (“Che cosa intendeva con 'Sto bene' - 'Sto bene' o 'Sto bene ' ???) Tutto quell'aggravamento avrebbe potuto essere salvato se qualcuno avesse appena preso il telefono.

6. I negozi di mattoni e malta stanno seguendo la strada dei dinosauri. Non ricordo l'ultima volta che ho comprato una scatola di pannolini o un paio di cuffie nel negozio. Questo perché in questi giorni è possibile ordinare quasi tutto e tutto online. Sicuramente più conveniente per me, ma il fenomeno sta spingendo i rivenditori a chiudere centinaia di negozi fisici in tutto il paese. Nel 2013, rivenditori come Barnes & Noble, Best Buy e Office Max hanno chiuso centinaia di negozi al dettaglio. Una strana notizia recente raccontava la decisione di Sears di trasformare alcuni dei suoi negozi al dettaglio in enormi data center, una svolta appropriata degli eventi in questa era in gran parte digitale.

7. Senza il telefono, ti senti nudo. Forse questo è il nocciolo del problema. La dipendenza dalla tecnologia è una realtà in questi giorni, con persone che controllano le loro e-mail e messaggi di testo da 30 a 40 volte all'ora. Conosco persone che scherzosamente si riferiscono ai loro Blackberrys come "Crackberrys" perché controllarli è così avvincente. Ma la dipendenza dalla tecnologia non è uno scherzo. La tecnologia può essere una buona cosa, ma troppo può lasciarti stressato e stressato. Gli studi hanno dimostrato che l'utilizzo dello smartphone può portare a eventi catastrofici come incidenti automobilistici e sono la causa principale di uno scarso equilibrio tra lavoro e vita privata.

Quindi immagino che la scelta rimanga nelle mani di ogni persona. L'equilibrio che dobbiamo trovare sta nell'apprezzare e nell'usare la tecnologia nel modo giusto, ma sapendo ancora quando spegnerlo per vivere appieno la vita. Usare la tecnologia come strumento è la chiave, dice Bowman. "A scuola, i bambini non devono memorizzare tutti i fatti che hanno fatto i nonni perché possono farlo su Google, ma ciò dà anche ai bambini la possibilità di passare oltre la semplice memorizzazione e passare a livelli più avanzati di analisi, risoluzione dei problemi e sintesi di vecchie conoscenze in nuove idee ", spiega.

E quando la tecnologia non è a portata di mano (come quando si perde il cellulare), prova a vivere e goditi i momenti che hai invece di concentrarti su ciò che non ti piace.

Storie correlate sul sito:

  • Perché i videogiochi creano dipendenza?
  • La famiglia rinuncia alla tecnologia post-1986
  • Qual è l'età giusta per un bambino di avere uno smartphone?

Articoli Correlati