The Blood Countess: il serial killer femminile più prolifico della storia

Per coloro a cui piace ottenere i loro spettri di Halloween attraverso storie horror oscure e storie di crimine assolutamente demoniaco, vi presentiamo la contessa Erzsébet (Elizabeth) Báthory de Ecsed.

Ricordata con affetto come "La contessa di sangue", la nobildonna ungherese è considerata la serial killer femminile più prolifica del mondo, per non parlare della più sadica. I suoi legami con la tradizione della Transilvania e il suo presunto gusto per il sangue la rendono la candidata perfetta per la regina di Halloween, se non per la ragazza più inquietante della storia.

Nata nel 1560 dalla famosa famiglia nobile ungherese Báthory, è cresciuta con il massimo privilegio, ma anche con una lunga storia familiare di ferocia e confusione. Fin dalla prima infanzia ha sofferto tremendi attacchi e una rabbia straordinaria che gli storici suggeriscono potrebbero aver indicato un disturbo neurologico o un'epilessia. E l'aiuto potrebbe non essere stato una buona influenza. Si diceva che la sua infermiera d'infanzia, Ilona Joo (una complice in seguito) praticasse la magia nera che dipendeva dal sacrificio dei bambini per le loro ossa e il loro sangue.

Sposata all'età di 15 anni con il conte Ferencz Nadasdy, veniva spesso lasciata a casa da sola mentre suo marito era in guerra. Secondo la leggenda, teneva compagnia a sua zia, che avrebbe praticato la stregoneria; uno zio che era un alchimista e un adoratore del diavolo; e suo fratello, un famoso pedofilo. Con una famiglia così ...

Nel corso degli anni Elisabetta diede alla luce sette figli e rimase responsabile delle proprietà del marito, ma sviluppò anche altre passioni, principalmente della varietà sadica e omicida. Dopo anni di voci sui suoi modi malvagi, le autorità ungheresi hanno finalmente risposto e il re Mattia II ha ordinato un'indagine. Nel 1610, gli investigatori raccolsero la testimonianza di oltre 300 testimoni, tra cui sacerdoti, nobili e gente comune, insieme ad altro personale del suo castello.

All'arrivo nella residenza di Báthory per arrestare la contessa e quattro domestici accusati di essere suoi complici, secondo quanto riferito le autorità hanno trovato una ragazza morta, una morente, un'altra ferita e molte altre incarcerate.

Molti spiegano il numero delle vittime da qualche parte intorno alle 650 ragazze tra il 1585 e il 1610, la banda di sadici è stata condannata per l'uccisione di solo 80 - per lo più figlie adolescenti di contadini locali e minore nobiltà. Secondo quanto riferito, le ragazze sono state brutalmente torturate, i cui dettagli sono troppo atroci per raccontare, Halloween o no.

Tre dei complici furono condannati a morte, ma la contessa stessa fu condannata all'isolamento in una torre del suo castello, dove morì quattro anni dopo nel 1614.

È difficile determinare quanto fossero orribili i suoi crimini, tanto è diventato apocrifo. Durante il processo, due dei suoi complici hanno confessato 36 e 37 omicidi durante il loro impiego. Gli altri imputati hanno suggerito più di 50. Il personale del castello ha stimato che da qualche parte tra 100 e 200 corpi sono stati rimossi dalla premessa. E un testimone al processo ha fatto riferimento a un diario in cui un totale di oltre 650 vittime sono state elencate dalla stessa Báthory.

Nel corso degli anni, la storia di Elizabeth Báthory si è evoluta in racconti della contessa che ha sviluppato una passione per bere sangue, guadagnandosi il soprannome di Contessa Dracula. E ci sono altri rapporti sulla sua routine di fare il bagno nel sangue delle vergini come componente del suo regime di bellezza. Verità o finzione, forse non lo sapremo mai ... ma certamente aggiunge una svolta morbosamente cruenta alla tradizione di una delle donne più apparentemente depravate conosciute dall'umanità.

Storie di Halloween correlate sul sito:

  • 7 tradizioni di lutto vittoriane più morbose
  • Cosa sono le torte all'anima?
  • 8 posti più inquietanti nei parchi nazionali degli Stati Uniti

Articoli Correlati