Che cos'è il déjà rêvé?

Alla mente non dovrebbe essere permesso di giocare brutti scherzi.

Dopotutto, è la nostra unica interfaccia con la realtà, che elabora ogni sensazione in ogni momento per definire la nostra stessa esistenza.

Quindi, quando il cervello si ripete, abbiamo tutti i tipi di domande per questo. Era vero? Non avevo già avuto la stessa esperienza? Ho vissuto questa vita più di una volta?

La maggior parte di noi, ad un certo punto, nella nostra vita ha sperimentato il déjà vu. È essenzialmente il nostro cervello che ci fa casino.

Ma c'è un'altra versione meno comune ma molto più inquietante del fenomeno "stato-qui-prima". Si chiama déjà rêvé.

Qual è la differenza?

Letteralmente, déjà vu traduce dal francese "già visto". Come in, questa non è la prima volta che mi trovo su una pila di piatti sporchi con il rubinetto aperto, mentre un merlo su un albero fuori mi ha fissato.

Déjà rêvé, d'altra parte, significa "già sognato".

È una scena o un ricordo o anche solo una sensazione che hai provato in un sogno. E quando quella stessa esperienza si ripresenta nel mondo della veglia, è déjà rêvé.

Mentre è certamente inquietante sperimentare cose che hai precedentemente sognato, il concetto non è del tutto nuovo. È essenzialmente una buona profezia all'antica - un dono per il quale una volta le persone erano apprezzate (vedi: Mosè) o condannate (vedi: prove delle streghe ).

Ma la scienza non ha tempo per il soprannaturale. La ricerca sul déjà vu ha già provocato la bolla paranormale che una volta la circondava: in realtà non vedi la stessa cosa due volte, ma piuttosto il tuo cervello ha difficoltà ad accedere alla memoria di un'esperienza precedente.

In altre parole, una nuova esperienza potrebbe ricordarti un'esperienza passata, ma il tuo cervello non riesce a ricordarla esattamente.

Questi tipi di lacune lasciano la porta spalancata per indulgere in spiegazioni soprannaturali: sono stato qui prima ... in una vita passata.

Déjà vu spesso ci lascia con la sensazione di essere già stati su questa strada. (Foto: api / Shutterstock)

La ricerca su déjà rêvé, d'altro canto, è un po 'più scarsa. Parte del motivo potrebbe essere che è stato a lungo confuso con il déjà vu. Hai sognato il sogno o vissuto prima l'esperienza? O l'hai vissuto prima? È la vecchia routine del pollo o dell'uovo, solo i nostri ricordi nebulosi, spesso imperfetti, hanno offuscato ulteriormente l'immagine.

Uno studio francese dell'anno scorso ha cercato di isolare il déjà rêvé nelle persone che soffrivano di epilessia parziale. I partecipanti avevano riferito di aver sperimentato déjà rêvé in passato, in particolare quando avevano convulsioni. Per lo studio, hanno concordato di stimolare elettricamente il cervello, consentendo agli scienziati non solo di indurre déjà rêvé, ma anche di zero nelle aree specifiche del cervello coinvolto in esso.

Gli scienziati hanno stabilito tre grandi tipi di fenomeno.

Il primo, chiamato déjà rêve simil-episodico, fu il più letterale: l'esperienza poteva essere immediatamente ricondotta a un sogno specifico. Le cose si fanno più oscure con la prossima categoria. Soprannominato déjà rêvé simile alla familiarità, è lì che i partecipanti potevano solo ricordare i contorni vaghi e sfocati del sogno che è venuto prima dell'esperienza del mondo reale. I soggetti potrebbero aver ricordato un sogno, ma non quale sogno o anche quando.

La trama diventa più spessa - e più bizzarra - con il terzo tipo, chiamato stato sognante déjà rêvé. Questo è quando i partecipanti hanno avuto difficoltà a differenziare la realtà dal sogno. Sto ancora sognando? O l'ho provato davvero? È quasi come avere un sogno su déjà vu.

I ricercatori hanno mirato non solo a trovare un trattamento efficace per l'epilessia, ma hanno anche messo il déjà rêvé sulla mappa come un fenomeno esperienziale legittimo - uno distinto da suo cugino.

"Questo studio dimostra che il déjà-rêvé è un'entità eterogenea che è diversa dal déjà-vu, dalla definizione storica di" stato sognante "e da altri fenomeni esperienziali", osservano gli autori dello studio.

E, forse, lungo la strada, potrebbero essere in grado di mantenere il nostro cervello un po 'più onesto.

Articoli Correlati