Che cos'è la microcistina?

Durante il fine settimana, i funzionari della città di Toledo, nell'Ohio, hanno chiesto ai residenti serviti dal sistema idrico comunale di astenersi dall'utilizzare l'acqua del rubinetto. Fino a 500.000 persone nella quarta città più grande dello stato è stato detto di non bere l'acqua, o di usarla per lavarsi i denti, per cucinare o darla ai loro animali domestici. I bambini e quelli con un sistema immunitario debole sono stati invitati a non fare il bagno in acqua.

Tutto grazie a una piccola ma potente tossina chiamata microcistina.

Le microcistine sono epatotossine (tossine epatiche) prodotte da cianobatteri. I cianobatteri sono anche noti come alghe blu-verdi e proiettano le loro tonalità distintive sulle acque superficiali quando le condizioni sono favorevoli alla crescita delle fioriture di alghe, secondo l'EPA. Quando rilasciate, le tossine possono persistere per settimane o mesi. Mentre il fegato è il bersaglio preferito delle microcistine, anche la pelle, gli occhi e la gola possono soffrire.

Le alghe blu-verdi sono tra gli organismi più antichi del pianeta e possono moltiplicarsi rapidamente in acqua con alti livelli di nutrienti - principalmente un'abbondanza di fosforo - specialmente quando l'acqua è calda e il clima è temperato.

L'area dei Grandi Laghi, il più grande sistema di acqua dolce del mondo, è stata particolarmente colpita dalle fioriture di alghe. Il lago Erie (la fonte dell'acqua di Toledo) ha subito fioriture significative tra gli anni '60 e '80, alimentato da rifiuti urbani e industriali. Sebbene i laghi abbiano avuto un po 'di recupero dalle fioriture negli anni seguenti, gli ultimi 10 anni hanno visto un costante aumento, generalmente attribuito al deflusso agricolo dei fertilizzanti commerciali. Gli ultimi tre anni sono stati particolarmente negativi. Gli esperti affermano che il ritorno è in gran parte dovuto ai cambiamenti nelle pratiche agricole, comprese le aziende agricole più grandi e nuovi metodi di concimazione. Il risultato di queste tendenze è più fosforo che si dirige nei laghi.

Il lago Erie è anche diventato più suscettibile alle fioriture di alghe a causa delle specie invasive e dei cambiamenti climatici. "Le forti piogge in primavera e all'inizio dell'estate - un momento critico per la formazione della fioritura delle alghe - fanno sì che più fosforo penetri nel lago attraverso il deflusso agricolo", osserva The Guardian. "Le temperature più calde quindi causano la diffusione delle fioriture."

Due specie invasive, zebre e cozze di quagga, aggravano il problema a causa della loro antipatia per la microcisti. "Si nutrono selettivamente di altre specie di fitoplancton, rimuovendo i concorrenti in modo che la microcisti possa prosperare", afferma Colleen Mouw, ricercatore presso l'Università del Wisconsin-Madison. "Mentre le cozze si digeriscono, rilasciano fosfato e ammoniaca nell'acqua e questi nutrienti danno alla microcisti un ulteriore impulso."

Fortunatamente, l'avvelenamento dalla tossina non può essere diffuso da persona (o animale) a persona. Non sono stati segnalati decessi umani per ingestione di microcistine; ma i cani, la fauna selvatica e il bestiame sono morti dopo l'esposizione.

Il Dipartimento della sanità pubblica dello Iowa osserva che la tossina può colpire le persone in vari modi:

  • La microcistina sulla pelle può provocare eruzioni cutanee, orticaria o vesciche sulla pelle (specialmente sulle labbra e sotto i costumi da bagno).
  • L'ingestione di acqua contenente microcistina può causare sintomi gastrointestinali come mal di stomaco, nausea, vomito, diarrea, forti mal di testa e febbre.
  • L'inalazione di goccioline d'acqua contenenti microcistina può causare irritazione agli occhi e al naso, tosse e mal di gola, dolore toracico, sintomi simili all'asma o reazioni allergiche.
  • L'esposizione a grandi quantità di microcistina può causare danni al fegato.
I sintomi possono presentarsi in poche ore o giorni, ma in genere i sintomi richiedono circa una settimana per manifestarsi. L'unico trattamento è affrontare i sintomi.

Ecco cosa fare se pensi di essere stato esposto nuotando, deglutendo o respirando in acqua dove esiste una fioritura di alghe blu-verde:

  • Lavare con acqua e sapone dopo il contatto.
  • Evita di bere alcolici.
  • Non usare il paracetamolo.
  • Informi il medico se si verificano sintomi.

Storie correlate sul sito:

  • 5 bizzarre fioriture di alghe
  • Che cos'è la chikungunya?

Articoli Correlati