Che cos'è un animale ambasciatore?

Questa civetta orientale è stata fotografata al Mountsberg Raptor Center, una struttura di conservazione che gestisce anche programmi educativi. Questo gufo non è l'unico residente al centro, che ospita "15 diverse specie di rapaci autoctoni, molti dei quali hanno ferite permanenti che li hanno lasciati incapaci di sopravvivere da soli in natura. Spesso queste lesioni sono causato dall'attività umana, ma con l'aiuto di questi ambasciatori piumati, la comunità può imparare come condividere il nostro ambiente con i rapaci autoctoni e come ridurre l'impatto negativo che potremmo avere su di loro ".

Un ambasciatore di animali è un individuo di una specie - spesso un animale addomesticato o abituato che vive permanentemente in un centro di riabilitazione o in uno zoo - che viene utilizzato per educare il pubblico sulla specie. L'Associazione di zoo e acquari definisce un animale ambasciatore come "un animale il cui ruolo comprende la manipolazione e / o l'addestramento da parte del personale o dei volontari per l'interazione con il pubblico e a sostegno dell'istruzione istituzionale e degli obiettivi di conservazione".

A proprio agio con le persone, l'animale può rappresentare la sua specie quando si reca in classe o durante dimostrazioni e incontri educativi presso la struttura in cui vive. Gli animali degli ambasciatori svolgono un ruolo chiave nel collegare coloro che sono vicini alla natura e ai problemi che influenzano la specie stessa o il suo habitat nativo.

Per i bambini e gli adulti, il brivido di essere vicini ad un animale selvatico può suscitare un interesse per tutta la vita nell'apprendere di più su una specie o un ecosistema e, soprattutto, sulla conservazione ambientale. Quindi gli animali ambasciatori sono alcuni dei membri più importanti della loro specie.

Vorresti che la tua foto fosse descritta come Foto del giorno? Unisciti al nostro gruppo Flickr e aggiungi le tue foto al pool!

* * *

Jaymi Heimbuch è uno scrittore e fotografo di Mother Nature Network. Seguila su Twitter, Google+ e Facebook.

Articoli Correlati