Chi ha detto questo? 8 gufi che potresti sentire di notte

Sebbene la maggior parte degli uccelli si calmi dopo il tramonto, spesso trasformano le onde radio in un turno notturno più sottile e misterioso. E di tutte le strane voci avicole che l'oscurità evoca, pochi riescono a riempire una foresta, una fattoria o un cortile con un ambiente notturno come un gufo.

I gufi possono risalire a 50 milioni di anni o più e ora vivono in tutti i continenti tranne l'Antartide, che vanno dalla tundra ai tropici. Alcuni sono attivi di giorno, ma la maggior parte - circa i due terzi di 200 specie conosciute - sono principalmente nottambuli.

Quelle specie sono ben attrezzate per la vita notturna, grazie agli adattamenti chiave per trovare e catturare le prede nell'oscurità quasi totale. I loro "tubi per gli occhi" sensibili alla luce e le piume del viso incanalate nel suono li aiutano a rilevare i movimenti, per esempio, e possono volare in silenzio virtuale grazie a grandi ali e piume di volo appositamente sagomate.

Poiché i gufi sono così furtivi, le persone raramente riescono a vederli nella loro piena gloria. Invece, il nostro primo indizio sulla loro presenza è di solito un grido etereo - o, a seconda della specie, forse uno strano bip, cinguettio, grido o stridio.

I gufi emettono una vasta gamma di rumori, alcuni dei quali sono più facili da riconoscere rispetto ad altri. Nella speranza di rendere questi crooner al chiaro di luna solo un po 'meno misteriosi, ecco un who's who di alcuni gufi comunemente ascoltati da tutto il mondo:

Gufo escluso (Nord America)

"Chi cucina per te?" è la domanda sul marchio dei gufi vietati. Forse sono stanchi dei topi crudi? (Foto: June West / Flickr)

Se una voce spettrale su un albero ha mai richiesto il nome del tuo chef, probabilmente hai incontrato un gufo escluso ( Strix varia ). Sono famosi per una serie distintiva di grida, tradizionalmente anglicizzata da "Chi cucina per te? Chi cucina per tutti voi?"

I gufi esclusi sono abbondanti nel Nord America a est del fiume Mississippi, specialmente nelle foreste di vecchia crescita e nelle paludi alberate. Sono anche adattabili, abitando alcune aree urbane con abbastanza vecchie cavità degli alberi adatte ai loro nidi. Di recente si sono anche espansi in diverse parti del Canada nel nord-ovest del Pacifico, dove possono competere con il gufo dall'aspetto simile ma molto più raro.

Una tipica chiamata "chi cucina" è composta da otto o nove grida piene di sentimento, anche se i gufi sbarrati sembrano darsi una buona dose di licenza artistica:

Le coppie accoppiate eseguono anche un'ululata opera d'albero di caterwauls e "richiami di scimmie", descritta dal Cornell Lab of Ornithology come un "duetto tumultuoso di schiamazzi, grida, zampe e gorgoglii". Ecco un esempio registrato nella Contea di Berkeley, West Virginia:

***

Gufo cornuto (Americhe)

I grandi gufi cornuti spesso aspettano su un trespolo di notte, quindi scendono in picchiata per catturare silenziosamente la preda. (Foto: Shutterstock)

Frequentando diversi habitat dall'Alaska all'Argentina, i grandi gufi cornuti ( Bubo virginianus ) sono i gufi più comuni nelle Americhe. E grazie ai loro penetranti occhi gialli, alle dimensioni imponenti e ai caratteristici ciuffi auricolari - tecnicamente "plumicorni", non corna - sono anche uno dei più iconici rapaci del Nuovo Mondo.

I grandi gufi cornuti cacciano principalmente di notte, affrontando prede che vanno da topi, rane e serpenti a conigli, puzzole, corvi e oche. Esse possono essere riconosciute da una catena di "suoni bassi, sonori e lontani, hoo, hoo-hoo, hoo, hoo ", secondo la National Audubon Society, "con la seconda e la terza nota più brevi delle altre".

***

Barbagianni (Americhe, Europa, Asia, Africa, Oceania)

I barbagianni sono noti per le loro facce spettrali e le loro grida aspre, che sono diverse dalle chiamate degli altri gufi. (Foto: Shutterstock)

Il barbagianni comune ( Tyto alba ) è uno degli uccelli terrestri più distribuiti al mondo, presente in tutti i continenti tranne l'Antartide. Proviene dalla famiglia Tytonidae, uno dei due lignaggi principali dei gufi moderni. (Tutti gli altri gufi in questo elenco provengono dalla più varia famiglia di Strigidae, nota come "veri gufi".) Come altre specie di Tytonidae, T. alba ha grandi occhi scuri e un caratteristico disco facciale a forma di cuore.

I barbagianni cacciano i roditori di notte volando su terreni aperti come paludi, praterie o fattorie, o scansionando da un pesce persico basso. Posano e nidificano in tranquille cavità, tra alberi, fienili, silos e campanili della chiesa. Sono rigorosamente notturni, ma non urlano - invece, la loro chiamata caratteristica è un urlo roco, tirato fuori:

***

Gufo reale euroasiatico (Europa, Asia, Africa)

I gufi reali euroasiatici possono adattarsi a vivere in una vasta gamma di habitat boschivi, compresi i parchi cittadini. (Foto: Shutterstock)

Con un'apertura alare di quasi 2 metri (6, 5 piedi), il gufo reale euroasiatico ( Bubo bubo ) è una delle specie di gufo più grandi del pianeta. Vive in gran parte dell'Europa, dell'Asia e del Nord Africa, dove caccia una varietà di animali - persino mammiferi grandi come volpi adulte o giovani cervi - e non teme predatori naturali propri.

I gufi reali sono più attivi di notte. La loro chiamata principale è un " ooo-hu " profondo e in forte espansione per Wildscreen Arkive, sebbene ogni uccello metta il proprio tocco personale sulla colonna sonora della specie. In effetti, ogni membro di una popolazione di gufo reale euroasiatico può essere identificato in modo affidabile solo con la voce, secondo la voliera nazionale.

***

Scops owl (Europa, Asia, Africa)

La civetta orientale ( Otus sunia ) abita nelle foreste decidue secche dell'Asia meridionale. (Foto: Shutterstock)

I gufi Scops sono veri gufi nel genere Otus, con circa 45 specie conosciute in tutto il Vecchio Mondo. Sono piccoli e agili, di solito alti dai 6 ai 12 pollici, e usano piume mimetiche per fondersi con la corteccia degli alberi. Le chiamate variano in base alla specie, ma la maggior parte produce una serie di grida acute, meno di cinque al secondo o un lungo fischio singolo.

La civetta eurasiatica ( Otus scops ) è una specie comune, che si trova in alcune parti dell'Europa meridionale, del Nord Africa, dell'Asia minore, della penisola arabica e dell'Asia centrale. Come altri gufi scops, le sue piccole dimensioni lo rendono vulnerabile ai predatori, quindi si nasconde negli alberi durante il giorno. Di notte, caccia insetti, uccelli canori e altre piccole prede.

Ecco una registrazione di O. scops che grida vicino a Mattersburg, in Austria, seguita da un'altra specie diffusa, la civetta orientale ( O. sunia ):

***

Screech owl (Americhe)

Una civetta orientale scruta da un albero nel Parco nazionale delle Grandi Montagne Fumose. (Foto: Shutterstock)

Per uccelli così grandi, i gufi sono sorprendentemente piccoli. Circa 20 specie sono note alla scienza, tutte nelle Americhe, che riempiono una nicchia simile ai gufi del Vecchio Mondo. Si affidano al mimetismo per nascondersi sugli alberi durante il giorno, quindi si animano di notte.

La civetta orientale ( Megascops asio ) ha le dimensioni di un pettirosso e si estende su gran parte degli Stati Uniti orientali e del Midwest, dalle Grandi Pianure alle coste atlantiche. Nonostante il suo nome, non grida davvero, producendo invece trilli e trilli. La chiamata principale del maschio (A-song) è un dolce trillo che si adatta a circa 35 note in pochi secondi, secondo Owl Pages, e la sua B-song è un lamento discendente.

La civetta occidentale ( Megascops kennicottii ) spazia dal sud-est dell'Alaska al deserto dell'Arizona e mentre assomiglia visivamente a suo cugino orientale, suona in modo significativamente diverso. La specie produce "una serie accelerata di" palle che rimbalzano "da sei a otto fischi, secondo la Audubon Society.

***

Grande gufo grigio (Nord America, Europa, Asia)

I grandi gufi grigi sono prevalentemente notturni, ma a volte volano anche durante il giorno durante la stagione riproduttiva. (Foto: Shutterstock)

Il grande gufo grigio ( Strix nebulosa ) è il più grande gufo del Nord America, in piedi più di 2 piedi di altezza (0, 6 metri) con un'apertura alare fino a 5 piedi (1, 5 metri). Ma "le sue grandi dimensioni sono in parte un'illusione", sottolinea la Audubon Society, grazie a una soffice massa di piume che avvolge un corpo molto più piccolo. I grandi gufi grigi sono più leggeri dei grandi gufi cornuti o nevosi e hanno piedi e artigli relativamente piccoli.

Gli specialisti dei roditori possono cacciare ascoltando da soli, spesso immergendosi per afferrare i topi da sotto la neve profonda. Sono più attivi di notte e possono essere identificati da un profondo " hooo-ooo-ooo-ooo " che urla lentamente per diversi secondi. Le chiamate territoriali iniziano dopo il crepuscolo, secondo Owl Pages, il picco prima di mezzanotte e poi di nuovo più tardi nella notte. Possono essere ascoltati fino a 800 metri di distanza nelle notti serene.

***

Allocco (Europa, Asia)

I gufi Tawny sono particolarmente vocali nelle serate limpide in autunno, inverno e primavera. (Foto: Andreas Trepte / Wikimedia Commons)

Circa delle dimensioni di un piccione, i gufi bruni sono diffusi in tutta Europa, tra cui circa 50.000 coppie nidificanti nel Regno Unito (ma non in Irlanda). Sono i gufi più comuni in Gran Bretagna, dove sono anche conosciuti come "gufi marroni". La loro gamma si estende in Nord Africa, Iran, Siberia occidentale, Himalaya, Cina meridionale e Taiwan.

La specie inizia a formare territori in autunno, un processo che "comporta molti grida e chiamate", secondo Wildscreen Arkive. Tendono a nidificare nelle cavità degli alberi e di notte piombano dai posatoi per afferrare piccole prede come lombrichi, scarafaggi e arvicole.

La chiamata principale dei maschi, usata per rivendicare il territorio e il corteggiamento, è una serie di suoni " hoohoo " distanziati . Le femmine possono rispondere con uno spasso simile, ma più spesso effettuano la chiamata di contatto " kewick ". La clip qui sotto - una registrazione del 2014 da Norfolk, in Inghilterra - mostra un maschio che chiama una donna lontana:

Articoli Correlati