Colpa del punto di rugiada, non dell'umidità

Lamentarsi dell'umidità è un punto di partenza per la conversazione in estate, ma dovremmo puntare la nostra ira sul punto di rugiada.

Sì, entrambe queste cose - umidità e punto di rugiada - sono legate all'umidità presente nell'aria, ma si riferiscono a cose diverse e quella differenza conta quando si tratta di come ci si sente a proprio agio all'esterno.

Umidità relativa vs. punto di rugiada

Quando parliamo di umidità, in realtà stiamo parlando dell'umidità relativa, e tutto ciò significa che quanta umidità c'è nell'aria rispetto alla quantità necessaria affinché l'aria sia completamente satura di umidità. Tuttavia, per determinare quanta umidità è necessaria affinché l'atmosfera sia completamente satura, è necessario incorporare la temperatura esterna con l'umidità. Quindi, di per sé, l'umidità relativa in realtà non ci dice quanta umidità è presente, secondo il National Weather Service (NWS).

Mentre ci sono alcune altre variabili coinvolte, nella sua forma più semplice, l'umidità relativa ci dice sostanzialmente quanto è vicina la temperatura dell'aria alla temperatura dell'umidità. Più sono vicini, maggiore è l'umidità; più è distante, minore è l'umidità. Ecco perché quando le temperature salgono, l'umidità relativa diminuisce e viceversa.

Il punto di rugiada, tuttavia, ci dice quanta umidità, in particolare il vapore acqueo, è nell'aria. È la temperatura alla quale l'aria deve raffreddarsi affinché l'umidità nell'aria raggiunga la saturazione o l'umidità relativa del 100%. Se è al 100%, l'acqua si sta condensando alla stessa velocità che sta evaporando. Se c'è una differenza tra la temperatura del punto di rugiada e la temperatura dell'aria, le cose cambiano. Quindi, se la temperatura dell'aria si raffredda al di sotto della temperatura del punto di rugiada, il vapore acqueo inizia a condensarsi su superfici solide. È per questo che l'erba è rugiadosa al mattino o perché le molecole d'acqua si ammassano attorno alle particelle d'aria per formare la nebbia.

Il punto di rugiada ci dice quanta umidità c'è nell'aria. Quando l'erba è rugiadosa al mattino, significa che la temperatura dell'aria si è raffreddata al di sotto della temperatura del punto di rugiada. (Foto: lynnlin / Shutterstock)

Mentre questo può sembrare un po 'astratto, il punto di rugiada è coerente - e la nostra risposta è altrettanto coerente. Un giorno con una temperatura del punto di rugiada di 40 gradi Fahrenheit (4 gradi Celsius) avverrà lo stesso se la temperatura dell'aria è di 60 F o 100 F. In effetti, i giorni con punti di rugiada inferiori a 55 F saranno abbastanza comodi, anche se è probabile che qualcosa al di sotto di una temperatura del punto di rugiada di 40 ° F sia un po 'troppo asciutto.

Ma una volta che il punto di rugiada oscilla tra i 55 ° F e i 65 ° F, l'NWS afferma che l'esterno si sentirà "appiccicoso nelle serate afose". Qualsiasi cosa al di sopra di 65 F significa che c'è molta umidità nell'aria e la maggior parte delle persone inizierà a sentirsi a disagio. Una volta che la temperatura del punto di rugiada raggiunge i 21 ° C, le cose diventano opprimenti, se non addirittura pericolose.

L'indice di calore è reale

I punti di rugiada elevati sono scomodi perché l'umidità dell'aria sta rallentando la velocità con cui il nostro sudore evapora dai nostri corpi. È così che ci raffreddiamo. Quindi, se sei in un luogo con una temperatura molto alta e un basso punto di rugiada - scegli un numero qualsiasi di città negli Stati Uniti del sud-ovest - il tuo corpo sta per sudare e quel sudore evaporerà. È anche molto facile disidratarsi in questa situazione.

Ecco perché prestare attenzione all'indice di calore è così importante. L'indice di calore influenza la temperatura effettiva dell'aria con il punto di rugiada o l'umidità relativa. Questo ti darà un'idea di come ci si sente realmente fuori. Il grafico dell'indice di calore di NWS utilizza l'umidità relativa:

Il grafico dell'indice di calore del National Weather Service è una misura della sensazione di caldo quando l'umidità relativa viene calcolata in base alla temperatura effettiva dell'aria. (Foto: NOAA / Wikimedia Commons)

Come con l'umidità relativa, anche un alto punto di rugiada lo farà sentire più caldo all'esterno. Se ti trovi in ​​un luogo con un alto punto di rugiada e una temperatura dell'aria elevata, il sudore non può evaporare abbastanza velocemente da raffreddarti. Il risultato è che puoi surriscaldarti e questo ti renderà incline agli effetti di varie malattie da calore, incluso il colpo di calore, che è ciò che accade quando il tuo corpo non può rinfrescarsi attraverso la sudorazione. Puoi diventare confuso e persino perdere conoscenza perché il tuo corpo è essenzialmente troppo caldo. Altri sintomi di malattie da calore possono includere vertigini, crampi, nausea, mal di testa e accelerazione del polso.

Quindi, la vera verità non è così semplice come la frase che sei abituato a sentire. Non è il caldo; è la quantità di umidità nell'aria e l'evaporazione o meno ad una velocità che consente al nostro sudore di evaporare. (Ma non rotola la lingua altrettanto facilmente.)

Articoli Correlati