Come i granchi e gli alberi potrebbero presto sostituire la plastica

Avvolgere gli alimenti in plastica può prolungarne la freschezza, ma con le materie plastiche a base di petrolio, la freschezza ha un costo ambientale.

I ricercatori della Georgia Tech credono di aver creato un'alternativa potenzialmente praticabile a tali materie plastiche, una che non è solo compostabile, ma potrebbe mantenere il cibo più fresco più a lungo.

E bastarono solo alcuni alberi e alcuni granchi.

Un diverso tipo di plastica

Descritto nella rivista ACS Sustainable Chemistry and Engineering, il nuovo tipo di materiali è costituito da strati di nanocristalli di cellulosa da polpa di legno e nanofibre di chitina, che possono essere trovati nei gusci scartati di granchi e gamberi.

La cellulosa è il biopolimero più comune al mondo. Il secondo più comune? Chitina.

"Il principale punto di riferimento con cui lo confrontiamo è il PET, o polietilene tereftalato, uno dei materiali a base di petrolio più comuni negli imballaggi trasparenti che vedi nei distributori automatici e nelle bottiglie di bibite", ha dichiarato J. Carson Meredith, professore in Georgia Tech's School of Chemical and Biomolecular Engineering, ha dichiarato in una nota. "Il nostro materiale ha mostrato una riduzione del 67% della permeabilità all'ossigeno rispetto ad alcune forme di PET, il che significa che in teoria potrebbe mantenere gli alimenti più freschi più a lungo".

Questo nuovo materiale può realizzare quell'impresa a causa della sua struttura generale. Oltre ad essere forti, flessibili e trasparenti, gli strati di nanocristalli di cellulosa proteggono meglio il cibo dai gas, come l'ossigeno, che possono rovinarlo.

"È difficile per una molecola di gas penetrare in un cristallo solido, perché deve interrompere la struttura del cristallo", ha detto Meredith. "Qualcosa come il PET d'altra parte ha una quantità significativa di contenuto amorfo o non cristallino, quindi ci sono più percorsi più facili da trovare per una piccola molecola di gas."

Il film, che puoi vedere nel video sopra, è creato sospendendo la cellulosa e la chitina in acqua, spruzzandole a strati e lasciandole asciugare. Tiene insieme bene perché la cellulosa viene caricata negativamente mentre la chitina è caricata positivamente. Gli opposti, dopo tutto, si attraggono.

"Loro ... formano una bella interfaccia tra loro", ha detto Meredith.

I materiali necessari per questa plastica sono prontamente disponibili. La cellulosa è già prodotta e il processo per catturarlo è consolidato. L'industria alimentare dei molluschi ha molta chitina disponibile, ma la produzione di chitina in forma di nanofibra è ancora qualcosa che ha bisogno di lavoro.

Anche bisogno di lavoro? Il materiale stesso. Mentre resiste all'ossigeno meglio del PET, Meredith e il suo team devono perfezionarlo ulteriormente per bloccare il vapore acqueo.

Articoli Correlati