Come l'estrazione della luna potrebbe trasformare l'economia e i viaggi nello spazio

La luna, osservata con Marte (in basso a destra) nel luglio 2003, detiene molte più ricchezze di quanto si pensi. (Foto: Marc Van Norden [CC by 2.0] / Flickr)

L'estrazione della luna è destinata a diventare una fiorente industria fuori dal mondo, che potrebbe trasformare non solo l'economia mondiale, ma anche una forza trainante per mettere gli stivali a terra in tutto il nostro sistema solare.

Ma cosa offre esattamente la luna, a lungo considerata una roccia sterile - o, in alcuni ambienti, un pezzo di formaggio molto vecchio?

Non lasciarti ingannare da quel comportamento austero, dice la NASA. Il vero valore commerciale della luna si nasconde proprio sotto la superficie, come l'agenzia spiega in questo come il mining della luna funzionerebbe infografica. Le sue risorse possono essere suddivise in tre elementi chiave. Il primo, l'acqua, ha bisogno di poche presentazioni. È la base per la vita come la conosciamo.

L'acqua lunare potrebbe diventare il nuovo olio per i viaggi nello spazio

Se gli umani si stabiliranno permanentemente sulla luna, non saranno in grado di fare affidamento su un flusso costante di pacchetti di cure dalla Terra. Invece, l'acqua estratta dal ghiaccio ai poli del satellite potrebbe aiutarli a coltivare i propri raccolti.

Ma l'acqua, essendo composta da idrogeno e ossigeno, può anche essere convertita in propellente per razzi. Ciò darebbe un enorme impulso alle missioni oltre la luna. Attualmente, i lanci terrestri devono portare a bordo tutto il propellente di cui hanno bisogno, il che li rende ingombranti e inadatti per missioni a lungo raggio. L'acqua di luna raffinata, d'altra parte, consentirebbe ai veicoli spaziali di riempire il serbatoio quando sono già nello spazio.

"L'idea sarebbe quella di avviare una sorta di catena di approvvigionamento al di fuori della Terra per determinati prodotti - in particolare per l'acqua come propellente - in modo che potrebbe essere molto più facile navigare nello spazio da un corpo all'altro", Julie Brisset, un ricercatore associato al Florida Space Institute, racconta The Verge.

In effetti, la luna e la sua acqua raffinata potrebbero diventare la stazione Esso locale per i viaggiatori spaziali.

Una centrale elettrica che produce energia

Il secondo elemento chiave trovato sotto la superficie lunare che gli umani guarderebbero al mio è Helium-3. Poiché l'isotopo non è radioattivo, non genererebbe rifiuti pericolosi, spingendo gli esperti a pubblicizzare l'elio-3 come fonte più sicura di energia nucleare.

Il nostro pianeta non riceve molto elio-3, principalmente perché il nostro campo magnetico blocca le cose mentre naviga dai venti solari. La luna non ha quel tipo di buffer, quindi ottiene una spolverata costante di elio-3.

Minerali più preziosi dell'oro

Il terzo capo attira l'estrazione della luna? Metalli di terre rare, come ittrio, lantanio e samario. Questi minerali non sono facili da trovare sul nostro pianeta. In effetti, circa il 95 percento di questi sono controllati e immagazzinati da un singolo paese: la Cina.

Ma certamente tutti ne abbiamo bisogno. Tutto, dalle turbine eoliche al vetro per i pannelli solari, dalle auto ibride al tuo smartphone, contiene metalli delle terre rare. Ne fanno uso anche missili guidati e altre attrezzature militari ad alta tecnologia.

"Ci potrebbero essere tonnellate e tonnellate di metalli del gruppo del platino sulla luna, metalli delle terre rare, che sono tremendamente preziosi sulla Terra", dice l'amministratore della NASA Jim Bridenstine alla CNBC.

Quindi perché non abbiamo ancora iniziato a scavare? Bene, nonostante la promessa delle ricchezze lunari, gli ingegneri devono ancora elaborare un dettaglio minaccioso: come funzionerebbe un'operazione di estrazione su larga scala. Forse i robot potrebbero farlo, utilizzando apparecchiature stampate in 3D. Ma dovremmo ancora costruire una sorta di infrastruttura lì; non tutto può essere trasportato direttamente dalla luna alla Terra. Come osserva la NASA, "in questa fase, è ancora un'ipotesi. La maggior parte delle proposte ha assomigliato al modello di business di Underpants Gnomes".

Se non si ha familiarità con il riferimento "South Park", si riferisce a un modello commerciale in tre parti. La prima fase è identificare una risorsa. La terza e ultima fase è quella di trarre profitto. La seconda fase è un punto interrogativo, perché nessuno sa davvero come arrivare alla Fase 3. Almeno, non ancora.

Questo non vuol dire che nessuno ha la minima idea. Guarda il video qui sopra per vedere come potrebbe funzionare l'estrazione della luna.

Prima l'America?

Una cosa è certa. In questo momento, gli Stati Uniti devono essere abbastanza soddisfatti della sua decisione di non firmare il Trattato sulla Luna nel 1979. L'obiettivo principale di quel patto era "fornire i principi legali necessari per governare il comportamento di stati, organizzazioni internazionali e individui che esplorano il celeste corpi diversi dalla Terra, nonché l'amministrazione delle risorse che l'esplorazione può produrre. "

In altre parole, il trattato garantirebbe che le risorse della luna non possano essere raccolte per gli interessi commerciali di una singola nazione. In tutto, 18 nazioni lo hanno firmato. Ma, unendosi alla Russia e alla Cina per non appoggiare il trattato, gli Stati Uniti hanno essenzialmente tenuto la porta aperta per le società americane un giorno per raccogliere profitti fuori dal mondo. (Non dire mai che il capitalismo non ha lungimiranza.)

Perché quel giorno potrebbe essere finalmente arrivato. Questa settimana, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo, stabilendo la politica degli Stati Uniti sullo sfruttamento delle risorse della Terra.

"Gli americani dovrebbero avere il diritto di impegnarsi nell'esplorazione commerciale, nel recupero e nell'uso delle risorse nello spazio, in linea con la legge applicabile", osserva l'ordine. "Lo spazio esterno è un dominio legalmente e fisicamente unico dell'attività umana e gli Stati Uniti non lo considerano un bene comune".

Le rocce sul lato oscuro della luna potrebbero contenere una moltitudine di metalli delle terre rare. (Foto: CSNA / CLEP / Doug Ellison)

Questa politica si estenderebbe a tutto ciò che gli Stati Uniti possono scavare su Marte e altri pianeti, così come gli asteroidi. Ma il frutto più basso sospeso, quello più facilmente a portata di mano, sarebbe il nostro fedele aiutante, la luna.

"Mentre l'America si prepara a riportare gli umani sulla luna e viaggiare su Marte, questo ordine esecutivo stabilisce la politica degli Stati Uniti verso il recupero e l'uso delle risorse spaziali, come l'acqua e alcuni minerali, al fine di incoraggiare lo sviluppo commerciale dello spazio", Scott Pace, vice assistente del presidente e segretario esecutivo del Consiglio spaziale nazionale degli Stati Uniti, ha detto quando l'ordine esecutivo è stato condiviso.

In altre parole, gli Stati Uniti possono vedere la luna in modo molto simile al modo in cui Elon Musk vede il cielo pieno di stelle: per il viandante spaziale vanno le spoglie.

Articoli Correlati