Come preparare il tuo idromele al miele

Mead sta vivendo una rinascita negli Stati Uniti e, se vuoi provarlo, puoi montare un lotto a casa.

Prodotto dall'impasto di miele, acqua e lievito, l'idromele è la più antica bevanda alcolica conosciuta dall'uomo. Molto prima del vino e della birra, c'era l'idromele.

Le prime testimonianze archeologiche dell'idromele del miele risalgono al 7000 a.C. Gli appassionati di letteratura potrebbero ricordare l'idromele come la bevanda preferita dai guerrieri danesi nel classico racconto "Beowulf" e, di fatto, l'idromele veniva spesso indicato come bevanda preferita dell'eroe in altre pubblicazioni anche.

In Grecia, si pensava che l'idromele fosse una bevanda sacra - la "bevanda degli dei" - e si credeva avesse proprietà mistiche. In Europa, l'idromele veniva usato come medicina e veniva mescolato con varie erbe e spezie per combattere alcuni disturbi. La sua popolarità era diminuita nelle aree in cui l'uva era prontamente disponibile con la quale produrre vino, ma da allora è tornata come alternativa al vino.

Dopo alcuni mesi di preparazione, puoi avere bottiglie del tuo idromele. (Foto: Madison Scott-Clary [CC BY 2.0] / Flickr)

Quindi vuoi incanalare il tuo idromele interno e imbottigliare il tuo? Ecco come:

  • Inizia con alcuni ingredienti molto semplici: miele, acqua e lievito. Ovviamente, avrai anche bisogno di alcuni strumenti per preparare a casa il tuo idromele: un kit per la preparazione della birra, un grande secchio di plastica, carboidrati di vetro, una grande pentola e un libro sull'idromele per rispondere a tutte le tue domande sulla produzione del tuo idromele.
  • Assicurati che tutti i tuoi strumenti siano stati completamente sterilizzati. Ciò significa bollirli in acqua calda o lavarli con uno speciale disinfettante per vinificazione o una miscela di candeggina, quindi sciacquarli. Il motivo per la sanificazione dei tuoi strumenti è così importante? Anche la più piccola quantità di batteri può rovinare un intero lotto di idromele.
  • Per fare un lotto di 6 litri di idromele, fai bollire 1, 5 litri d'acqua in una pentola capiente, quindi aggiungi circa 1, 5 litri di miele una volta spento. (Alcune persone suggeriscono di aggiungere il miele direttamente nella pentola di acqua bollente, ma altri sostengono che questo metodo rovinerà qualsiasi accento floreale dell'idromele.) A questo punto, puoi anche aggiungere frutta o erbe per aromatizzare diversamente l'idromele. Puoi aggiungere frutta tagliata direttamente alla miscela o mettere le erbe in un sacchetto di mussola prima di aggiungerle al lotto.
  • Aggiungi altri tre litri di acqua fresca - filtrata o acqua di sorgente in modo che non contenga cloro. Misura la temperatura dell'acqua e aggiungi il lievito quando è tra i 65-75 gradi Fahrenheit. Proprio come in cottura, se l'acqua è troppo calda o troppo fredda, il lievito non si attiverà e il processo di fermentazione non avrà luogo. Alcuni ideatori suggeriscono anche di aggiungere un energizzante al lievito per aumentare il contenuto di nutrienti.
  • L'uso di un idrometro a questo punto ti aiuterà a decifrare la gradazione alcolica dell'idromele. Quindi mescolare leggermente per mescolarlo e sigillare la parte superiore. Se stai usando un secchio di plastica o una brocca di vetro, avrai bisogno di un airlock in cima che permetta all'aria di fuoriuscire una volta iniziato il processo di fermentazione, che inizierà circa 24 ore dall'inizio del processo.
  • La miscela dovrebbe fermentare per circa un mese, momento in cui è possibile iniziare il processo di "svinatura" o sifonamento della miscela in un secondo contenitore lasciando sedimenti sul fondo del primo contenitore. Quindi copri di nuovo con una camera d'aria e lascia riposare l'idromele per un altro mese o anche di più. Questa volta, puoi sifonare l'idromele in bottiglie e tapparle.

All'inizio può sembrare scoraggiante, ma come sa ogni fai-da-te, anche le attività più complicate sono solo un video di YouTube. Ecco un video che ti aiuta a navigare nel processo di fabbricazione dell'idromele:

Articoli Correlati