Come sopravvivere a un attacco di orso

Gli orsi non vogliono attaccare le persone. Li uccidiamo molto più spesso di quanto non uccidano noi e molti orsi sembrano essere consapevoli di quel rapporto. Quando attaccano, di solito è perché erano affamati o sorpresi.

Eppure, nonostante la loro esitazione, gli attacchi sono aumentati in molte parti del mondo. Il Parco Nazionale di Yellowstone ha visto sorgere conflitti tra orsi umani negli ultimi anni, ad esempio, tra cui due attacchi fatali nel 2011 (il primo in 25 anni del parco) e un altro nel 2015. Nel giugno 2016, un ciclista è stato ucciso da un grizzly appena a sud di Glacier National Park nel Montana. I funzionari della fauna selvatica affrontano problemi simili negli Stati Uniti e in Canada, così come in altri paesi come il Giappone e la Russia. Ciò è stato collegato a una varietà di fattori, tra cui la perdita di habitat, l'intrusione umana, la carenza di cibo e i cambiamenti climatici.

Il comportamento degli orsi è ancora fortemente influenzato dalla biologia e dall'educazione: gli orsi neri americani sono relativamente docili e sciatti, ad esempio, mentre gli orsi polari sono più aggressivi e hanno maggiori probabilità di vedere le persone come prede. Tuttavia, cercare di comprendere appieno qualsiasi attacco di un orso è un compito scoraggiante e, dal momento che non possiamo trasmettere le nostre intenzioni pacifiche agli orsi, è generalmente più sicuro stare semplicemente alla larga.

Tuttavia, i run-in occasionali sono inevitabili. La maggior parte delle persone è sorpresa nel vedere un orso quanto nel vederli, e le interazioni che ne conseguono sono spesso piene di incomprensioni. Le specie, il periodo dell'anno e altri dettagli dettano la migliore risposta, ma ecco una panoramica di come gestire questi incontri strazianti:

Orsi bruni

Gli orsi bruni, come questa famiglia grizzly nel Wyoming, spesso stanno in piedi quando sono curiosi. (Foto: Chase Dekker / Shutterstock)

Gli orsi bruni (ovvero gli orsi grizzly) sono le specie di orsi più diffuse al mondo, che si trovano in gran parte dell'Eurasia e del Nord America nord-occidentale. Sono generalmente più grandi e più aggressivi degli orsi neri, ma il colore da solo non è un modo affidabile per distinguerli. Notare anche le dimensioni dell'orso e cercare una gobba di muscoli nella parte superiore della schiena, un marchio di orsi bruni. Ricorda anche dove ti trovi: il paese grizzly è espansivo in Europa, Asia e Canada, ma negli Stati Uniti è limitato all'Alaska e a parti dell'Idaho, Montana, Washington e Wyoming.

I conflitti con gli orsi grizzly nordamericani (nella foto sopra) sono aumentati negli Stati Uniti, in parte a causa della crescente popolazione umana e grizzly, e in parte alla carenza di cibo che alcuni scienziati attribuiscono al riscaldamento globale. Ma i cambiamenti climatici possono anche ampliare la gamma dei grizzlies, forse persino nell'habitat dell'orso polare.

Se incontri un orso bruno, tieni a mente questi suggerimenti:

  • Trasportare sempre spray per orsi. Questo è un must nel paese grizzly, preferibilmente in una fondina o tasca frontale poiché avrai solo pochi secondi per sparare. (Lo spray per orsi può effettivamente essere più utile di una pistola per i grizzly, poiché uno o due proiettili potrebbero non fermare un adulto adulto abbastanza rapidamente.)
  • Non essere furtivo. Se pensi che gli orsi siano nella zona, parla, canta o fai altri rumori per far loro sapere che ci sei anche tu, senza sorprenderli. Se vedi un orso che non ti vede, non disturbarlo.
  • Non essere uno scherzo. Il cibo incustodito e la spazzatura sono dei magneti dell'orso infuocato, anche se sono legati. Cerca di produrre rifiuti minimi durante il campeggio o le escursioni e assicurati accuratamente tutti i cibi e i rifiuti (in alcuni parchi sono necessari contenitori per orsi). Gli orsi possono anche essere attirati dai cani, quindi potrebbe essere saggio lasciare animali domestici a casa.
  • Non correre. Se incontri un grizzly, stai in piedi, mantieni la calma e allunga lentamente la mano verso lo spray per gli orsi. Non preoccuparti se l'orso si alza, di solito significa solo che è curioso. Allontanati lentamente se puoi, ancora pronto a spruzzare. Se l'orso ti segue, fermati e mantieni la tua posizione.
  • Mirare e spruzzare. La distanza migliore per spruzzare un orso in carica è di circa 40-50 piedi. L'idea è quella di creare un muro di spray al pepe tra te e l'orso.
  • Colpisci la terra. Se l'orso continua a caricarsi, cadi e allaccia le dita dietro il collo per proteggerlo. Proteggi il tuo stomaco disteso a terra o assumendo una posizione fetale, con le ginocchia nascoste sotto il mento. Non muoverti.
  • Gioca morto. Anche se l'orso inizia ad attaccare, probabilmente sta cercando di neutralizzarti come una minaccia. E dal momento che non lo avrai mai superato o sopraffatto, fingere la morte è la tua scommessa migliore a questo punto. Anche se si allontana, non alzarti. I grizzlies sono noti per indugiare e assicurarti di essere morto, quindi stai giù per almeno 20 minuti.
  • Inscatola il naso o gli occhi. Ciò potrebbe contrastare fattibilmente un attacco grizzly, ma combattere come ultima risorsa. Giocare morto è la strategia preferita con i grizzly. Se riesci a liberarti, però, torna indietro lentamente; ancora non correre.

Orsi neri

L'orso nero americano è la specie di orso più comune nel Nord America. (Foto: David Osborn / Shutterstock)

I due principali tipi di orsi neri, americani e asiatici, sono separati dall'Oceano Pacifico, ma sono ancora più strettamente collegati tra loro che agli orsi bruni che condividono i loro habitat. L'orso nero americano (nella foto) è l'orso più piccolo e più comune del Nord America, con circa 900.000 che vanno dall'Alaska all'Atlantico, mentre gli orsi neri asiatici (trovati in Cina, Giappone, Corea e Russia) sono più minacciati, sia dalla deforestazione che dal pratica controversa di "allevamento di orsi".

Gli orsi neri americani di tanto in tanto attaccano gli umani, ma poiché sono scalatori più piccoli, più veloci e migliori dei grizzly, di solito preferiscono fuggire piuttosto che combattere. Gli orsi neri asiatici, d'altra parte, sono più inclini ad attaccare le persone, un problema secondo gli scienziati potrebbe peggiorare con il cambiamento climatico.

Se incontri un orso nero, tieni a mente questi suggerimenti:

  • Sii consapevole dell'orso. In generale, prendi le stesse precauzioni che avresti nel paese grizzly: porta spray per gli orsi nelle aree in cui sono attivi gli orsi neri, mantieni il cibo e la spazzatura riposti e fai rumore quando cammini nei boschi in modo da non sorprendere gli orsi nascosti.
  • Sopportare la tua terra. Gli orsi neri sono meno aggressivi dei grizzly, quindi finché dimostrerai di essere grande e rumoroso, di solito ti lasceranno in pace. Grida, agita le braccia e crea un trambusto. Usa bastoncini o altri oggetti per farti sembrare ancora più grande. E proprio come con i grizzlies, non scappare mai da un orso nero. Spesso bluffano le cariche e la strategia migliore è quella di rimanere in posizione con spray per gli orsi pronti a sparare se l'orso si avvicina troppo.
  • Resta a terra. Non arrampicarti mai su un albero per sfuggire a un orso nero. Sono scalatori eccellenti e tendono a inseguire qualunque cosa pensino stia scappando, quindi c'è una buona probabilità che ti intrappoli nell'albero.
  • Usa spray per orsi. Può aiutare, ma non è così critico come con i grizzlies. Lo stesso principio si applica, tuttavia: prova a spruzzare quando l'orso si trova a 40-50 piedi di distanza, creando un muro di spray al pepe di fronte a te.
  • Contrattaccare. A meno che non sia fisicamente incapace, spesso è meglio difendersi da un orso nero piuttosto che rannicchiarsi a terra. Continua a fare rumore e ad apparire grande durante l'incontro, ma se finisci da vicino, usa qualsiasi oggetto vicino come arma per respingere l'orso. Se non c'è nulla di utile in giro, dai un pugno o un calcio al naso dell'orso. Fai tutto il necessario per spaventarlo, ma concentrati sulle aree sensibili che potrebbero avere una reazione immediata. Cerca di creare spazio tra te e l'orso, ma non scappare mai: fai farlo all'orso.

Orsi polari

Gli orsi polari sono gli orsi più grandi vivi. (Foto: AndreAnita / Shutterstock)

Gli orsi polari non sono solo i più grandi orsi vivi; sono anche il più grande di tutti i carnivori terrestri. Non sono onnivori come gli altri orsi, ma si nutrono principalmente di foche e pesci. Accumulano molto grasso da questa dieta, impaccati sui loro robusti telai per sopportare l'inverno artico amaro. Gli umani non possono competere con gli orsi uno contro uno, ma con gli orsi polari la gara è particolarmente sbilenco. Sono anche meno abituati a vedere le persone e hanno maggiori probabilità di vederci come prede. Ma vivono in relativo isolamento nell'Artico e sono abbastanza solitari che gli attacchi agli umani sono rari.

La relazione si è inasprita solo di recente a causa degli effetti dei cambiamenti climatici, dal momento che il riscaldamento dell'Artico significa meno ghiaccio marino, che gli orsi polari usano come piattaforme per cacciare le foche. Gli orsi polari affamati stanno ora andando verso l'entroterra per il cibo, un'abitudine che li mette sempre più in contrasto con gli umani.

Se incontri un orso polare, tieni a mente questi suggerimenti:

  • In bocca al lupo. Gli orsi polari sono gli orsi più grandi della Terra e sono molto più difficili da spaventare rispetto agli orsi bruni o neri. La migliore strategia è quella di evitare di incontrarli in primo luogo.
  • Non comportarti come una preda. Questo è un buon consiglio per qualsiasi incontro con gli orsi, ma soprattutto con gli orsi polari. Sono le specie più probabili per vederti come un pasto e scappare confermerà solo i loro sospetti. Inoltre, sono più veloci di te e molto migliori nella corsa su neve e ghiaccio.
  • Agisci come una minaccia. L'orso può vedere attraverso questa tattica, soprattutto se ha fame, ma vale comunque la pena provare. Non attirare l'attenzione su di te se l'orso non ti vede o sembra disinteressato, ma se si avvicina, alzati in piedi, parla ad alta voce e agisci come se dovesse aver paura di te. Questo video offre un buon esempio.
  • Usa spray per orsi. È la soluzione migliore, dal momento che non puoi contare sull'intimidire un orso polare e il loro habitat non offre molti nascondigli. Come nei paesi grizzly, assicurati che lo spray sia facilmente raggiungibile e impara come usarlo prima di andare. (Ma non lasciare che quei raffinati venti dell'Artico spazzino via la tua nuvola protettiva - cerca di anticipare il vento prima di spruzzare.)
  • Non mollare. Sfortunatamente, né giocare a morto né reagire funziona bene contro gli orsi polari e contro i loro parenti più piccoli. Spesso sono più interessati a mangiarti che a neutralizzarti come una minaccia, quindi giocare a morte potrebbe semplicemente facilitare il loro lavoro. Combattere è anche abbastanza inutile, ma se ti ritrovi a rotolare intorno alla tundra con un orso polare di una tonnellata, non hai molto da perdere. Come con altri orsi, cerca di ferirti il ​​naso o gli occhi e stai alla larga da quelle grandi zampe oscillanti. Un singolo colpo può uccidere una persona.

E gli altri orsi?

Un orso bradipo attraversa il parco nazionale di Ranthambore, nel nord dell'India. (Foto: Ondrej Prosicky / Shutterstock)

Mentre gli orsi neri, marroni e polari sono le varietà più conosciute, ci sono anche molti altri tipi sparsi in tutto il mondo, anche se in numero minore e coprendo meno area. Tutti sfoggiano pellicce di colore scuro in una certa misura, ma non sono strettamente legati agli orsi neri americani o asiatici o tra loro. Di seguito è riportato uno sguardo ad alcuni degli orsi meno conosciuti del pianeta; ognuno ha le sue stranezze comportamentali, ma nessuna è considerata una grave minaccia alla sicurezza umana. Come con tutti gli orsi, anticipa la loro presenza quando sei sul loro territorio ed evita un incontro quando possibile.

Se vieni attaccato, segui le stesse linee guida generali per gli orsi sopra elencati.

  • Orso labiato: coperto di pelliccia scura e ispida, gli orsi labiato abitano le foreste e le praterie del subcontinente indiano, principalmente a basse altitudini. Mangiano principalmente termiti, ma come onnivori, sono anche noti per nutrirsi di uova, carogne e piante. Non sono particolarmente grandi - vanno da 100 a 300 sterline - ma possono essere aggressivi verso le persone. La specie è elencata come vulnerabile dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).
  • Orso dagli occhiali : il piccolo, timido orso dagli occhiali è l'unico membro sopravvissuto della sua sottofamiglia tassonomica, Tremarctinae, ed è anche l'unica specie di orso originaria del Sud America. Sfrutta una vasta gamma di habitat, tra cui la foresta pluviale, la foresta pluviale, le steppe e il deserto della macchia costiera, ma si concentra principalmente nelle montagne boscose di Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela. È elencato come vulnerabile dall'IUCN.
  • Orso del sole: essendo la più piccola di tutte le specie di orsi, gli orsi del sole sono facili da trascurare. Di notte si aggirano nelle foreste tropicali del sud-est asiatico, nutrendosi principalmente di termiti, formiche, larve di scarafaggi, larve di api e miele, nonché di una grande varietà di frutti, in particolare di fichi. Questa solitudine aiuta a ridurre i conflitti con le persone, ma gli orsi del sole sono ancora minacciati dalla perdita di habitat e dallo sviluppo umano. L'IUCN li elenca anche come specie vulnerabile.
  • Panda gigante: nonostante il malinteso comune che i panda giganti siano legati ai procioni, sono un tipo di orso, l'unico membro sopravvissuto del genere Ailuropoda . Più del 99 percento della loro dieta è composta da 30 specie di bambù, sebbene possano anche digerire la carne. Questa dieta prevalentemente vegetariana riduce la probabilità di attaccare le persone, ma forse il motivo principale per cui gli attacchi sono rari è che i panda giganti stessi sono rari. Vivono in poche aree montuose della Cina centrale, ma i programmi di allevamento in cattività hanno lo scopo di introdurre i panda allevati in cattività allo stato brado. La specie è elencata come minacciata dalla IUCN.

Per ulteriori consigli su come sopravvivere a un incontro con un orso, guarda questo video:

Nota del redattore: questo articolo è stato aggiornato da quando è apparso originariamente nel marzo 2011.

Articoli Correlati