Cosa c'è nel dentifricio?

Il dentifricio può essere uno dei prodotti più scontati che ci mettiamo in bocca. Non è un prodotto alimentare, quindi ottiene meno controllo rispetto, per esempio, Diet Coke e Twinkies. Ma se ti lavi i denti due o tre volte al giorno, sono 730 a 1.095 volte l'anno. Il dentifricio non è pensato per essere ingerito, ma con così tanti pennelli e risciacqui ogni anno, è lecito ritenere che almeno un fumo di dentifricio scenderà dal portello. Probabilmente non è abbastanza preoccuparsi, ma è interessante sapere cosa succede nella nostra bocca.

Gli antichi dentifrici includevano ingredienti come ceneri di zoccoli di bue, gusci d'uovo bruciati, ossa schiacciate, gusci di ostriche, carbone in polvere e corteccia. Gli ingredienti moderni non sono altrettanto poetici. Cosa stiamo usando per mantenere i nostri bianchi madreperlacei più sani oggi? Di seguito è riportato un elenco combinato di ingredienti (molti dei quali si sovrappongono tra i prodotti) presenti in tre marchi leader di dentifrici: Colgate Total Dentifricio, Fresh Stripe; Aquafresh All Tartar Control; e Crest 3D White Advanced Vivid Dentifricio. Abbiamo fatto molta strada dai resti carbonizzati dei piedi delle mucche.

Carbomer 956

Un polimero usato per addensare e stabilizzare l'emulsione.

carragenina

La carragenina alimentare è un estratto di alga rossa ( Chondrus crispus ). Viene utilizzato per addensare e stabilizzare una vasta gamma di prodotti alimentari, tra cui yogurt gelato e gelato a basso contenuto di grassi. È usato come agente addensante nel dentifricio.

Carbossimetilcellulosa sodica

Il carbossimetilcellulosa sodica, noto anche come gomma di cellulosa, viene utilizzato come addensante per dentifrici cremosi.

Cocamidopropyl betaine

Un ingrediente schiumogeno derivato dall'olio di cocco, la cocamidopropil betaina aiuta a emulsionare e mantenere la coerenza degli aromi mentre il prodotto è nella provetta. Durante la spazzolatura, l'azione schiumogena aiuta a distribuire la pasta in bocca e quindi aiuta a rimuovere i detriti dalla bocca per un migliore risciacquo.

D&C Yellow # 10 e D&C Red # 30

Coloranti sintetici prodotti da fonti di catrame di petrolio o carbone; questi coloranti sono approvati dalla US Food and Drug Administration (FDA) per l'uso in prodotti farmaceutici e cosmetici.

FD&C Blue # 1

Tintura sintetica prodotta da petrolio; questo colorante è approvato dalla FDA per l'uso in alimenti, prodotti farmaceutici e cosmetici.

Glicerina

La glicerina è un composto che può essere utilizzato per bilanciare e mantenere i livelli di umidità. Nel dentifricio, impedisce al prodotto di seccarsi e aiuta a preservare il prodotto - contribuisce anche a una buona sensazione in bocca e migliora il sapore. Può essere di origine animale ed è quindi elencato nella guida Ping's Consumer Caring come sottoprodotto della produzione di sapone che in genere utilizza grasso animale.

Silice idrata

La silice idrata è un derivato del biossido di silicio (presente in natura come sabbia o quarzo). È un gel trasparente che funge da abrasivo nei dentifrici in gel. Nel dentifricio opaco, la silice idrata funge da abrasivo secondario.

Mica

La mica appartiene alla famiglia dei minerali di fillosilicato: la mica bianca in polvere viene utilizzata in numerosi cosmetici, incluso il dentifricio, per la sua brillantezza. Viene anche usato come abrasivo delicato per aiutare a lucidare la superficie del dente.

PEG-8 e PEG-12

Il termine "PEG" (polietilenglicole) è usato per polimeri sintetici di ossido di etilene - nel dentifricio sono usati come umettanti e solventi. Gli umettanti prevengono la perdita d'acqua e agiscono come stabilizzatori. (Secondo l'Environmental Working Group o l'EWG, questi polimeri possono essere contaminati da impurità di fabbricazione potenzialmente tossiche come l'1, 4-diossano.)

Poloxamer 407

Derivati ​​dal petrolio, il poloxamer 335 e il 407 appartengono alla categoria dei tensioattivi, che consente di dissolvere gli ingredienti a base di olio in una soluzione a base d'acqua.

Glicole propilenico

Il glicole propilenico è un piccolo alcool organico comunemente usato come agente di condizionamento della pelle e nel dentifricio come umettante. È stato associato a dermatite da contatto irritante e allergica, nonché orticaria da contatto (orticaria) nell'uomo; questi effetti di sensibilizzazione possono manifestarsi a concentrazioni di glicole propilenico fino al 2 percento.

Copolimero PVM / MA

Il copolimero PVM / MA è un copolimero di metil vinil etere e anidride maleica e viene utilizzato come legante.

Benzoato di sodio

Il benzoato di sodio previene l'accumulo di microrganismi nel dentifricio, il che è positivo perché mantenere freddo il dentifricio in frigorifero potrebbe rendere piuttosto scomodo lavarsi i denti sensibili.

Fluoruro di sodio

Il fluoro è uno degli ingredienti più controversi nel dentifricio. Secondo l'ADA, il fluoro è l'ingrediente più importante per i denti sani: rafforza lo smalto, previene le cavità e combatte la placca. Il dibattito sulla sicurezza del fluoro risale agli anni '50, quando iniziò la mossa per aggiungere fluoro all'acqua potabile. Il fluoro ingerito a livelli non sicuri è tossico per l'uomo e l'FDA impone etichette di avvertimento su tutti i prodotti contenenti la sostanza chimica che recita: "Tenere fuori dalla portata dei bambini di età pari o inferiore a 6 anni. Se viene ingerito più di quanto viene utilizzato per la normale spazzolatura, contattare il medico o centro antiveleni locale ".

Tranne che in rari casi di reazione allergica con conseguente vomito e disidratazione, i peggiori sintomi di avvelenamento da fluoro nei bambini sono diarrea e nausea, secondo il New York Times. Dei 4.453 casi di '' esposizione al fluoro '' non intenzionale segnalati ai centri antiveleni lo scorso anno, il 99% era minore e nessuno era in pericolo di vita.

Idrossido di sodio

Altrimenti noto come lisciva o soda caustica. Nel dentifricio funziona per neutralizzare il pH di altri ingredienti.

Sodio laurilsolfato (SLS)

Prima degli anni '40 il dentifricio conteneva sapone. Ora SLS viene utilizzato come parte detergente del dentifricio, il che rende la schiuma di dentifricio in bocca. (Si trova comunemente negli shampoo per lo stesso scopo.) SLS ha la reputazione di essere irritante per la pelle e in uno studio condotto presso la National Library of Medicine degli Stati Uniti, è stato scoperto che una frequenza significativamente più alta di ulcere aftose (afte) è stato dimostrato quando i pazienti si sono lavati con un dentifricio contenente SLS.

Bonus SLS! L'ingrediente è anche responsabile del sapore sgradevole del succo d'arancia dopo aver lavato i denti. SLS desensibilizza le papille gustative che raccolgono dolcezza, quindi la tua lingua sta ottenendo solo i sapori aspri e amari.

Saccarina Sodica

Poiché i produttori di dentifrici non aggiungono zucchero per mascherare i molti sapori amari elencati qui, si rivolgono a dolcificanti artificiali, come la saccarina.

sorbitolo

Il sorbitolo è un alcool di zucchero utilizzato nei prodotti alimentari e viene utilizzato nel dentifricio per dolcificare, ma è anche usato come agente umettante e testurizzante.

Diossido di titanio

Il biossido di titanio è un composto inorganico usato come colorante in una gamma di prodotti per la cura del corpo come creme solari e trucco. Dona ai dentifrici senza gel il loro candore luminoso.

Il biossido di titanio è stato descritto come possibile cancerogeno per l'uomo dal Canadian Centre for Occupational Health and Safety.

triclosan

Il triclosan è un ingrediente aggiunto a molti prodotti di consumo come ingrediente antimicrobico, in particolare nei saponi antibatterici e nei lavaggi per il corpo, ma anche nei cosmetici e in alcuni dentifrici, dove viene usato per combattere la gengivite. La sostanza chimica è così diffusa che un sondaggio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato la presenza chimica nelle urine del 75% degli americani di età superiore ai 5 anni. Gli scienziati hanno anche scoperto che un terzo dei delfini tursiopi testati al largo della Carolina del Sud e quasi un quarto di quelli testati al largo della Florida portava tracce di triclosan, dalle acque reflue, nel sangue.

Triclosan è elencato dall'EPA come pesticida.

Secondo la FDA: "Studi sugli animali hanno dimostrato che il triclosan altera la regolazione ormonale. Tuttavia, i dati che mostrano gli effetti sugli animali non predicono sempre gli effetti sull'uomo. Altri studi sui batteri hanno aumentato la possibilità che il triclosan contribuisca a rendere i batteri resistenti agli antibiotici. Alla luce di questi studi, la FDA è impegnata in una revisione scientifica e normativa in corso di questo ingrediente. La FDA non ha prove di sicurezza sufficienti per raccomandare di cambiare l'uso dei consumatori di prodotti che contengono triclosan in questo momento. "

Gomma di xantano

La gomma di xantano è un polisaccaride, un polimero a base di zucchero prodotto dai batteri; è usato come agente di viscosità nei prodotti per la cura personale e negli alimenti.

Così il gioco è fatto. Molti di noi sono attenti e non ingurgitano grandi quantità di dentifricio, ma secondo la National Library of Medicine degli Stati Uniti, ingerire una grande quantità di dentifricio regolare può causare mal di stomaco e possibili blocchi intestinali. Oltre a convulsioni, diarrea, difficoltà respiratorie, sbavando, infarto, shock, tremori e vomito. La morale della storia? Risciacquare e sputare bene.

Anche sul sito:

  • 8 inquietanti ingredienti misteriosi nel fast food
  • 10 punti di cottura che possono sopravvivere

Articoli Correlati