Devi modificare un motore diesel per farlo funzionare con olio vegetale?

Cara Vanessa,

Devi modificare un motore diesel per farlo funzionare con olio vegetale, ed è la stessa cosa del biodiesel?

- Randy Berinhout

Caro Randy,

Saluti dalla base del vulcano Tungurahua, incastonato tra le Ande e l'Amazzonia.

Ottima domanda! Non sei certamente il solo a chiedere chiarimenti. Ho trascorso molte ore nei parcheggi spiegando la piastra di vanità sul mio diesel '84 (“BIODSEL”) e le differenze tra i vari carburanti che possono essere utilizzati per alimentare un motore diesel.

Quando Rudolph Diesel introdusse il suo motore nel 1900, alla Fiera mondiale di Parigi, funzionava con olio di arachidi. Poco dopo, l'industria petrolifera ha iniziato a incassare il progetto Diesel usando un sottoprodotto della distillazione del petrolio per alimentare il motore. Lo chiamavano gasolio.

La mia auto può funzionare a diesel (la varietà di combustibili fossili), olio vegetale dritto (SVO) e biodiesel (SVO che è stato modificato), o qualsiasi combinazione dei tre. Questo non è insolito: qualsiasi cosa con un motore diesel - aereo, barca, moto - può funzionare con diesel, SVO o biodiesel. SVO è un termine ampio e copre una vasta gamma di materiali oltre all'olio vegetale, inclusi grassi animali (pollo, sego, strutto e sottoprodotti di acido grasso omega-3 dall'olio di pesce) e alghe. SVO può provenire da materie prime vergini, vale a dire colture coltivate specificamente come fonte di combustibile o riciclate da altri usi, come oli da cucina usati (WVO per oli vegetali usati).

Ecco il problema: SVO brucerà in un motore diesel ma solo se la sua viscosità (lo spessore di un liquido) viene ridotta a un livello simile al petro-diesel. Pensa agli avanzi nel tuo frigorifero: il grasso si coagula abbastanza rapidamente e non si liquefa di nuovo se non viene riscaldato. L'esecuzione su SVO senza apportare alcune modifiche può portare ad alcuni problemi molto appiccicosi, letteralmente.

Esistono due scelte di base per gestire la viscosità degli SVO: aggiungere un meccanismo di riscaldamento alla linea del carburante o al serbatoio o elaborare gli oli. Faccio entrambe le cose. Uso SVO - sempre sotto forma di WVO locali - in un secondo serbatoio del carburante nel bagagliaio dell'auto dove SVO è riscaldato da una bobina che scorre dal radiatore. La seconda opzione, modificando l'olio, significa usare biodiesel. Il biodiesel viene prodotto attraverso un processo chiamato transesterificazione, un processo abbastanza semplice che utilizza la lisciva per rimuovere le proprietà coagulanti degli oli. Il sottoprodotto della lavorazione del biodiesel è la semplice glicerina, utilizzata nei saponi e in altri prodotti.

Il biodiesel che utilizzo è prodotto da WVO riciclati da ristoranti locali e caffetterie universitarie. Naturalmente, il biodiesel può anche essere prodotto da materie prime di olio vergine. Le colture di soia rappresentano circa il 90 percento delle scorte di carburante degli Stati Uniti.

Ecco le basi: motore diesel originariamente progettato per funzionare con olio vegetale; nessuna modifica necessaria per far funzionare un motore diesel a biodiesel; Il meccanismo di riscaldamento deve essere aggiunto per far funzionare il motore su SVO.

Ora per le nozioni di base non così. SVO e biodiesel hanno molti vantaggi rispetto al petrodiesel:

• Sono teoricamente neutrali rispetto al carbonio (non emettono più carbonio di quanto abbiano assorbito).

• Le loro emissioni sono più pulite (incluso un minor numero di particelle che causano l'asma)

• Nel caso di WVO, possono essere riciclati e prodotti localmente e mantenere i rifiuti potenziali fuori dalle fogne e dalle discariche.

• Sono derivati ​​da fonti rinnovabili.

Il fatto è che l'energia rinnovabile non è sempre sostenibile.

In precedenza, caro lettore, ti ho sottoposto ai miei mini-diatriba sui biocarburanti (vedi stufe a pellet), ma ecco una breve rassegna degli impatti negativi dei biocarburanti. Troppo spesso, le foreste pluviali vengono bruciate per piantare colture per ottenere carburante. Factoring nell'uso del carbonio nell'agricoltura, nella produzione e nei trasporti, i biocarburanti non possono più essere considerati carbon neutral. Gli impatti ambientali distruttivi e spesso velenosi dell'agricoltura stanno travolgendo il pianeta. E la coltivazione di colture per il carburante ha già portato all'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e continuerà a creare una pericolosa concorrenza tra carburante e cibo.

Spero che chiarisca più di quanto confonda!

Vanessa

Articoli Correlati