Dovremmo bere un caffè? I pro e i contro

Coffee e io abbiamo avuto una relazione lontana, diffidente, cioè fino a poco tempo fa. Sono stato avvisato presto dei "mali" del caffè. Ho visto come il caffè possa creare dipendenza per alcune persone, quindi ho pensato che era meglio non iniziare. Vivo a Portland, tuttavia, dove il caffè è una parte importante della cultura.

Il mio atteggiamento è cambiato l'anno in cui è nata la mia seconda figlia. Ero così stanco per la mancanza di sonno e pensavo che un po 'di caffè avrebbe aiutato. Certamente lo ha fatto! Sono stato sveglio fino alle prime ore del mattino, completamente sveglio. Sono rimasto lontano dal caffè per un paio di mesi dopo quell'esperienza.

In questi giorni, non sono davvero impegnato a essere un bevitore di caffè a lungo termine o un astemio del caffè. Quindi, ho pensato di esaminare alcuni degli studi sul caffè, ed ecco cosa ho imparato.

Perché dovresti bere un caffè

Uno studio recente ha scoperto che le persone che bevono caffè tendono ad avere un'infiammazione meno correlata all'età. (Foto: Kristoffersen / Shutterstock)

1. Caffè e malattie cardiache: la ricerca presentata a novembre 2017 nelle sessioni scientifiche dell'American Heart Association ha collegato il consumo di caffè a un minor rischio di insufficienza cardiaca, malattia coronarica e ictus. I ricercatori hanno detto che bere caffè ha portato a "ridurre il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca del 7 percento e ictus dell'8 percento con ogni tazza di caffè aggiuntiva consumata a settimana rispetto ai bevitori non di caffè", secondo un comunicato stampa. Uno studio del 2019 della British Heart Foundation ha sfatato alcuni studi precedenti che collegavano bere caffè con l'indurimento delle arterie che può portare a infarto o ictus. Lo studio ha scoperto che anche le persone che bevono fino a 25 tazze di caffè al giorno non hanno un rischio maggiore di avere arterie più rigide.

2. Caffè e durata della vita: due studi del 2017 pubblicati negli Annals of Internal Medicine hanno indicato che bere caffè ha portato a una vita più lunga e che lo ha fatto per più etnie. Il primo studio, condotto da un team dell'Università della California del sud, ha scoperto che un maggiore consumo di caffè tra oltre 215.000 partecipanti in popolazioni sia bianche che non bianche ha comportato un minor rischio di morte a causa di malattie cardiache, ictus, diabete, cancro e malattie renali, tra le altre condizioni. Il secondo studio, condotto dall'Imperial College di Londra e dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ha considerato mezzo milione di europei provenienti da 10 paesi diversi. Coloro che consumavano tre tazze al giorno tendevano a vivere più a lungo rispetto ai non bevitori di caffè e vedevano un ridotto rischio di morte per malattie circolatorie e malattie legate al tratto digestivo. In entrambi gli studi, i bevitori di decaffeinato hanno avuto gli stessi risultati di quelli che bevevano caffè normale.

3. Caffè e cancro: nel complesso, i bevitori di caffè hanno tassi più bassi di alcuni tipi di cancro, inclusi cancro della pelle, del colon, dell'endometrio e della prostata. Si discute se il caffè promuova i tumori al seno dominanti gli estrogeni, ma questo documento di follow-up di 22 anni non ha trovato alcun legame con il carcinoma mammario dominante gli estrogeni nelle donne in pre-menopausa con assunzione di tè e caffè contenenti caffeina o decaffeinato. Vi era tuttavia una leggera correlazione tra carcinoma mammario e donne in post-menopausa. Uno studio del World Cancer Research Fund International ha trovato un forte legame tra il consumo di caffè e un ridotto rischio di cancro al fegato. (Nonostante questi risultati, tuttavia, ci sono ancora alcune preoccupazioni su come il caffè influenza il rischio di cancro, come notato nel n. 3 nella sezione "perché forse non dovresti").

4. Caffè e diabete: un altro vantaggio per i bevitori di caffè (almeno quelli che bevono quattro o più tazze al giorno) è una significativa riduzione del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Alcune ricerche hanno indicato tre componenti del caffè per questo effetto: acido caffeico, acido clorogenico e caffeina.

5. Caffè, demenza e morbo di Alzheimer: anche il caffè mostra risultati promettenti nel ridurre il rischio di demenza e morbo di Alzheimer. Uno studio ha riscontrato una riduzione del rischio di Alzheimer con esposizione a lungo termine alla caffeina. Un altro ha scoperto che il consumo di caffè e tè era collegato a minori rischi di malattia di Alzheimer e demenza. Per quello studio, circa 1.4000 persone in Finlandia e Svezia sono state seguite per due decenni e coloro che hanno riferito di bere 3-5 tazze di caffè al giorno avevano il 65% in meno di probabilità di sviluppare demenza e Alzheimer, rispetto a coloro che non hanno bevuto caffè o bevuto solo occasionalmente. E, nel caso ti stavi chiedendo, i chicchi di caffè tostati hanno i migliori elementi di protezione del cervello.

6. Caffè e morbo di Parkinson: tra i bevitori di caffè esiste anche un legame con il rischio ridotto di morbo di Parkinson. Tuttavia, recenti ricerche mettono in guardia le donne che assumono ormoni sostitutivi contro il consumo di caffè, poiché i due combinati potrebbero aumentare il rischio. Potrebbe esserci una spiegazione sul perché alcune persone siano protette dal morbo di Parkinson quando bevono il caffè. Circa il 25 percento della popolazione ha un gene, GRIN2A, che sembra proteggerli dallo sviluppo del morbo di Parkinson se bevono caffè. Se non si dispone di quel gene, è possibile che non si ottenga il beneficio protettivo del bere caffè.

7. Caffè e invecchiamento: la caffeina può contrastare l'infiammazione legata all'età. Uno studio pubblicato su Nature Medicine ha scoperto che le persone anziane con livelli più bassi di infiammazione - che si ritiene contribuiscano a condizioni come malattie cardiovascolari, cancro, diabete, osteoartrosi, Alzheimer, depressione e altro ancora - sono anche bevitori di caffè. Più caffeina bevevano, più erano protetti da questa infiammazione legata all'età.

8. Caffè e obesità. In uno studio pubblicato su Scientific Reports, alcuni scienziati dell'Università di Nottingham hanno scoperto che bere caffè può stimolare il "grasso bruno", che potrebbe essere la chiave per combattere l'obesità. Il grasso bruno ha un ruolo nella velocità con cui bruciamo calorie. I ricercatori dicono che sono necessari ulteriori studi per vedere se la caffeina o gli integratori di caffeina possono aiutare con l'attivazione del grasso bruno.

9. Caffè, depressione e MRSA: se ciò non bastasse, alcuni studi mostrano anche una minore depressione nei bevitori di caffè e che i bevitori di caffè hanno meno probabilità di essere portatori del superbug, MRSA.

Non so te, ma questo mi fa venire voglia di uscire e prendere un caffè espresso. Allora, qual è il holdup? Perché alcuni medici, esperti di salute e nutrizionisti mettono in guardia dal bere caffè? Ecco un paio di ragioni.

E perché forse non dovresti ...

Il consumo moderato di caffeina può essere OK per le donne in gravidanza. Ma i ricercatori non sono sicuri dell'impatto dei livelli più alti. (Foto: Lolostock / Shutterstock)

1. Caffè e donne in gravidanza: l'American College of Obstetricians and Gynecologists ha dichiarato che il consumo moderato di caffeina - meno di 200 mg al giorno, che è la quantità in circa 12 once di caffè - non sembra avere un impatto sull'aborto prematuro alla nascita o crescita fetale. Gli effetti di maggiori quantità di caffeina durante la gravidanza non sono chiari.

2. Caffè e carenze nutrizionali: il caffè può bloccare l'assorbimento di alcuni minerali, incluso il ferro. Questo può ovviamente essere un problema. Ma soprattutto, è un potente soppressore dell'appetito per molti. Se bevi caffè invece di mangiare un pasto equilibrato, puoi finire con carenze di macro e micronutrienti, che possono portare a una serie di problemi. E non pensare che questo effetto di soppressione dell'appetito ti aiuterà a perdere peso a lungo termine, perché puoi abbassare il tasso di metabolismo quando non mangi abbastanza.

3. Caffè e cancro: come notato in precedenza, i bevitori di caffè sembrano essere generalmente più sicuri da alcuni tumori. Tuttavia ci sono anche alcune preoccupazioni che il caffè possa effettivamente aumentare il rischio di cancro. In California, un giudice ha stabilito che torrefattori e negozi di caffè devono includere etichette di avvertimento sul caffè sull'acrilamide, un possibile agente cancerogeno umano creato quando i chicchi di caffè vengono tostati. (Secondo il National Cancer Institute, l'acrilamide è "ragionevolmente prevista come cancerogena per l'uomo", sebbene aggiunga che gli studi "non hanno trovato prove coerenti che l'esposizione dietetica all'acrilamide sia associata al rischio di qualsiasi tipo di cancro" nell'uomo.)

4. Caffè e problemi del sonno, irritabilità, ansia: se stai stimolando il tuo corpo per una risposta di lotta o fuga con il caffè, il sonno non sarà la prima risposta più probabile dal tuo corpo, quindi perché molte persone soffrono di problemi di sonno quando bevono caffè. La caffeina può anche renderti traballante, irritabile o ansioso.

5. Metabolismo della caffeina e del GABA: il GABA (acido gamma-aminobutirrico) è un neurotrasmettitore che viene prodotto nel cervello, nel sistema nervoso e nel tratto gastrointestinale. Ti aiuta con la gestione dello stress ed esercita un'influenza calmante. L'ho preso come supplemento per aiutarmi a dormire prima. La caffeina può impedire il legame del GABA ai recettori del GABA, che è un'altra ragione per cui la caffeina può far sentire alcune persone più ansiose.

6. Caffeina e sindrome metabolica: in uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry condotto sui topi, i ricercatori australiani hanno scoperto che bere più di cinque o sei tazze di caffè con caffeina al giorno aumentava il rischio del sistema metabolico e portava ad un aumento di peso .

Qual è la risposta giusta per te?

È qui che mi occupo ora del problema del caffè: il caffè è una coltura altamente nebulizzata, quindi compro quasi sempre un marchio biologico per evitare un elevato residuo di pesticidi. Il caffè, secondo me, dovrebbe essere acquistato anche per il commercio equo e solidale poiché i lavoratori sono spesso maltrattati nel settore. Questo rende il caffè molto più costoso, il che limita anche il mio consumo di caffè.

Per quanto riguarda il caffè e la salute, ho avuto molti problemi con la stanchezza schiacciante in passato. Mentre il caffè avrebbe potuto aiutarmi a sopravvivere alcuni giorni difficili più facilmente, ho preso la strada difficile e ricostruito la mia salute usando cibo e nutrizione. Ne valeva la pena.

Il caffè non dovrebbe mai sostituire una buona energia causata da una buona salute. (Quando stavo scrivendo il mio libro di ricette per l'insalata, ho ricevuto una sferzata di energia così grande da tutte le insalate con cui mi riempivo la faccia tutto il giorno, che non volevo nemmeno bere un caffè normale - non avevo bisogno di più energia! )

Per ottenere tutti i benefici che il caffè ha da offrire, sembra che tu ne debba bere molto. Tuttavia, se bevi troppo, rischi di avere problemi di salute. Uno studio del 2019 sull'American Journal of Clinical Nutrition che ha analizzato 347.077 bevitori di caffè ha scoperto che cinque tazze di caffè sono le più che dovresti bere in un giorno.

"Al fine di mantenere un cuore sano e una pressione sanguigna sana, le persone devono limitare i loro caffè a meno di sei tazze al giorno - in base ai nostri dati sei è stato il punto di svolta in cui la caffeina ha iniziato a influenzare negativamente il rischio cardiovascolare", ha detto la ricercatrice Professor Elina Hyppönen del Centro australiano per la salute di precisione, in una nota.

Quindi, per ora, mi godo il caffè con un programma piuttosto regolare, ma non tutti i giorni o anche ogni settimana. Sicuramente non sto bevendo abbastanza per raccogliere i benefici per la salute trovati negli studi sopra, ma lo bevo per il piacere. Spero che tu abbia trovato un buon equilibrio, qualunque sia la tua situazione.

Nota del redattore: questa storia è stata originariamente pubblicata nel maggio 2012 ed è stata aggiornata con nuove informazioni.

Articoli Correlati