Dovresti nutrire gli uccelli in inverno?

Osservare gli uccelli nella tua mangiatoia durante i sterili mesi invernali è un ottimo modo per rimanere in contatto con la natura e aiutare le creature che altrimenti avrebbero difficoltà a trovare il loro prossimo pasto. In effetti, circa il 40% degli americani manda fuori mangiatoie da cortile cariche di becchime o suet.

Ma solo perché è una gioia assistere alla sfilata colorata di cardinali del nord, picchi dal ventre rosso, cardellini americani e cerette di cedro che fluttuano fuori dalla tua finestra, è davvero la cosa migliore per loro? Dovresti aiutare i tuoi amici pennuti ogni volta che è possibile o va contro la natura, rendendoli dipendenti dagli umani e indebolendo la loro naturale capacità di cercare cibo da soli?

Innanzitutto, la buona notizia

Secondo Nature Conservancy, gran parte della ricerca attuale suggerisce che la produzione di prelibatezze per gli uccelli selvatici in genere dà loro un vantaggio sulla sopravvivenza durante il clima freddo quando il cibo non è prontamente disponibile. Uno studio del Wisconsin, ad esempio, ha scoperto che le ceci ricoperte di nero con un sacco di semi dei loro vicini umani hanno mostrato un tasso di sopravvivenza all'inverno significativamente elevato (69%) rispetto a quelli lasciati a cavarsela da soli (tasso di sopravvivenza del 37%).

In effetti, la maggior parte degli studi indica che gli uccelli che si affidano agli alimentatori godono generalmente di un maggiore successo riproduttivo rispetto a quelli che non lo fanno. Depongono le uova prima, ne producono più e i loro pulcini pesano di più. Ciò è particolarmente vero quando gli inverni sono rigidi o gli uccelli stanno cercando di sopravvivere in habitat di scarsa qualità o di affrontare altre sfide estreme.

La maggior parte delle ricerche (anche se non tutte) suggerisce che gli uccelli che hanno mangiato cibo supplementare in inverno, come questo picchio dal ventre rosso, tendono ad andare meglio di quelli costretti a badare a se stessi. (Foto: Deb Nystrom [CC BY 2.0] / Flickr)

Uccidere con gentilezza?

Uno sguardo più attento alla ricerca suggerisce che, almeno per alcuni uccelli, un facile accesso alle offerte umane di buon cuore può essere troppo positivo, diminuendo la loro capacità di recupero e capacità di sopravvivere.

Uno studio condotto nel Regno Unito, ad esempio, ha scoperto che le tette blu (parenti europei del chickadee con cappuccio nero) non andavano bene dopo una dieta invernale di palline di grasso fornite dall'uomo (fatte con semi e semi). Gli uccelli hanno avuto un successo riproduttivo inferiore in primavera, i pulcini hanno pesato meno e hanno sperimentato tassi di sopravvivenza più bassi rispetto ai pulcini i cui genitori hanno cercato il loro cibo. Un altro studio del Regno Unito ha rivelato risultati simili.

Certo, questi sono solo due studi tra molti altri che mostrano i risultati opposti (vale a dire, maggiore resistenza alla riproduzione tra uccelli selvatici alimentati dall'uomo). Possibili spiegazioni per i risultati anomali, secondo gli autori, potrebbero essere che la particolare dieta studiata era squilibrata e troppo ricca di grassi o che l'alimentazione invernale potrebbe aiutare gli uccelli meno sani a sopravvivere quando normalmente non lo farebbero. Una cattiva salute equivale spesso a una minore capacità riproduttiva.

Qualunque sia la ragione, questi risultati suggeriscono che sono necessarie ulteriori ricerche sui possibili svantaggi dell'alimentazione degli uccelli, incluso se solo alcune specie di uccelli sono influenzate negativamente, quale tipo di alimentazione è la migliore e la quantità ideale di cibo.

Un altro motivo per essere cauti prima di esporre le becchime viene dagli studi che dimostrano che più specie di uccelli che si ammucchiano in modo innaturale agli alimentatori aumentano le loro possibilità di contrarre parassiti e malattie.

Un altro aspetto negativo è l'aumento del rischio di collisioni tra finestre quando gli uccelli scappano dai posatoi dell'alimentatore. L'ornitologo del Muhlenberg College Daniel Klem ha scoperto che i colpi mortali di uccelli sono più comuni quando le mangiatoie sono a 15-30 piedi dalle finestre. Anche gli alimentatori a una distanza di circa un metro possono causare occasionali morti per collisione della finestra.

Un altro problema con gli alimentatori è la crescente presenza di visitatori sgraditi: in particolare i falchi di Cooper e gli shunt acuminati in cerca di prede per facili pasti nel cortile. Le popolazioni di questi predatori alati sono cresciute rapidamente negli ultimi decenni.

Sebbene non ci siano prove concrete che le popolazioni di uccelli selvatici stiano diminuendo a causa della predazione nel cortile, guardare i falchi che si insinuano in una sanguinosa uccisione potrebbe non essere la scena della natura tranquilla a cui ti sei registrato quando hai messo fuori per la prima volta le becchime. Inoltre, la crescente popolarità delle mangiatoie per uccelli da cortile sta attirando più falchi per l'inverno invece di migrare, probabilmente cambiando l'equilibrio della natura e portando ad altre conseguenze negative non intenzionali.

I falchi di Cooper sono uno spettacolo sempre più frequente nelle mangiatoie per uccelli del cortile dove i raccolti sono facili. (Foto: USFWS Mountain-Prairie [CC BY 2.0] / Flickr)

Per nutrire o non alimentare

Dati i potenziali svantaggi dell'alimentazione degli uccelli nel cortile, può essere difficile decidere se è la cosa giusta da fare.

Ecco alcune considerazioni.

Innanzitutto, ricorda che ci sono numerosi benefici documentati per molte specie di uccelli e ci sono anche benefici per gli umani che li nutrono. Questi includono il controllo degli insetti, l'impollinazione dei fiori e il controllo delle erbe infestanti intorno al cortile, nonché la possibilità di avvicinarsi e di conoscere la natura (magari anche di fare delle belle foto). La gioia che deriva dal contatto con creature selvagge può persino trasformarsi in una passione per la conservazione e la difesa dell'ambiente. Ispira un numero sufficiente di persone per agire attraverso il birdwatching nel cortile e ciò può comportare una migliore protezione del pianeta.

Ancora indeciso? La National Audubon Society suggerisce di porre tre domande:

Una particolare specie di uccelli è a rischio? Per quanto possa sembrare controintuitivo, se scopri che un particolare uccello è minacciato, in via di estinzione o in altro modo in difficoltà, è meglio rinunciare a offrire cibo. Non vuoi minacciare ulteriormente la specie introducendo inavvertitamente malattie o infliggendo altri danni involontari.

Il cibo è appropriato e fornito in modo sicuro? Se hai intenzione di nutrire gli uccelli, è importante offrire loro il cibo più sano nel modo più sicuro e igienico possibile. Se non hai il tempo e l'impegno per farlo nel modo giusto, l'alimentazione degli uccelli probabilmente non è una buona idea.

L'alimentazione cambierà il comportamento degli uccelli? I tuoi alimentatori invogliano gli uccelli a migrare verso un'area in cui non sono ben noti o possono essere cacciati? Potrebbero diventare abituati agli umani, aumentando il rischio di pericolo o incoraggiandoli ad avvicinarsi in modo aggressivo alle persone per dispense (pensate ai gabbiani)? Se è così, probabilmente è meglio non dar loro da mangiare.

Nozioni di base utili per l'alimentazione degli uccelli

Se decidi di procedere con l'installazione degli alimentatori, ecco alcuni suggerimenti per assicurarti di creare l'esperienza più sana e sicura per gli uccelli.

1. Avere più di un alimentatore e metterli a vari livelli per evitare l'affollamento e ridurre la probabilità di malattia. Diverse specie di uccelli preferiscono mangiare a diverse altezze, il che dovrebbe ridurre il numero di interazioni interspecie malsane.

2. Riempi ogni mangiatoia con semi di uccello di alta qualità e investi negli alimentatori giusti per tipi di semi specifici. Questo perché ogni specie di uccelli ha i suoi cibi preferiti e i suoi modi preferiti di mangiare. Questo aiuta a mantenere le specie separate in modo che rimangano sane e prosperano. Ecco una guida su quali tipi di semi e mangiatoie sono i migliori per attirare uccelli specifici. Scopri di più sui cibi più sani e peggiori per gli uccelli qui. Se il tuo tempo è limitato ma vuoi comunque aiutare gli uccelli intorno a casa, prendi in considerazione di piantare arbusti e alberi autoctoni nel tuo cortile che sono noti i preferiti di aviaria, come il sambuco, il sassafras, la cenere di montagna americana e la coneflower.

3. Strofinare gli alimentatori almeno due volte l'anno usando un detergente per piatti, quindi immergere in una soluzione di candeggina al cloro al 10% per rimuovere i batteri nocivi che causano malattie. Lasciali asciugare al sole. Inoltre, raccogli regolarmente semi non consumati e altri detriti sotto gli alimentatori che possono inzuppare e rovinare o far germogliare muffe pericolose, nessuna delle quali è buona per gli uccelli.

4. Collocare le mangiatoie per uccelli dove gli uccelli saranno al sicuro da finestre e traffico. Metti le mangiatoie a meno di un metro dalle finestre o addirittura a ventosa sul vetro per ridurre la possibilità di colpire gli uccelli. Ti darà anche una visione migliore. Posiziona anche avvisi visivi come decalcomanie o reti sulle finestre per impedire agli uccelli di volare al loro interno. Gli alimentatori che sono troppo grandi per essere appesi vicino alle finestre devono essere posizionati a 30 piedi di distanza o più lontano. Assicurati anche che le mangiatoie non siano vicine a strade o strade in cui gli uccelli potrebbero scontrarsi con i veicoli.

5. Crea una copertura circondando le mangiatoie per uccelli con alberi e arbusti autoctoni per evitare di trasformare i tuoi amici pennuti in anatre sedute per predatori. Questo in parte nasconde gli alimentatori e offre agli uccelli un posto dove dardeggiare quando minacciati. Assicurati che gli arbusti non siano così vicini che i predatori possano nascondersi in essi a una distanza impressionante. Teloni e ombrelli funzionano anche come copertura. Non offrire cibo per uccelli sul terreno, il che li rende ancora più facili prede. E, sicuramente, tieni i gatti in casa.

Guarda questo video per ulteriori suggerimenti sulla salute e la sicurezza degli uccelli.

Articoli Correlati