È morto Homer, il gatto cieco che ha ispirato un bestseller

Dopo essere stato abbandonato come un gattino e aver perso entrambi gli occhi per un'infezione, Homer non è stato facile, ma la sua vita è cambiata quando Gwen Cooper lo ha adottato.

Rimase colpita dalla gioia di vivere del piccolo gatto nonostante le sue difficoltà, quindi lo portò a casa e lo chiamò come il poeta greco cieco che scrisse "L'Odissea".

"Il destino potrebbe aver preso gli occhi di Homer, ma ha avuto il mio cuore dal momento in cui l'ho tenuto per la prima volta", ha scritto sul suo blog.

Il legame tra Homer e Cooper ha ispirato un libro in cima alla lista dei bestseller del New York Times e ha permesso loro di salvare innumerevoli altri gatti con bisogni speciali.

Ma oggi, quelli toccati dalla storia di Homer stanno piangendo la sua perdita. Il famoso felino, che ha appena festeggiato il suo 16 ° compleanno, è stato eutanizzato il 21 agosto.

Homer si era ammalato dall'autunno scorso. I veterinari hanno scoperto che i suoi livelli di enzimi epatici erano bassi e aveva problemi intestinali.

Anche se i medici hanno detto che Homer era vicino alla morte, il gatto sembrava rimbalzare all'inizio dell'anno. Tuttavia, la sua salute ha iniziato a diminuire questa estate e Cooper ha preso una decisione difficile.

"Volevo farti sapere che abbiamo fatto dormire Homer lo scorso mercoledì sera", ha scritto sulla pagina Facebook di Homer, che ha 16.000 fan. "Era così stanco, ed era tempo. Abbiamo avuto la fortuna di trovare un veterinario molto gentile per venire da noi a casa, e Homer è passato pacificamente, nel suo letto, tra le mie braccia."

Eredità di Omero

Mentre Homer passava da un gattino energico a un felino senza paura, Cooper rimase stupito. Il gatto correva sempre dei rischi - saltando e arrampicandosi nel suo appartamento nonostante non fosse in grado di vedere.

"Vivevo con un gatto che non avrebbe dovuto essere in grado di vivere una vita normale e non avrebbe dovuto essere in grado di fare cose che altri gatti fanno", ha detto a Reuters. "Nessuno gli ha mai detto che non poteva fare queste cose, quindi è andato avanti e le ha fatte ".

Cooper è stata così ispirata, che ha scritto un libro di memorie intitolato "Odissea di Omero: una favola senza paura, o come ho imparato a conoscere l'amore e la vita con un gatto delle meraviglie cieco".

La storia del coraggioso piccolo gatto di salvataggio ha toccato milioni di vite e il libro è stato pubblicato in 22 lingue.

Cooper dona il 10 percento delle royalties dal libro alle organizzazioni di salvataggio degli animali e spesso condivide le storie dei gatti bisognosi sulla pagina Facebook di Homer.

Per onorare la memoria di Homer, ha in programma di creare il Homer Heroes Fund, che farà una donazione in nome di Homer a un rifugio o un gruppo di soccorso che lavora con animali con bisogni speciali.

Ha anche in programma di donare il 100% delle royalties dalle vendite del suo nuovo libro - "L'amore salva il giorno", una storia raccontata attraverso gli occhi di un gatto di famiglia - da oggi fino al 27 ottobre.

"Era solo un gatto. Un piccolo gatto dal cuore grande, irrefrenabile, coraggioso e leale. Chi avrebbe potuto prevedere che sarebbe arrivato a significare così tanto per così tanti?" lei scrisse. "Quelli di noi che lavorano nel salvataggio degli animali credono che ogni animale sia importante. Ogni animale a cui è stata data la possibilità di amare ed essere amato può rendere migliore la vita di qualcun altro, può riempire posti vuoti nei nostri cuori che non sapevamo nemmeno di essere lì fino a quando erano pieni ".

Scopri di più su Cooper e Homer nel video qui sotto.

Correlato sul sito:

  • Il cane da slitta cieco corre con l'aiuto del fratello
  • Il gattino cieco diventa una sensazione di Internet
  • Il cane cieco che vive nel mucchio dei rifiuti ha la vista ripristinata

Articoli Correlati