Gli animali domestici fanno bene alla salute e abbiamo gli studi per dimostrarlo

Se hai animali domestici conosci già la gioia e l'amore che portano alla tua vita. Ora la scienza sta confermando quanto sono veramente buoni per te, sia mentalmente che fisicamente.

Come aiutano Una teoria è che gli animali domestici aumentano i nostri livelli di ossitocina. Conosciuto anche come "ormone legante" o "prodotto chimico coccole", l'ossitocina migliora le capacità sociali, diminuisce la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, aumenta la funzione immunitaria e aumenta la tolleranza al dolore. Riduce anche lo stress, la rabbia e la depressione.

Non sorprende quindi che mantenere una compagnia regolare con un cane o un gatto (o un'altra amata bestia) sembra offrire tutti questi stessi benefici e altro ancora. Continua a leggere per scoprire i molti modi impressionanti in cui un animale domestico può renderti più sano, più felice e più resistente.

1. Gli animali domestici ti aiutano a vivere una vita più lunga e più sana

Avere un cane è associato a un minor rischio di morte per malattie cardiovascolari o altre cause, secondo uno studio che ha seguito 3, 4 milioni di persone in Svezia. I ricercatori hanno studiato uomini e donne di età compresa tra 40 e 80 anni e hanno seguito le loro cartelle cliniche (e se possedevano un cane) per circa una dozzina di anni. Lo studio ha scoperto che per le persone che vivevano da sole, possedere un cane può ridurre il rischio di morte del 33% e il rischio di morte per malattie cardiovascolari del 36%, rispetto alle persone singole senza animale domestico. Anche le probabilità di avere un infarto sono diminuite dell'11%. Una revisione del 2019 di quasi 70 anni di ricerca ha scoperto che la proprietà del cane riduce del 24% il rischio di morire per qualsiasi causa. Per le persone che hanno già avuto un ictus o un infarto, il loro rischio diminuisce del 31% quando hanno un cane. I risultati sono stati pubblicati su Circulation, il giornale dell'American Heart Association.

2. Gli animali domestici alleviano le allergie e aumentano la funzione immunitaria

Uno dei compiti del tuo sistema immunitario è identificare sostanze potenzialmente dannose e scatenare anticorpi per scongiurare la minaccia. Ma a volte reagisce in modo eccessivo e identifica erroneamente cose innocue come pericolose, causando una reazione allergica. Pensa agli occhi rossi, al prurito, al naso che cola e al respiro sibilante.

Penseresti che avere animali domestici potrebbe scatenare allergie sollevando peli e peli che inducono starnuti e sibili. Ma si scopre che vivere con un cane o un gatto durante il primo anno di vita non solo riduce le possibilità di avere allergie agli animali domestici durante l'infanzia e in seguito, ma riduce anche il rischio di asma. Uno studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology ha scoperto che i neonati che vivono con i gatti hanno un rischio inferiore di asma, polmonite e bronchiolite infantili.

Vivere con un animale domestico da bambino fa rivivere anche il tuo sistema immunitario. In effetti, solo un breve incontro con gli animali domestici può rinvigorire il sistema di difesa dalle malattie. In uno studio, accarezzare un cane per soli 18 minuti ha aumentato i livelli di immunoglobulina A (IgA) nella saliva degli studenti universitari, un segno di robusta funzione immunitaria.

Ci sono anche alcune nuove ricerche che suggeriscono collegamenti tra i microbi che gli animali domestici portano nella nostra casa e quelli benefici che vivono nel nostro tratto digestivo. "L'esposizione a batteri animali può innescare batteri nell'intestino per cambiare il modo in cui metabolizzano i neurotrasmettitori che hanno un impatto sull'umore e su altre funzioni mentali", ha detto al New York Times Jack Gilbert, direttore del Microbiome Center dell'Università di Chicago . Gilbert è coautore di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha scoperto che i bambini Amish hanno tassi più bassi di asma perché crescono con il bestiame e i batteri che ospitano. Gilbert avverte che gli studi su come i microbi domestici possano influenzare i batteri intestinali umani sono ancora nelle prime fasi.

3. Aumenta il tuo quoziente di fitness

Questo vale più per i proprietari di cani. Se ti piace camminare con il tuo cane preferito, è probabile che tu sia più in forma e più in forma rispetto alle controparti che non camminano con il cane e si avvicinano al raggiungimento dei livelli di attività fisica raccomandati. Uno studio finanziato dal National Institutes of Health su oltre 2.000 adulti ha scoperto che i normali camminatori di cani avevano più attività fisica e avevano meno probabilità di essere obesi rispetto a quelli che non camminavano con un cane. In un altro studio, i camminatori di cani più anziani (di età compresa tra 71 e 82 anni) camminavano più velocemente e più a lungo rispetto ai non-camminatori, inoltre erano più mobili a casa.

I proprietari di cani che portano i loro compagni canini nelle passeggiate tendono ad essere più in forma e più in forma rispetto ai loro compagni senza cane. (Foto: AMatveev / Shutterstock)

4. Gli animali riducono lo stress

Quando lo stress arriva, il tuo corpo entra in modalità di lotta o di volo, rilasciando ormoni come il cortisolo per aumentare lo zucchero nel sangue e l'epinefrina che stimolano l'energia per far pompare il cuore e il sangue. Tutto bene e buono per i nostri antenati che avevano bisogno di rapidi colpi di velocità per schivare le tigri predatrici dai denti a sciabola e schiacciare i mastodonti. Ma quando viviamo in uno stato costante di lotta o fuga dallo stress sul lavoro in corso e dal ritmo frenetico della vita moderna, questi cambiamenti fisici prendono il pedaggio sui nostri corpi, incluso l'aumento del rischio di malattie cardiache e altre condizioni pericolose. Il contatto con animali domestici sembra contrastare questa risposta allo stress abbassando gli ormoni dello stress e la frequenza cardiaca. Abbassano anche i livelli di ansia e paura (risposte psicologiche allo stress) ed elevano i sentimenti di calma. Gli studi hanno scoperto che i cani possono aiutare ad alleviare lo stress e la solitudine per gli anziani, nonché aiutare a calmare lo stress pre-esame per gli studenti universitari. Uno studio ha scoperto che solo 10 minuti di coccole di un cane o di un gatto possono abbassare i livelli di cortisolo negli studenti universitari.

5. Gli animali domestici aumentano la salute del cuore

Gli animali domestici ci inondano di amore, quindi non sorprende che abbiano un grande impatto sul nostro organo amoroso: il cuore. Si scopre che il tempo trascorso con una creatura amata è legato a una migliore salute cardiovascolare, probabilmente a causa dell'effetto frenante sopra menzionato. Gli studi dimostrano che i proprietari di cani hanno un minor rischio di malattie cardiache, inclusa la pressione sanguigna più bassa e il colesterolo. I cani beneficiano anche i pazienti che hanno già malattie cardiovascolari. Non solo hanno quattro volte più probabilità di essere vivi dopo un anno se possiedono un cane, ma hanno anche maggiori probabilità di sopravvivere a un attacco di cuore. E non preoccuparti, proprietari di gatti: l'affetto felino conferisce un effetto simile. Uno studio di 10 anni pubblicato su Archives of Internal Medicine ha rilevato che i proprietari di gatti attuali e precedenti avevano il 40% in meno di probabilità di soffrire di infarto e il 30% in meno di morire di altre malattie cardiovascolari. Un altro nuovo studio che ha seguito oltre 1.700 persone nella Repubblica Ceca ha scoperto che i proprietari di cani hanno maggiori probabilità di avere una migliore salute generale del cuore. I proprietari di animali domestici nello studio hanno riportato una maggiore attività fisica, una dieta migliore e livelli ideali di zucchero nel sangue, ma i proprietari di cani hanno mostrato i maggiori benefici di avere un animale domestico.

6. Fai di te una calamita sociale e di data

I compagni a quattro zampe (in particolare la varietà canina che ci tirano fuori di casa per le passeggiate quotidiane) ci aiutano a fare più amici e ad apparire più disponibili, affidabili e rispettosi della data. In uno studio, le persone su sedia a rotelle che avevano un cane hanno ricevuto più sorrisi e hanno avuto più conversazioni con i passanti rispetto a quelle senza un cane. In un altro studio, gli studenti universitari a cui è stato chiesto di guardare video di due psicoterapeuti (raffigurati una volta con un cane e una volta senza) hanno dichiarato di sentirsi più positivi nei loro confronti quando avevano un cane e più propensi a divulgare informazioni personali. E buone notizie per i ragazzi: la ricerca mostra che le donne sono più disposte a dare il proprio numero agli uomini con un amico canino.

Un cane può farti apparire più amichevole e più accessibile agli altri. (Foto: CandyBox Images / Shutterstock)

7. Fornire un salve sociale per i malati di Alzheimer

Proprio come gli amici non umani rafforzano le nostre capacità e connessioni sociali, anche cani e gatti offrono conforto peloso e amichevole e legame sociale alle persone che soffrono di Alzheimer e altre forme di demenza che distruggono il cervello. Esistono ora diversi programmi di assistenza ai cani per assistere i pazienti affetti da demenza a casa con compiti quotidiani, come prendere medicine, ricordare loro di mangiare e guidarli a casa se hanno vagato fuori rotta. Molte strutture per la vita assistita mantengono anche animali domestici residenti o offrono visite con animali terapeutici per supportare e stimolare i pazienti. Gli studi dimostrano che i compagni di creatura possono ridurre i problemi comportamentali tra i pazienti affetti da demenza aumentando il loro umore e aumentando il loro apporto nutrizionale.

8. Migliorare le abilità sociali nei bambini con autismo

Uno su quasi 70 bambini americani ha l'autismo (noto anche come disturbo dello spettro autistico o ASD), una disabilità dello sviluppo che rende difficile comunicare e interagire socialmente. Non sorprende che gli animali possano anche aiutare questi bambini a connettersi meglio con gli altri. Uno studio ha scoperto che i giovani con ASD parlavano e ridevano di più, gemevano e piangevano di meno ed erano più socievoli con i coetanei quando erano presenti cavie. Una moltitudine di programmi di terapia assistita da animali ASD sono sorti negli ultimi anni, includendo di tutto, da cani e delfini ad alpaca, cavalli e persino polli.

La terapia con animali aiuta i bambini con autismo e altre disabilità dello sviluppo ad apprendere le abilità sociali. (Foto: GoodDog Autism [CC BY-ND 2.0] / Flickr)

9. Inumidisci la depressione e migliora l'umore

Gli animali domestici tengono a bada la solitudine e l'isolamento e ci fanno sorridere. In altre parole, il loro cameratismo di creature e la capacità di tenerci impegnati nella vita quotidiana (attraverso accattivanti richieste di cibo, attenzione e passeggiate) sono buone ricette per scongiurare il blues e sconfiggere la solitudine. Uno studio condotto da ricercatori australiani ha scoperto che ottenere un cane può ridurre i sentimenti di solitudine. Potrebbe essere perché coccole con un cane aumentano il tuo umore a breve termine, ma anche perché avere un cane ti rende più probabile incontrare persone.

La ricerca è in corso, ma la terapia assistita con animali si sta rivelando particolarmente potente nel scoraggiare la depressione e altri disturbi dell'umore. Gli studi dimostrano che tutti, dagli uomini più anziani in un ospedale per veterani che sono stati esposti a una voliera piena di uccelli canori a studenti universitari depressi che hanno trascorso del tempo con i cani hanno riferito di sentirsi più positivi.

10. Sconfiggi PTSD

Le persone perseguitate da traumi come il combattimento, l'assalto e le catastrofi naturali sono particolarmente vulnerabili a una condizione di salute mentale chiamata disturbo post traumatico da stress (PTSD). Abbastanza sicuro, gli studi dimostrano che l'amore incondizionato - e la spinta dell'ossitocina - di un animale domestico possono aiutare a rimediare ai flashback, intorpidimento emotivo e scoppi di rabbia legati al PTSD. Ancora meglio, ora ci sono diversi programmi che abbinano cani e gatti di servizio appositamente addestrati a veterani che soffrono di PTSD.

11. Combatti il ​​cancro

La terapia con animali aiuta i malati di cancro a guarire emotivamente e fisicamente. I risultati preliminari di una sperimentazione clinica dell'American Humane Association mostrano che i cani terapeutici non solo cancellano la solitudine, la depressione e lo stress nei bambini che combattono il cancro, ma i cani possono anche motivarli a mangiare e seguire meglio le raccomandazioni terapeutiche - in altre parole, partecipare più attivamente al loro propria guarigione. Allo stesso modo, una nuova ricerca rivela un analogo aumento del benessere emotivo per gli adulti sottoposti ai rigori fisici del trattamento del cancro. Ancora più sorprendente, i cani (con le loro capacità di odore stellare) vengono ora addestrati per fiutare letteralmente il cancro.

12. Metti il ​​kibosh sul dolore

Milioni di persone vivono con dolore cronico, ma gli animali possono alleviarne una parte. In uno studio, il 34% dei pazienti con fibromialgia con disturbo del dolore ha riportato sollievo dal dolore (e un umore migliore e meno affaticamento) dopo aver visitato per 10-15 minuti con un cane da terapia rispetto al solo 4% dei pazienti che erano appena seduti in una sala d'attesa . In un altro studio, coloro che avevano subito un intervento chirurgico di sostituzione articolare totale avevano bisogno del 28% in meno di antidolorifici dopo le visite quotidiane di un cane da terapia rispetto a quelli che non avevano avuto alcun contatto canino.

13. Ridurre il rischio di schizofrenia

Stare con un cane in tenera età può ridurre la possibilità di sviluppare la schizofrenia da adulto, secondo una nuova ricerca della Johns Hopkins University. Nello studio, i ricercatori hanno esaminato la relazione tra l'esposizione a un cane o gatto di famiglia durante i primi 12 anni di vita e una diagnosi successiva di schizofrenia o disturbo bipolare. Hanno scoperto che stare con un cane riduceva il rischio di sviluppare la schizofrenia ma non aveva alcun impatto sul disturbo bipolare. Non hanno visto alcuna relazione immediata tra i gatti e nessuno dei due disturbi. I ricercatori avvertono che sono necessari ulteriori studi per confermare i loro risultati.

Nota del redattore: questo file è stato aggiornato da quando è stato pubblicato originariamente nel novembre 2015.

Articoli Correlati