Incontra i 25 primati più minacciati del pianeta

La Terra è un pianeta primato, grazie principalmente ai 7, 3 miliardi di umani che abitano e rimodellano la sua superficie. Ma dietro questo cospicuo mare di persone, la storia delle circa 700 altre specie di primati e sottospecie della Terra è molto meno trionfante.

Più della metà di quei primati è attualmente in grave pericolo di estinzione, avverte un rapporto dei primatologi e ambientalisti più importanti del mondo. I nostri parenti viventi più stretti vengono spazzati via dalla distruzione di habitat su larga scala, in particolare dal rogo e dalla bonifica delle foreste tropicali, nonché dalla caccia per il cibo e per il commercio illegale di animali selvatici.

Questo è secondo l'ultimo elenco dei 25 primati più minacciati della Terra, che viene aggiornato ogni due anni dagli scienziati della International Union for the Conservation of Nature (IUCN), dalla Bristol Zoological Society (BZS), dalla International Primatological Society (IPS) e Conservation International (CI).

"I primati sono una componente importante ed essenziale di gran parte delle foreste tropicali e delle savane del mondo", ha dichiarato Anthony Rylands, vicepresidente del gruppo di specialisti dei primati SSC della IUCN e direttore della conservazione dei primati di Global Wildlife Conservation. "Stiamo solo ora iniziando a comprendere la loro diversità e il loro ruolo ecologico in questi ambienti straordinariamente ricchi e complessi, eppure la caccia e il degrado, la frammentazione e la perdita dei loro habitat sta devastando le loro popolazioni in tutto il mondo - più della metà di tutti i primati sono ora minacciati. Questo rapporto richiama l'attenzione sulla gravità della situazione solo per alcuni dei più minacciati. "

L'elenco include un mix di primati noti da tempo in pericolo esistenziale, come gli oranghi del Borneo e i gorilla di pianura orientale, insieme a nuovi arrivati ​​come la scimmia Caqueta titi e il lemure di topo di Gerp.

"Questo rapporto fornisce letture allarmanti ed è fondamentale che lo utilizziamo per evidenziare il disperato bisogno di conservazione di così tante specie di primati, molte delle quali sono sull'orlo della perdita dell'estinzione", ha affermato Christoph Schwitzer, direttore della conservazione presso la Bristol Zoological Society, vice presidente dello IUCN SSC Primate Specialist Group, e caporedattore della pubblicazione. Il rapporto dimostra la crescente importanza della collaborazione tra la conservazione internazionale, le comunità scientifiche e zoologiche nella protezione di specie e habitat ".

In primo luogo, però, dovremmo conoscere un po 'meglio i nostri cugini lontani. In nessun ordine particolare, ecco un who's-who dei 25 primati più minacciati del pianeta:

Lemure dalla coda ad anelli (Lemur catta)

In Madagascar, i lemuri dalla coda ad anelli vengono spesso catturati nelle aree forestali protette e venduti come animali domestici illegali. (Foto: Gudkov Andrey / Shutterstock)

  • Stato: in via di estinzione
  • Gamma: Madagascar meridionale e sud-occidentale
  • Popolazione: sconosciuta; la popolazione complessiva è bassa e la maggior parte delle popolazioni si verifica in foreste piccole e frammentate

Galago di montagna (Paragalago orinus)

  • Stato: quasi minacciato
  • Gamma: endemica in Tanzania in sette delle 11 montagne dell'arco orientale
  • Popolazione: sconosciuta

Javan loris lento (Nycticebus javanicus)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: tre province in Indonesia
  • Popolazione: sconosciuta. Alcune popolazioni piccole e isolate esistono in giardini e terreni agricoli.

Aye-Aye (Daubentonia madagascariensis)

L'ay-aye è l'unico rappresentante sopravvissuto dei Daubentoniidae, la più antica famiglia dei lemuri viventi. (Foto: javarman / Shutterstock)

  • Stato: in via di estinzione
  • Gamma: tasche frammentate attraverso le aree costiere del Madagascar
  • Popolazione: sconosciuta: basata solo su segni e avvistamenti poco frequenti, è nota per vivere in diversi tipi di habitat e regioni. La popolazione sta diminuendo a causa della perdita di habitat e della caccia.

Colobus dalla coscia bianca (Colobus vellerosus)

  • Stato: vulnerabile
  • Gamma: distribuzione frammentata dall'area tra i fiumi Sassandra e Bandama in Costa d'Avorio fino al Benin, eventualmente estendendosi nel sud-ovest della Nigeria
  • Popolazione: sconosciuta

Langur coda di maiale (Simias concolor)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: arcipelago di Mentawai, Indonesia
  • Popolazione: varia da 6.700 a 17.300 da una popolazione stimata di 26.000 nel 1980, in gran parte a causa della caccia illegale - anche in aree protette come il Parco Nazionale del Siberut, una Riserva della Biosfera dell'UNESCO

Hainan gibbon (Nomascus hainanus)

Il gibbone Hainan è considerato la scimmia più rara della Terra, con solo 28 che vivono in un'unica riserva naturale. (Foto: Jessica Bryant / ZSL)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: endemica all'isola di Hainan, in Cina e attualmente confinata alla riserva naturale nazionale di Bawangling
  • Popolazione: 13, composta da due gruppi, oltre a due individui solitari

Colobus rosso del Delta del Niger (Piliocolobus epieni)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: tra il Forcados-Nikrogha Creek e il Sagbama-Osiama-Agboi Creek nella foresta palustre del Delta del Niger in Nigeria
  • Popolazione: rapporti sconosciuti ma recenti suggeriscono numeri in rapida diminuzione

Lemure di topo di Gerp (Microcebus gerpi)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: Madagascar centrale e orientale
  • Popolazione: sconosciuta, decrescente e fortemente frammentata

Macaco crestato (Macaca nigra)

I macachi crestati sono endemici dell'isola di Sulawesi, in Indonesia. (Foto: Kit Korzun / Shutterstock)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: Sulawesi nord-orientale, Indonesia e isole adiacenti di Pulau Manadotua e Pulau Talise
  • Popolazione: il numero preciso rimasto su Sulawesi è sconosciuto, ma la popolazione è scesa dal 70% al 90% negli ultimi 30 anni

Cat Ba langur, alias langur dalla testa d'oro (Trachypithecus poliocephalus)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: Vietnam del Nord e Cina meridionale
  • Popolazione: 64 individui, in calo rispetto a una stima di 100 nel 2000

Gorilla di pianura orientale, aka gorilla di Grauer (Gorilla beringei graueri)

Il gorilla di pianura orientale è il più grande primate vivente della Terra, ma è anche in pericolo di estinzione. (Foto: Bildagentur Zoonar GmbH / Shutterstock)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: foreste pluviali nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo
  • Popolazione: stimata 3.800, che rappresenta un calo del 77% in una singola generazione

Lemure sportive di James (Lepilemur jamesorum)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: regione della riserva speciale di Manombo nel Madagascar sud-orientale
  • Popolazione: circa 1.386

Scimmia Caquetá titi (Plecturocebus caquetensis)

  • Stato: in pericolo critico
  • Gamma: Colombia orientale nel sud di Caquetá tra i fiumi Orteguaza e Caquetá
  • Popolazione: solo 82 individui sono stati osservati durante i sondaggi dal 2008 al 2010

    Scimmia dal naso snob di Tonkin (Rhinopithecus avunculus)

    La caccia è la principale minaccia contro le scimmie dal naso snob di Tonkin. (Foto: outcast85 / Shutterstock)

    • Stato: in pericolo critico
    • Gamma: limitato a poche aree nell'estremo nord-est del Vietnam
    • Popolazione: stimata 250 e in calo, principalmente a causa della caccia

    Cappuccino Ka'apor (Cebus kaapori)

    • Stato: in pericolo critico
    • Gamma: Maranhão e Pará, Brasile (foresta pluviale amazzonica orientale)
    • Popolazione: sconosciuta; solo tre gruppi sono considerati vitali nei prossimi 100 anni

    Langur d'oro di Gee (Trachypithecus geei)

    I languri dorati di Gee furono scoperti per la prima volta nel 1953. (Foto: Daniel J. Rao / Shutterstock)

    • Stato: in via di estinzione
    • Gamma: Bhutan e India nord-orientale
    • Popolazione: meno di 1.500 in India e circa 4.000 in Bhutan con meno di 2.500 individui maturi a livello globale

    Scimmia ragno ecuadoriana dalla testa marrone (Ateles fusciceps)

    • Stato: in pericolo critico
    • Gamma: costa del Pacifico dell'Ecuador, possibilmente sud della Colombia
    • Popolazione: sconosciuta; si è già estinto localmente in diverse aree in mezzo alla pesante deforestazione e alla caccia

    Orangutan del Borneo (Pongo pygmaeus)

    Gli oranghi del Borneo compaiono in questo elenco per la prima volta a causa del forte calo della popolazione negli ultimi 50 anni. (Foto: Sergey Uryadnikov / GUDKOV ANDREY / Shutterstock)

    • Stato: in pericolo critico
    • Gamma: endemica dell'isola del Borneo
    • Popolazione: la stima più recente del 2004 mostra circa 55.000, che è un rapido declino rispetto ai 288.500 stimati nel 1973 e si prevede che diminuirà ulteriormente a 47.000 entro il 2025

      Scimmia urlatrice marrone settentrionale (Alouatta guariba guariba)

      • Stato: in pericolo critico
      • Gamma: Minas Gerais, Brasile
      • Popolazione: meno di 250 animali maturi vivono in 10 aree forestali

      Scimmia di Roloway (Cercopithecus diana roloway)

      La scimmia roloway dell'Africa occidentale è quasi estinta principalmente a causa della caccia alla carne di animali selvatici. (Foto: Sebastien Bozon / Getty Images)

      • Stato: in pericolo critico
      • Gamma: foreste tropicali dell'Alta Guinea, Ghana e Costa d'Avorio e possono estendersi nel Burkina Faso
      • Popolazione: sconosciuta; considerato "sull'orlo dell'estinzione", secondo il BZS, a causa della perdita di habitat e del bracconaggio per la carne di animali selvatici

      Langur dalla faccia viola occidentale (Trachypithecus vetulus nestor)

      La deforestazione è la ragione principale per cui il langur dalla faccia viola occidentale è in grave pericolo. (Foto: Jeroen84 [CC BY-SA 3.0] / Wikimedia Commons)

      • Stato: in pericolo critico
      • Gamma: foreste intorno a Colombo, la regione più densamente popolata dello Sri Lanka
      • Popolazione: sconosciuta; L'80% della sua gamma storica è ora urbanizzata

      Lemure di bambù del lago Alaotra (Hapalemur alaotrensis)

      Il lemure di bambù del Lac Alaotra vive solo in canne di papiro intorno al Lac Alaotra, in Madagascar. (Foto: Jotaguru [CC BY 3.0] / Wikimedia Commons)

      • Stato: in pericolo critico
      • Gamma: papiri e canneti che circondano il Lac Alaotra, Madagascar
      • Popolazione: stimata 2.500 e in diminuzione, a causa della caccia e della perdita di habitat

      Sifaka di Perrier (Propithecus perrieri)

      • Stato: in pericolo critico
      • Gamma: foreste secche decidue e semi-umide del Madagascar nord-orientale; descritto come distribuzione "molto limitata" da parte di IUCN
      • Popolazione: meno di 500 e in diminuzione, in gran parte a causa della conversione del suo habitat palustre in risaie. La popolazione effettiva del programma di allevamento è di circa 125.

      Scimmia ragno di Geoffroy (Ateles geoffroyi)

      Le scimmie ragno di Geoffroy sono pesantemente cacciate per il commercio di cibo e animali domestici. (Foto: Nick Fox / Shutterstock)

      • Stato: in via di estinzione
      • Gamma: Messico, Guatemala, Nicaragua, Honduras, El Salvador, Costa Rica e Panama
      • Popolazione: combinazione di diverse sottospecie, circa 943 individui

      C'erano anche altre tre specie di primati che erano state prese in considerazione ma che non erano presenti nell'elenco ma che sono ancora fortemente minacciate: loris bangka lento, isola di Mantehage tarsier e tamarin marrone argenteo.

      Nota del redattore: questo articolo è stato aggiornato da quando è stato pubblicato originariamente nel dicembre 2015.

      Articoli Correlati