La scienza dei fiori blu

C'è un motivo per cui i fiori di orchidea blu intensamente che hai visto nei dipartimenti floreali di generi alimentari, negozi di box e vivai di piante al dettaglio non sembrano naturali.

Il blu non è un colore naturale in questi tipi di orchidee. Questi sono fiori bianchi che prendono il loro colore da un colorante usato dagli allevatori di piante. In realtà, "il blu è un colore poco frequente in natura", ha affermato David Lee, autore di "Nature's Palette: The Science of Plant Color" e professore in pensione presso il Dipartimento di Scienze Biologiche della Florida International University di Miami. "Meno del 10 percento delle 280.000 specie di piante da fiore producono fiori blu", ha detto.

Ma per la prima volta, un gruppo di scienziati afferma di aver ingegnerizzato geneticamente un fiore - un crisantemo - per produrre una tonalità blu. "Crisantemi, rose, garofani e gigli sono le principali piante floricole, [ma] non hanno cultivar di fiori blu", ha detto a Gizmodo Naonobu Noda, autore principale dello studio e scienziato presso la National Agriculture and Food Research Organization del Giappone. "Nessuno è stato in grado di generare cultivar di fiori blu con la tecnica di allevamento generale."

I ricercatori hanno usato i geni di altre due piante che producono fiori blu, i piselli di farfalla e le campane di Canterbury e hanno mescolato quei geni con i crisantemi. Come riporta Gizmodo, il colore risultante è stato il lavoro della "co-pigmentazione", un'interazione chimica intra-fiore che sperano possa anche aiutare a rendere blu altri fiori popolari.

Perché l'azzurro è visto così di rado nei fiori?

I delfini modificano i pigmenti di antociani rossi che contengono per creare la loro tonalità blu. (Foto: Steve F / Wikimedia Commons)

"Non esiste un vero pigmento blu nelle piante, quindi le piante non hanno un modo diretto di creare un colore blu", ha detto Lee. "Il blu è ancora più raro nel fogliame rispetto ai fiori." Ha aggiunto. "Solo una manciata di piante tropicali sottostanti hanno un fogliame veramente blu."

Per creare fiori blu o fogliame, le piante eseguono una sorta di inganno floreale con comuni pigmenti vegetali chiamati antociani. I devoti del cibo salutare conosceranno probabilmente le antocianine perché la cianidina-3-glucoside è un potente antiossidante, ha affermato Lee. "È l'antocianina più comune in foglie rosse e rose rosse ed è venduta nel commercio di alimenti naturali come C3G."

Gli ingredienti chiave per fare fiori blu sono i pigmenti di antociani rossi. "Le piante modificano o modificano i pigmenti di antociani rossi per creare fiori blu", ha detto Lee. "Lo fanno attraverso una varietà di modifiche che coinvolgono gli spostamenti del pH e la miscelazione di pigmenti, molecole e ioni." In effetti, gli scienziati giapponesi che hanno creato il crisantemo blu affermano di averlo fatto attraverso una "modifica in due passaggi della struttura degli antociani".

Queste complicate alterazioni, unite alla luce riflessa attraverso i pigmenti, creano qualcosa che sembra così semplice in superficie: il colore blu!

E i risultati sono spettacolari. Delfini, plumbago, campanule e alcuni agapanthus, ortensie, fiori di campo, glorie mattutine e fiordalisi.

Mentre conosciamo meglio i fiori nelle tonalità del giallo, dell'arancione, del rosso e del viola, i relativamente pochi che sono blu non sembrano scoraggiare gli impollinatori. "Gli insetti e gli uccelli possono rilevare ampiamente il blu come lunghezza d'onda", ha detto Lee. Quello che stanno cercando è una ricompensa - come il cibo - e i fiori blu sono altrettanto capaci di produrlo come i fiori di altri colori.

Plumbago auriculata è un arbusto che preferisce le temperature calde e produce fiori blu. (Foto: brewbooks / Wikimedia Commons)

La vera sfida con l'azzurro, ha affermato Lee, è nel commercio orticolo in cui esiste un intenso interesse commerciale nelle basi chimiche dei fiori blu in natura. Molti dei nostri giardini preferiti e fiori recisi, come rose, tulipani e bocche di leone, non producono fiori blu. Un risultato, ha detto, è uno sforzo determinato per produrre una rosa blu.

I chimici sono stati in grado di usare la delfinidina, il pigmento che rende blu i delfini e le viole, per fare una rosa viola, ma non sono ancora riusciti a crearne una blu, ha detto Lee. Lo stesso vale per i garofani, ha aggiunto. "Non sono ancora stati in grado di spingerli ad essere blu."

Le campanule sono naturalmente blu e gli scienziati sperano di usare i loro segreti genetici per coltivare rose blu, garofani e altri fiori commerciali popolari. (Foto: Pippa Sanderson / Shutterstock)

Il metodo utilizzato dagli orticoltori per ottenere fiori veramente blu è diverso dall'approccio alla tintura utilizzato con le orchidee. Stanno usando la biotecnologia per realizzare qualcosa di insolito per il settore della scuola materna, sfidando ciò che Madre Natura ha scoperto sulla biodiversità eoni fa. Il blu non si è sviluppato come colore comune durante il processo di selezione naturale.

Lee, infatti, ha creato una presentazione da dare ai garden club e ad altri gruppi che ha intitolato "La difficoltà di essere blu". "Mi piace porre fine a quei colloqui con un riferimento alla canzone di Kermit the Frog in" Sesame Street "in cui Kermit canta che" non è facile essere verde "", ha detto Lee. "È ancora più difficile essere blu."

Nota del redattore: questa storia è stata aggiornata da quando è stata originariamente pubblicata nel febbraio 2014.

    Articoli Correlati