Le nuove regole dell'etichetta OGM non usano il termine OGM

Ricorda questa parola: bioingegnerizzata.

È il termine su cui il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha optato per le etichette degli alimenti che indicherà la presenza di organismi geneticamente modificati o OGM nei nostri alimenti. In una norma finale pubblicata all'inizio di questo mese, il braccio del Servizio di marketing agricolo dell'USDA ha definito il nuovo standard nazionale obbligatorio di divulgazione degli alimenti per alimenti bioingegnerizzati o BE.

Richiederà "produttori alimentari, importatori e altre entità che etichettano gli alimenti per la vendita al dettaglio di divulgare informazioni sugli alimenti BE e gli ingredienti alimentari BE. Questa regola ha lo scopo di fornire uno standard nazionale obbligatorio obbligatorio per la divulgazione di informazioni ai consumatori sullo stato BE degli alimenti. L'istituzione e l'attuazione della nuova norma sono richieste da una modifica della legge sul marketing agricolo del 1946. "

L'uso del termine bioingegnerizzazione, che deve essere pienamente implementato dai grandi e piccoli produttori di alimenti entro il 21 gennaio 2022, non è sorprendente. All'inizio di quest'anno, quando l'USDA ha pubblicato la prima bozza della norma, era chiaro che sarebbe stato usato il termine bioingegneria - e non i termini già familiari al grande pubblico: geneticamente modificati o geneticamente modificati.

Nella norma, il servizio di marketing ha affermato che "l'uso di altri termini come ingegneria genetica o organismi geneticamente modificati può creare incoerenze con le disposizioni in materia di prelazione o confondere la portata della divulgazione".

Cosa vedrà il pubblico

Sono stati considerati altri simboli, ma alla fine l'USDA ha deciso su questi due simboli. (Foto: USDA)

Le regole chiariscono che gli alimenti bioingegnerizzati destinati al consumo umano devono avere la descrizione sull'etichetta in uno dei diversi modi: "testo, simbolo, collegamento elettronico o digitale e / o messaggio di testo con opzioni aggiuntive disponibili per i piccoli produttori di alimenti o per pacchi piccoli o molto piccoli ". Alcuni di questi metodi sono più semplici di altri.

  • Testo: il testo di un prodotto dirà "alimenti bioingegnerizzati" o "contiene un ingrediente alimentare bioingegnerizzato".
  • Simbolo: Sebbene l'USDA abbia preso in considerazione altri simboli, è atterrato sui due simboli sopra.
  • Collegamento elettronico o digitale: un collegamento elettronico o digitale deve essere accompagnato dalle parole "Scansione qui per ulteriori informazioni sugli alimenti". Questo collegamento può assumere la forma di un codice QR ed è stato uno dei modi più controversi per etichettare gli alimenti perché non tutti hanno accesso a uno smartphone o dispositivo mobile con capacità di scansione o hanno uno smartphone con un uso limitato dei dati e dovrebbero usare i loro dati per ottenere queste informazioni.
  • Messaggio di testo: le entità regolamentate che scelgono questa opzione devono includere una dichiarazione sul pacchetto che istruisca i consumatori su come ricevere un messaggio di testo.
  • Piccoli produttori di alimenti: un numero di telefono accompagnato da una lingua appropriata che indica ulteriori informazioni o un indirizzo del sito Web può essere aggiunto sulla confezione.

Si noti che le ultime tre opzioni non indicano da nessuna parte sull'etichetta che il prodotto alimentare è bioingegnerizzato o contiene ingredienti OGM. Semplicemente implicano che ci sono più informazioni da avere; ciò di cui queste informazioni non sono nemmeno accennate.

Quali alimenti devono essere etichettati?

Non tutte le mele Fuji sono geneticamente modificate, ma alcune lo sono e quelle dovranno ora avere un'etichetta che indichi che sono bioingegnerizzate. (Foto: Suraj Designs / Shutterstock)

Gli alimenti bioingegnerizzati che per ora dovranno essere etichettati - siano essi alimenti integrali o utilizzati come ingredienti in un prodotto - sono: erba medica, mela (varietà ArcticTM), colza, mais, cotone, melanzana (varietà BARI Bt Begun), papaia (varietà resistenti al virus dell'anello), ananas (varietà a polpa rosa), patate, salmone (AquAdvantage®), soia, zucca (estate) e barbabietola da zucchero.

Il servizio di marketing agricolo esaminerà annualmente altri alimenti da aggiungere all'elenco poiché gli OGM sono una categoria sempre crescente di alimenti.

Il PDF della regola è lungo 236 pagine. Ci sono molte informazioni da digerire, ma qui ci sono alcune informazioni aggiuntive su ciò che è esente. (E questi certamente non coprono tutto ciò che c'è da sapere sulla nuova regola di divulgazione.)

  • Gli alimenti che provengono da animali che hanno mangiato alimenti OGM sono esenti dall'etichettatura. Ad esempio, se il pollo che ha deposto le uova è stato nutrito con alimenti OGM, le uova non devono essere etichettate come bioingegnerizzate.
  • Gli alimenti per animali domestici sono esenti, poiché la regola riguarda gli alimenti destinati esclusivamente al consumo umano.
  • I cibi serviti in ristoranti, caffetterie, insalate, sale da pranzo, carrelli alimentari o serviti da altri esercizi alimentari preparati sono esenti.
  • I produttori alimentari molto piccoli, quelli le cui entrate annuali sono inferiori a $ 2, 5 milioni, sono esenti.

Articoli Correlati