No, i polli non sono vegetariani

Ormai da diversi anni, ho avuto la fortuna di condividere la mia terra con un piccolo branco di polli, quindi ho perso quella che sembra essere una tendenza in crescita nei supermercati: le uova delle galline alimentate con una dieta vegetariana.

Sto andando al punto giusto per coloro che preferirebbero non beccare il problema: i polli non sono vegetariani. Non è una dieta naturale per loro ed è anche potenzialmente dannoso per il loro benessere.

Se non hai mai posseduto o trascorso del tempo con questi animali intelligenti e curiosi, capisco perfettamente perché questa è una novità. Il fatto è che i polli sono spazzini esperti: raccogliere e grattare a terra non solo piante e semi, ma anche vermi, larve, mosche e qualsiasi altra cosa si muova. Ho visto le mie galline uccidere serpenti, ingoiare rane intere e persino combattere per gli scarti dopo la pulizia di un cervo. Nell'ultimo esempio, sia i miei cani che i miei gatti del granaio si sono tenuti a distanza di sicurezza dai mangiatori di carne piumati impazziti attorno alle mie caviglie. Non vuoi davvero passare tra un pollo e il suo pasto.

Allora perché i produttori di uova stanno improvvisamente sostituendo la dieta onnivora del pollo con uno completamente concentrato su cereali, mais e soia? Come spiega Jill Winger alla Prairie Homestead, gran parte è dovuta al marketing, alle nuove leggi e al crescente disprezzo da parte del pubblico americano su tutto ciò che include sottoprodotti di origine animale.

"I" sottoprodotti di origine animale "che compaiono negli elenchi degli ingredienti in vari alimenti per animali possono includere sangue, carne della stessa specie, piume, uccisioni stradali rese e cani e gatti eutanizzati", scrive. Per chiunque sia interessato agli ingredienti dei mangimi, sta cambiando stomaco, ma la questione del sottoprodotto ha sollevato anche maggiori domande sulle specie che ingeriscono la propria specie.

"Quindi le leggi hanno iniziato a cambiare e sia i produttori che i consumatori hanno iniziato a guardare più da vicino cosa stavano mangiando gli animali", aggiunge. "E se la maggior parte delle persone dovesse scegliere, le uova dei polli alimentate con una dieta vegetariana suonano molto meglio delle uova dei polli alimentate con i rifiuti del macello (o peggio)."

Fin da piccoli, i polli sono istintivamente attratti dall'inseguimento e dal consumo di tutto ciò che accade di muoversi davanti a loro. (Foto: Shutterstock)

Come Winger e altri hanno cercato di spiegare, il problema con questa transizione ai mangimi per tutti i vegetariani è che si traduce nella riduzione di un aminoacido a base di proteine ​​essenziale noto come metionina. I veri polli ruspanti ricevono un sacco di questo aminoacido nella loro dieta da insetti, piante e altre creature. Quei polli coinvolti nella produzione di massa di uova (leggi: allevamenti), lo ricevono come integratore sintetico. Non sembra tutto così naturale, vero? Ancora peggio per i polli, le politiche organiche federali limitano la quantità di metionina artificiale che possono ricevere. Di conseguenza, gli uccelli si ammalano e possono persino diventare irritabili fino al punto di violenza, i loro appetiti si contorcono verso il beccarsi l'un l'altro alla ricerca di nutrienti negati.

"Gli uccelli stanno soffrendo", ha detto al Washington Post Ernie Peterson, proprietario di Cashton Farm Supply. "Non è giusto che stiamo forzando questa dieta su di loro. Abbiamo persone che dovrebbero preoccuparsi del benessere degli animali. Dove sono? Questa è crudeltà."

Quindi, da dove vengono i consumatori desiderosi di uova che provengono da galline che seguono una dieta veramente naturale? La semplice risposta è conoscere il tuo agricoltore locale. Visitare i mercati degli agricoltori locali e porre domande sulle loro uova è l'unico modo sicuro per conoscere le condizioni in cui vengono allevate le galline. Scoprirai anche che è meglio anche per te. Secondo Mother Earth News, le uova al pascolo contengono in media cinque volte più vitamina D, due terzi in più di vitamina A, due volte più grassi omega-3, tre volte più vitamina E e sette volte più beta-carotene.

Quindi salta il supermercato e vai direttamente al mercato degli agricoltori. O meglio ancora, ritaglia l'intermediario e considera di aumentare il tuo gregge. Se devi consumare uova, è meglio sapere da dove provengono piuttosto che fidarsi del marketing di benessere sulle etichette. Ma qualunque sia la tua strada, ricorda: le galline non sono sicuramente vegetariane.

Correlato sul sito :

  • 8 fantastici pollai urbani
  • Fai un giro di prova con un servizio di noleggio pollo
  • 8 cose pazze per comprare il tuo pollo da compagnia

Articoli Correlati