Norovirus e gruppo sanguigno: qual è la connessione?

Il norovirus è la causa più comune di gastroenterite acuta, o problemi di pancia, negli Stati Uniti, facendo ammalare 21 milioni di persone ogni anno. Il virus - che prese il nome da Norwalk, Ohio, dove fu isolato per la prima volta in una scuola durante un focolaio del 1968 - causa gastroenterite virale, un'infiammazione non batterica del tratto digestivo e dell'intestino tenue. (Stranamente, non sembra influenzare l'intestino crasso.)

Il virus entra nel corpo per via orale e viaggia verso l'intestino tenue attraverso lo stomaco. Alcune ricerche suggeriscono che esiste una connessione tra il tasso di infezione da norovirus e il gruppo sanguigno di una persona.

Il gruppo sanguigno è determinato dai geni che ereditiamo dai nostri genitori (genotipo) e da come un individuo mostra un certo tratto (fenotipo.) Gli individui con fenotipo di tipo O sono risultati i più sensibili all'infezione da norovirus. Quelli con fenotipi B e AB avevano un rischio ridotto di infezione. Quando questi fenotipi B e AB erano infetti, avevano maggiori probabilità di essere asintomatici.

Al virus possono piacere particolarmente le persone con il gruppo sanguigno O perché quelli con il tipo O hanno un recettore presente nella saliva che il virus può attaccarsi più facilmente ad esso.

Se hai un gruppo sanguigno diverso da O, puoi comunque contrarre il norovirus, ma la malattia potrebbe non essere così grave, secondo il dott. Gerald Evans, professore di medicina, scienze biomediche e molecolari alla Queen's University. Evans è anche il direttore medico per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso il Kingston General Hospital.

Tuttavia, uno studio del 2010 dei Centers of Disease Control and Prevention non ha trovato protezioni per le persone con sangue di tipo B. Lo studio ha scoperto che i gruppi sanguigni infetti da virus su tutta la linea non suggeriscono protezione per alcun tipo particolare.

La resistenza complicata alle infezioni da norovirus è che il virus sembra mutare continuamente, cambiando per evitare la distruzione da parte del nostro sistema immunitario, simile al virus dell'influenza. La maggior parte delle persone non raggiunge l'immunità a lungo termine per il virus e le infezioni ripetute sono comuni. Nel 2012, in Australia è stato rilevato un nuovo ceppo chiamato GII.4 Sydney, e persone negli Stati Uniti e in altri paesi sono già state infettate da questo nuovo ceppo.

Quali sono i sintomi?

Purtroppo, non esiste un vero trattamento se non quello di aspettare e provare conforto a casa e rimedi naturali. Non esiste un vaccino e studi recenti dimostrano che è uno dei virus più difficili da eliminare. I sintomi - generalmente crampi addominali, vomito e diarrea, febbre, malessere e dolori muscolari - compaiono dalle 24 alle 48 ore dopo l'esposizione e durano dalle 12 alle 48 ore. Le malattie gravi sono rare e di solito compaiono solo nei bambini piccoli, negli anziani o in quelli con sistema immunitario compromesso. Mentre le persone sane possono riprendersi dal virus dopo un paio di giorni estenuanti, il virus può rimanere in giro in persone con un sistema immunitario debole per mesi.

Dopo che una persona ha avuto un attacco di norovirus, sono immuni, ma l'immunità è temporanea - solo circa 14 settimane. Le persone possono contrarre malattie da norovirus molte volte durante la loro vita. I focolai colpiscono persone di tutte le età e in una varietà di contesti, sebbene le case di cura, le navi da crociera e le scuole siano luoghi popolari. Ma ovunque una grande popolazione sia affollata insieme è un foraggio per il norovirus. Il CDC afferma che la maggior parte dei focolai sono causati quando il norovirus si diffonde da persone infette ad altri. Ma il virus può anche diffondersi consumando cibo o acqua contaminati e toccando cose che hanno il virus.

Peggio ancora, il norovirus può vivere sulle superfici per periodi di tempo sconosciuti. La semplice pulizia da sola non sempre lo uccide e bastano poche particelle di virus per ammalare qualcuno. Un team della Ohio State University ha scoperto che il virus era bloccato su piatti lavati in condizioni simili a quelle di un ristorante e ha scoperto che i prodotti lattiero-caseari appiccicosi come il formaggio hanno aiutato il virus ad aderire.

Il diligente lavaggio delle mani è ancora la migliore e unica difesa contro le particelle di norovirus, che possono essere introdotte in bocca attraverso le mani. Si consiglia una pulizia approfondita con una soluzione di candeggina se un membro della famiglia è stato malato con sintomi di norovirus. Mangiare da ristoranti rispettabili e puliti ed evitare crostacei, insalate o cibi crudi preparati da entità sconosciute.

Articoli Correlati