Perché non indosso la protezione solare

Prima di tutto, lasciami dire che ciò che scrivo qui non è un consiglio per te o per chiunque altro. Non sono un dermatologo e le scelte che faccio sono per il mio corpo, quindi rispetto quello che fanno gli altri con il loro. Detto questo, condividerò con te perché non uso la protezione solare e come ci sono molte prove scientifiche reali a sostegno della mia decisione.

Dai un'occhiata al rapporto 2017 del Environmental Working Group sulla protezione solare. Molte prove che il gruppo ha raccolto dimostrano che la protezione solare potrebbe non proteggerci come pensiamo, e in alcuni casi potrebbe persino essere dannosa. Ho rotto alcune delle informazioni quaggiù e poi spiegherò cosa devo fare per evitare ustioni e cancro della pelle. (Le citazioni seguenti sono tutte secondo il rapporto.)

La protezione solare previene le ustioni ma potrebbe non prevenire il cancro: "La maggior parte degli scienziati e delle agenzie di sanità pubblica - inclusa la stessa Food and Drug Administration - hanno trovato pochissime prove che la protezione solare prevenga la maggior parte dei tipi di cancro della pelle". Nel rivedere le prove, la FDA ha affermato che gli studi clinici disponibili "non dimostrano che anche [prodotti ad ampio spettro con SPF maggiore di 15] da soli riducono il rischio di cancro della pelle e di invecchiamento precoce della pelle".

L'uso della protezione solare è stato collegato a tumori della pelle più maligni: "Uno studio [2012] condotto da scienziati del governo degli Stati Uniti suggerisce che il palmitato di retinile, una forma di vitamina A, può accelerare lo sviluppo di tumori e lesioni cutanee quando applicato sulla pelle in presenza di luce del sole." Quante persone conosci che dicono "stanno bene al sole" da quando hanno messo su SPF 75?

Numeri SPF elevati non significano ciò che pensiamo facciano: di più non è sempre meglio quando si tratta di SPF. "Molti studi hanno scoperto che le persone sono indotte in errore dalle affermazioni sui flaconi di crema solare ad alto SPF. È più probabile che utilizzino i prodotti ad alto SPF in modo improprio e di conseguenza potrebbero esporsi a radiazioni ultraviolette più dannose rispetto alle persone che si affidano a prodotti con SPF inferiore valori."

Nel loro rapporto del 2011, l'EWG ha scritto: "Nel giugno 2011, la FDA, per la seconda volta, ha pubblicato progetti di regolamenti che vietano alle aziende di etichettare i filtri solari con un fattore di protezione solare SPF superiore a" SPF 50+ ". L'agenzia ha scritto che i valori "superiori a 50 sarebbero fuorvianti per il consumatore", dato che esiste un'assenza di dati che dimostrano ulteriori benefici clinici (FDA 2011). "

E più recentemente, ci sono state altre notizie sui possibili pericoli della protezione solare.

In un piccolo studio pilota del 2019 pubblicato su JAMA, i ricercatori hanno scoperto che alcuni dei principi attivi della protezione solare vengono assorbiti nel corpo e nel flusso sanguigno. Avobenzone, ossibenzone, octocrylene ed ecamsule sono stati trovati a livelli abbastanza alti che la FDA afferma che vale la pena testare il possibile rischio di cancro, riporta Time.

Ho ascoltato alcune di queste informazioni per anni (così come le preoccupazioni della comunità della salute naturale su come le nanoparticelle e le creme solari chimiche, che contengono disgreganti ormonali, possono influenzare la pelle e altri sistemi) e ho rinunciato a utilizzare la crema solare del tutto.

Mi sto salvando la pelle

Se pensi ancora che io sia pazzo, continua a leggere e ti mostrerò perché non lo sono.

Un po 'di storia: sono una persona bianca di origine mista caucasica: tedesca, armena, inglese, scozzese, libanese. Non ho la pelle di latte, ma brucio abbastanza rapidamente, quindi devo proteggere la mia pelle dal sole. Ma non lo faccio con lozioni chimiche; Lo faccio con buon senso (anche più economico della crema solare!). Forse stai pensando che non esco mai fuori! No.

Non ho mai avuto il tempo di "abbronzarmi" e di abbronzarmi, ma adoro nuotare ed essere fuori durante la primavera, l'estate, l'autunno e persino l'inverno quando posso. Ho vissuto e trascorso del tempo reale in località tropicali, tra cui i Caraibi, la Big Island delle Hawaii e l'Australia, e ho scoperto che queste regole si applicano ovunque.

Stai lontano dal sole di mezzogiorno: generalmente pianifico le mie attività dopo le 15:00 o le 16:00, quando il sole è meno forte. Se devo essere fuori al sole di mezzogiorno per qualche motivo, io ...

Cerca ombra: ci sono alcuni posti che ho trovato (oltre alle cerimonie di laurea, che sono sempre al sole, dannazione!) Che non riesci a trovare una macchia d'ombra. Se ne sono preoccupato, porto un ombrello: uomini e donne nei Caraibi usano ombrelli tanto per l'ombra portatile quanto per tenere lontane le piogge tropicali. Così ragionevole, e puoi anche coordinarti con il tuo ensemble se sei quel tipo di persona (e lo sono). Riporta l'ombrellone!

Coprire con cappelli e vestiti: se non riesco a trovare l'ombra, copro. Indosso camicie di cotone e canapa a maniche lunghe e leggere e pantaloni o gonne lunghe. Adoro i cappelli floppy a tesa larga, le visiere, i grandi occhiali da sole, i fedora - lo chiami, lo indosso. Se tutto ciò ti sembra troppo caldo, rimarrai sorpreso. Guarda le persone che vivono nei luoghi più caldi e soleggiati. Molti di loro sono coperti. (Le persone sul pianeta che corrono seminude - fortunate loro! - si trovano generalmente in luoghi caldi e boscosi - piangendo dove fa caldo, ma non soleggiato.)

Quando mi sono presentato per visitare l'Egitto qualche anno fa, la mia guida Muhammed mi ha detto che gli americani erano sempre i peggiori tra i più comodi, e non per quanto riguarda lo stile. "Esporre la pelle ti farà bruciare e sarai più caldo" mi disse quando mi presentai in canottiera e pantaloncini per vedere le piramidi. "Sunblock, bah!" fu la sua risposta quando tirai fuori il mio SPF 65. Mi cambiai e Muhammed aveva ragione. Indossare abiti a maniche lunghe, larghi e di colore chiaro era molto più comodo e persino più fresco poiché il sole non colpiva la mia pelle.

Questo è tutto! Stai lontano dal sole duro, cerca l'ombra e copriti quando non puoi. Non ti esporrai agli ingredienti che le aziende diranno in seguito che "pensavano fossero al momento sicuri" ed è l'unico modo provato per ridurre le tue possibilità di cancro della pelle. E non dimenticare che un po 'di sole ogni giorno aiuta il corpo a produrre vitamina D, di cui la maggior parte di noi ha carenze. Circa 10-15 minuti di sole di mezzogiorno al giorno fanno bene!

La campagna australiana SunSmart ha ragione: il loro motto è "Slip, Slap, Slop, Seek, Slide": infilare una maglietta a maniche lunghe, schiaffeggiare un cappello, inclinare la crema solare, cercare ombra e scivolare sui tuoi occhiali da sole (occhiali da sole a noi Yanks). Noterai che solo una parte è associata alla protezione solare. Il resto sta riducendo l'esposizione. E se qualcuno conosce la protezione solare, sono gli australiani!

Questa storia è stata originariamente pubblicata nel maggio 2012 ed è stata aggiornata con nuove informazioni.

Articoli Correlati