Perché questo vulcano sembra vomitare lava blu?

Le riprese del video sopra, scattate dal fotografo francese Olivier Grunewald, mostrano alcune immagini spettacolari del vulcano Kawah Ijen in Indonesia. Sono le scene che ritraggono il vulcano di notte, tuttavia, che hanno dato alle fiamme Internet. Se vista al buio, Kawah Ijen sembra emettere una misteriosa, bellissima lava blu.

Se non hai ancora visto alcun filmato, vale la pena dare un'occhiata. (Il video è narrato in francese, a proposito, ma questo non ti scoraggerà.) Troverai i colpi ipnotizzanti dell'eterea lava blu intorno alla metà del video. Le immagini non sono state fotografate, filtrate o manomesse in alcun modo significativo: il vulcano sembra davvero diventare blu.

"La visione di queste fiamme di notte è strana e straordinaria", ha detto Grunewald a Smithsonian. "Dopo diverse notti nel cratere, ci siamo sentiti come se stessimo davvero vivendo su un altro pianeta."

Come spiega Grunewald, tuttavia, è un po 'fuorviante suggerire che la lava stessa sia blu brillante. Si scopre che il colore blu elettrico in realtà non brilla dalla lava, ma piuttosto dai gas solforici fiammeggianti che emergono dal vulcano insieme alla lava.

"Questo bagliore blu, insolito per un vulcano, non è la lava stessa, come purtroppo può essere letto su molti siti Web", ha spiegato Grunewald. "È dovuto alla combustione di gas solforici a contatto con l'aria a temperature superiori a 360 gradi Celsius."

Le eruzioni a Kawah Ijen includono quantità insolitamente elevate di gas solforico pressate e riscaldate a una temperatura occasionalmente superiore a 600 gradi C. Poiché i gas sono esposti all'ossigeno nell'aria, la lava li accende in fiamme blu brillanti. In effetti, c'è così tanto zolfo che a volte scorre lungo la parete rocciosa mentre brucia, ed è ciò che dà l'impressione di versare lava blu. La stessa lava in realtà irradia un colore rosso-arancio, proprio come qualsiasi altra lava vulcanica in tutto il mondo.

Grunewald ha prodotto queste immagini come parte di un documentario inteso a illustrare le dure condizioni di lavoro che i minatori locali affrontano quando esposti alla insolita miscela di gas che fuoriesce dal vulcano. I minatori della zona estraggono roccia solforica per integrare i loro magri redditi (la roccia li guadagna solo circa 6 centesimi per chilogrammo), ma spesso se ne vanno con problemi di salute cronici come irritazione alla gola e ai polmoni, difficoltà respiratorie e propensione alle malattie polmonari.

Mentre le fiamme blu possono essere abbastanza ipnotizzanti, i gas che le causano sono meglio visti da lontano. Poiché i minatori raramente indossano maschere antigas, si mettono in grave pericolo a lungo termine quando lavorano e respirano in mezzo al bagliore bluastro.

    Articoli Correlati