Qual è il punto di felicità?

Dovremmo seguire la nostra felicità, ma questo non è l'approccio migliore quando si tratta di determinati alimenti.

Il punto di felicità è il punto ottimale di varie sensazioni gustative - pensa allo zucchero, al sale e al grasso - che ti costringono a tornare indietro per sempre più cibo. È essenzialmente quel "giusto" per cui Goldilocks si sforzava mentre provava il porridge dei tre orsi.

Le aziende alimentari spendono milioni di dollari e ore nel tentativo di creare un punto di felicità che ci porti a consumare più alimenti.

Nascita della beatitudine

Il punto di felicità è un concetto sviluppato dallo psicologo e ricercatore di mercato Howard Moskowitz. Si è laureato ad Harvard nel 1969 con un dottorato di ricerca. in psicologia sperimentale. Uno dei primi progetti che affrontò fu convincere i soldati dell'esercito americano a mangiare le loro razioni. L'esercito era consapevole del fatto che i soldati si stancavano spesso dei loro MRE o dei pasti pronti da mangiare, mangiandone metà e lanciando il resto. Significava che i soldati non stavano assumendo le calorie di cui avevano bisogno.

"Così ho iniziato a chiedere ai soldati con quale frequenza avrebbero voluto mangiare questo o quello, cercando di capire quali prodotti avrebbero trovato noiosi", ha detto Moskowitz al New York Times Magazine nel 2013. "A loro piacevano cibi saporiti come il tetrazzini di tacchino, ma solo all'inizio; presto si stancarono di loro. D'altra parte, i cibi banali come il pane bianco non li avrebbero mai eccitati troppo, ma potevano mangiarne un sacco senza sentirne di averne abbastanza. "

Molte persone apprezzano e bramano sapori grandi e audaci, ma i loro cervelli deprimeranno il desiderio per loro se ne ottengono troppo. È per questo che i soldati hanno adorato i tetrazzini di tacchino per un po 'e poi sono tornati a mangiare pane bianco.

C'è solo qualcosa in questo cookie che ti farà tornare indietro. (Foto: KIRAYONAK YULIYA / Shutterstock)

L'obiettivo del punto beatitudine è quello di trovare la giusta quantità di sapori o gusti. Se un alimento equilibra una combinazione di due o tre parti di dolcezza, salsedine e grasso nel modo giusto, continueremo a tornare indietro. Quella giusta combinazione innesca i centri di ricompensa nel nostro cervello, dandoci un piccolo calcio di dopamina, che mantiene il ciclo in corso.

A tal fine, i produttori di alimenti testano i prodotti per trovare il loro punto di felicità. Tuttavia, non è solo con patatine, biscotti e soda. Se acquisti qualcosa in una storia della drogheria che non è prodotti freschi, probabilmente ha attraversato lunghe fasi di test per trovare il suo punto di felicità, con l'obiettivo finale dei consumatori di acquistarlo ancora e ancora.

Moskowitz ha svolto un ampio lavoro nel settore, aiutando le aziende a trovare il punto di felicità per i nuovi prodotti. Uno dei suoi più grandi successi, di cui puoi leggere l'articolo della rivista NYT, è stato lo sviluppo di Cherry Vanilla Dr. Pepper. Ci è voluto molto tempo per ottenere la formula per quella soda giusta, ma ha avuto un enorme successo.

Trovare il tuo punto di felicità, non il loro

Ingredienti come funghi e salsa di soia a basso contenuto di sodio possono darti alcuni sapori ricchi che ti lasciano pieno. (Foto: Ezume Images / Shutterstock)

Certo, più consumiamo qualcosa che innesca il centro di ricompensa del cervello, più ci abituiamo. Quindi dobbiamo consumarne di più solo per raggiungere la corsa di base della dopamina che abbiamo sperimentato la prima volta che l'abbiamo mangiata.

Ciò è particolarmente vero per lo zucchero, che è una grande parte di molti punti felicità negli alimenti che acquistiamo. Scrivendo per la CNN, la dott.ssa Darria Long Gillespie, un medico di emergenza, ha alcuni suggerimenti su come resistere ai punti di felicità degli alimenti in modo che tu possa trovare la tua felicità.

1. Cerca lo zucchero. Trovare lo zucchero nel cibo può essere complicato, soprattutto quando si nasconde sotto uno degli oltre 60 nomi. Gillespie dice di cercare "tutto ciò che termina in '-ose', 'cane' (zucchero, cristalli), 'mais' (sciroppo, dolcificante), sciroppo di riso, miele o altri." Riducendo lo zucchero nella dieta, diventerai più sensibile ad esso e la tua tolleranza alla dolcezza diminuirà. (Ho tagliato le cime dalla mia dieta anni fa, e quando ho assaggiato una bevanda aromatizzata alla cola lo scorso fine settimana, non riuscivo nemmeno a finire la lattina da 12 once. Aveva ancora un sapore abbastanza buono, ma era troppo dolce per me. )

2. Cerca nuovi sapori. Sale e zucchero sono la combinazione ideale per colpire un punto di felicità, ma ci sono così tanti altri sapori là fuori che ti soddisferanno e ti faranno sentire pieno. Prova i sapori aspri, amari e umami e le tue voglie di sale o zucchero dovrebbero iniziare a diminuire mentre il tuo corpo sviluppa un gusto per questi gusti più pieni.

3. Esercitati nel controllo delle porzioni. Questo è sempre quello difficile, ed è particolarmente difficile avere a che fare con i cibi che colpiscono molto il nostro cervello. Divoreremo un sacco di patatine o un'intera barretta di cioccolato. Quindi, se hai voglia, metti gli oggetti in un piccolo piatto e quando finisci, è la fine della merenda. "Anche se torni ancora indietro per alcuni secondi (del tutto normale), mangerai meno che se avessi l'intera borsa", ha detto Gillepsie.

Articoli Correlati