Qual è la differenza tra prosecco e champagne?

I pub gastronomici che hanno un menu di vini limitato spesso hanno uno o due spumanti che puoi ordinare al bicchiere. Se c'è solo una scelta, di solito è il prosecco. Se ci sono due scelte, la seconda è di solito una brut fatta nello stesso metodo dello Champagne, ma ogni tanto vedrai un vero Champagne. Sebbene entrambi abbiano bolle, ci sono differenze tra le due stelle filanti.

Lo champagne proviene dalla regione francese della Champagne. Esistono molti vini eccellenti realizzati con lo stesso metodo, ma se quei vini non provengono dallo Champagne, vengono chiamati qualcos'altro. Il Prosecco proviene dal Prosecco DOC nel nord-est Italia. Una DOC è una denominazione di origine controllata e garantita. Proprio come lo Champagne può provenire solo dallo Champagne, il prosecco può provenire solo dal Prosecco. Altri spumanti possono essere prodotti con lo stesso metodo del prosecco, ma se non provengono dal Prosecco DOC, dovrebbero essere chiamati qualcos'altro.

A differenza dello Champagne, tuttavia, il prosecco non è il nome di un luogo. È il nome della sola regione che secondo l'Italia può produrre questo tipo di vino spumante e usare il nome prosecco. Il prosecco era il nome dell'uva da cui proveniva il popolare frizzante nella regione, ma nel 2009. quando l'Italia ha scelto di creare una regione designata per lo stile del vino, ha ribattezzato l'uva in glera. Il prosecco divenne il nome della regione. In meno di un decennio, gli spumanti di questa regione italiana sono diventati molto popolari negli Stati Uniti.

L'unica differenza tra questi due spumanti è nei paesi in cui hanno avuto origine? No. Esistono due differenze fondamentali tra questi due spumanti popolari, l'uva di cui sono fatti e il modo in cui vengono create le bollicine.

Champagne: Methode Champenoise, chardonnay e pinot nero

Lo champagne è immagazzinato sottoterra in Francia. (Foto: Arnaud Abadie [CC BY 2.0] / Flickr)

La tradizione dice che il metodo di produzione dello Champagne fu scoperto quando un monaco benedettino francese di nome Dom Pérignon scoprì che il lievito lasciato in una bottiglia di vino aveva trasformato il vino frizzante. Bevendolo, gridò: "Vieni presto, sto bevendo le stelle!" Ciò non è accaduto, ma è vero che il lievito lasciato in una bottiglia si tradurrà in bolle.

Nel Methode Champenoise, come lo chiamano i francesi, lo spumante viene prodotto facendo una seconda fermentazione in bottiglia. Dopo la prima fermentazione in cui vengono aggiunti lievito e zucchero, il vino viene imbottigliato con il lievito ancora presente. Continua a fermentare e, mentre lo fa, l'anidride carbonica viene rilasciata dallo zucchero mentre il lievito si nutre di esso. L'anidride carbonica crea le deliziose bolle che solleticano il naso quando beviamo un bicchiere di Champagne appena versato.

Il lievito deve rimanere in bottiglia per almeno un anno per gli Champagne non vintage e per almeno tre anni per gli Champagne vintage. Spesso gli champagne invecchiano più a lungo del requisito minimo.

Naturalmente, il lievito deve essere rimosso dalla bottiglia in modo che il vino sia limpido quando viene versato, quindi verso la fine della seconda fermentazione, le bottiglie vengono inclinate con il collo verso il basso (un processo noto come enigma) in modo che il lievito si depositi nel collo. Quando è il momento di rimuovere il lievito, la parte superiore del collo viene congelata, intrappolando il lievito nel vino congelato. Quando viene rimosso il tappo temporaneo sulla bottiglia, l'anidride carbonica che si è accumulata nella bottiglia spinge fuori dalla bottiglia il vino congelato e il lievito intrappolato. Ogni ulteriore zucchero viene aggiunto in quel momento, quindi il tappo e la gabbia vengono messi sopra.

Le uve che entrano nello Champagne sono principalmente chardonnay, pinot nero e pinot meunier, ma sono ammessi anche altri quattro vitigni: arbane, petit meslier, pinot blanc e pinot gris.

Ci sono molti altri spumanti in tutto il mondo che vengono creati con questo metodo. Altrove il metodo è noto come Metodo Traditionelle. Tuttavia, per essere chiamato Champagne o per usare il termine Methode Champenoise, lo spumante deve provenire dalla regione Champagne.

Prosecco: Metodo Charmat e glera

Il Prosecco prende le sue bollicine mentre sta attraversando una seconda fermentazione in serbatoi di acciaio inossidabile. (Foto: Walter Scharer [CC BY 2.0] / Flickr)

A circa 1.200 km dallo Champagne, i viticoltori del Veneto creano il prosecco usando un metodo che ha avuto origine lì: il metodo charmat o il metodo del serbatoio. Invece di imbottigliare il vino con il lievito e lo zucchero, la seconda fermentazione avviene in serbatoi di acciaio inossidabile. Subito prima dell'imbottigliamento, viene aggiunta l'aggiunta finale di zucchero. È un metodo più rapido ed è meno costoso.

A differenza dello Champagne, il prosecco è destinato a essere bevuto quando è giovane e fresco, di solito entro un anno dalla sua annata.

L'uva principale nel prosecco è l'uva glera, e molti prosecchi contengono solo quell'uva. Fino al 15 percento delle uve può provenire dalle seguenti varietà: verdiso, bianchetta trevigiana, perera, glera lunga, chardonnay, pinot bianco, pinot grigio e pinot nero (il nome italiano per pinot nero).

E ora che la lezione è finita, proviamo un po '

Mi è stato inviato un campione di tre bottiglie di prosecco della collezione Dress Code di Zonin1821. Il prosecco tradizionale di Zonin è glera al 100 percento, ma in questa speciale collezione, ogni bottiglia ha un'aggiunta aggiuntiva di uva e ogni bottiglia ha un colore diverso. Alla bottiglia bianca sono aggiunti alcuni pinot bianco; il pinot grigio viene aggiunto alla bottiglia grigia; e il pinot nero viene aggiunto alla bottiglia nera.

Le bottiglie sono divertenti e alla moda, ma ero più interessato a ciò che era dentro. Man mano che i colori sulle bottiglie diventano più scuri, i vini diventano più complessi. Lo spumante nella bottiglia bianca è leggero, fresco e fresco. Il fruttato della bottiglia grigia è più pronunciato, un po 'più pesante. E, la bottiglia nera aveva il corpo più pieno con mela verde e limone pesanti. Aveva anche la maggior acidità.

Le tre bottiglie affiancate mi hanno dato la possibilità di confrontare e confrontare cosa si può fare con il prosecco quando l'azienda decide di divertirsi un po '. Forse questa è un'altra differenza tra Champagne e prosecco: lo Champagne ha già la sua reputazione. È un vino classico, elegante e ricco di tradizione. Le aspettative dei consumatori sono già fissate quando si tratta di Champagne. Il prosecco sta ancora guadagnando la sua reputazione e i produttori possono andare in direzioni inaspettate con esso. Molti consumatori stanno bene con l'imprevisto, purché sia ​​ancora buono.

Zonin1821 pratica la viticoltura ecologicamente sostenibile e si attiene a tre fattori: ogni azione attuata deve essere sicura per l'ambiente, socialmente equa e fattibile dal punto di vista finanziario. Dal 2008, l'azienda ha adottato un rigoroso programma sostenibile che include sistemi di irrigazione innovativi, concime verde, agricoltura di precisione ed energia solare.

Articoli Correlati