Qual è la pentola più sicura?

Probabilmente hai letto dei pericoli delle pentole antiaderenti: i clorofluorocarburi (CFC) vengono rilasciati nel cibo durante il processo di cottura e causano ogni tipo di problema di salute. Quindi può essere difficile scegliere pentole e padelle. Volete qualcosa che sia sicuro, ma sarebbe bello se fosse anche facile da pulire.

Dati raccolti, studi comparati e tutte le opzioni debitamente considerate, ecco una panoramica degli impatti sulla salute e sull'ambiente delle comuni opzioni di pentole. Tieni a mente l'immagine più grande mentre sfogli le tue opzioni di pentole:

Ridurre. Acquista solo ciò di cui hai bisogno. Cerca oggetti che possono fare il doppio dovere e acquistare per la longevità.

Riutilizzo. Se acquisti pentole, acquista usato.

Riciclare. Trova nuovi usi per le tue vecchie pentole e padelle.

Quando si pesa la salute e le questioni ambientali, ricordare che negli Stati Uniti, le sostanze chimiche e altri prodotti sono generalmente considerati sicuri fino a prova contraria. Esistono prove inconfutabili che le padelle antiaderenti possono provocare il cancro o che pentole in alluminio potrebbero essere un fattore nella malattia di Alzheimer? No. Siamo topi da laboratorio, intrappolati tra l'incertezza e la linguistica della scienza e i principi regolatori che pongono al pubblico potenziali minacce per la salute e l'ambiente - e l'onere di provarle. Siamo canarini in cucina.

Parlando di salute

Le padelle antiaderenti sono le più comuni, ma anche le più controverse. Assicurati di non usare utensili di metallo. (Foto: AllNikArt / Shutterstock)

Le preoccupazioni per la salute sono spesso il problema numero 1 nella scelta di pentole e padelle. Ecco come si accumulano i diversi tipi.

1. Pentole antiaderenti

Questo è il pentolame più popolare e anche il più controverso. Secondo l'Environmental Working Group, i rivestimenti antiaderenti possono "raggiungere i 700 gradi Fahrenheit in appena 3-5 minuti, rilasciando 15 gas e sostanze chimiche tossiche, inclusi due agenti cancerogeni." Ad alto calore i fluoropolimeri utilizzati nelle finiture antiaderenti rilasciano varie sostanze tossiche, e almeno un gas serra.

Le maggiori preoccupazioni riguardano il perfluoroottanoico (PFOA), una sostanza che persiste nell'ambiente e il cui uso diffuso lo ha reso rilevabile nel sangue di quasi tutti gli americani, adulti e neonati. Il PFOA è considerato un probabile agente cancerogeno ed è associato a livelli elevati di colesterolo e difetti alla nascita. È noto per causare tumori ai testicoli, al pancreas, alla mammella e al fegato nei ratti e i lavoratori esposti al PFOA hanno un aumentato rischio di tumori del pancreas e del tratto riproduttivo maschile.

Inoltre, le finiture antiaderenti chimiche surriscaldate rilasciano fumi che causano una malattia nell'uomo nota come febbre da fumi di polimero. I fumi sono noti per uccidere gli uccelli e i produttori avvertono dell'uso di queste pentole nelle case con uccelli da compagnia ... da qui il riferimento "canarino in una miniera di carbone". La maggior parte degli americani ha almeno un pezzo di pentole antiaderenti chimiche e sono invitati a seguire queste linee guida sulla sicurezza:

  • Non lasciare mai le padelle antiaderenti incustodite su una fiamma libera o altra fonte di calore e mantenere temperature di cottura inferiori a 450 gradi.
  • Non utilizzare utensili in metallo su pentole antiaderenti e lavare le pentole a mano utilizzando detergenti e spugne non abrasivi, non lana d'acciaio. Guarda per usura o sfaldamento di qualsiasi superficie antiaderente.
  • Tieni gli uccelli fuori dalla cucina.

2. Pentole in acciaio inossidabile

Questa opzione è una miscela di diversi metalli, tra cui nichel, cromo e molibdeno. Questi metalli possono migrare negli alimenti, ma a meno che le tue pentole non siano usurate o danneggiate, la quantità di metalli che potrebbero penetrare nel tuo cibo sarebbe trascurabile.

Come per le superfici antiaderenti, si consiglia di evitare l'uso di abrasivi per la pulizia di pentole in acciaio inossidabile.

3. Pentole in alluminio

L'alluminio è un metallo morbido e altamente reattivo che può penetrare negli alimenti, specialmente quando si cucina con ingredienti acidi. La reazione metallo-alimentare può formare sali di alluminio associati a una compromissione della coordinazione visiva motoria e del morbo di Alzheimer. L'alluminio è onnipresente: è il terzo elemento più abbondante nella crosta terrestre e può essere trovato nell'aria, nell'acqua e nel suolo. L'assunzione di alluminio è praticamente impossibile da evitare e la quantità che è probabile ottenere dalle pentole in alluminio è relativamente minima. Ciò ha portato a una posizione di pentole-è-il-meno-delle-nostre-preoccupazioni. Avvicinati da una prospettiva più precauzionale, perché non dovremmo cogliere ogni opportunità per limitare l'esposizione, almeno fino a quando non avremo prove attendibili della sicurezza dell'alluminio?

Come con altre pentole, più la pentola è bucata e consumata, maggiore è la quantità di alluminio che può essere assorbita. Poiché l'alluminio è così reattivo, la cottura o la conservazione di cibi altamente acidi o salati può causare l'ingresso di più alluminio del normale.

4. Pentole in alluminio anodizzato

Questa è diventata una popolare alternativa al semplice alluminio. L'alluminio inserito in una soluzione chimica ed esposto alla corrente elettrica crea una superficie dura e non reattiva. Questo processo si chiama anodizzazione. Il processo di anodizzazione elettrochimica "blocca" l'alluminio, ma l'anodizzazione può guastarsi nel tempo.

Pentole e padelle in ghisa sono versatili e di lunga durata. Possono andare dal forno al piano cottura. (Foto: Ari N / Shutterstock)

5. Pentole in ghisa

La ghisa è nota per la sua resistenza e distribuzione uniforme del calore. La ghisa non smaltata può trasferire notevoli quantità di ferro negli alimenti, ma a differenza dei metalli che escono da altri tipi di pentole e padelle, il ferro è considerato un additivo alimentare salutare dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. La qualità antiaderente della ghisa deriva dal condimento. Il condimento è il termine usato per trattare la ghisa con olio e cuocerlo in forno. Questo riempie la superficie porosa delle pentole. Una guida per condire la ghisa è disponibile qui.

6. Pentole in rame

Il rame penetra negli alimenti quando riscaldato, spingendo la FDA a mettere in guardia dall'uso di rame non rivestito per uso generale. Di conseguenza, le superfici di cottura sono generalmente rivestite con stagno, nichel o acciaio inossidabile. Le pentole in rame rivestito possono perdere lo strato protettivo in caso di danni o abrasioni. Tieni presente che anche i metalli della superficie "protettiva" possono finire nel tuo cibo.

7. Pentole in ceramica, smaltate e in vetro

Queste sono generalmente opzioni sicure. Le preoccupazioni per la salute relative all'uso della ceramica e dello smalto derivano da componenti utilizzati nella fabbricazione, nella smaltatura o nella decorazione di pentole, come piombo o cadmio. Negli Stati Uniti, entrambe queste sostanze altamente tossiche sono state gradualmente eliminate, o almeno limitate nella produzione di pentole. Questo non è un posto dove ignorare le etichette; se dice "Non per uso alimentare", non usarlo per cibo!

8. Pentole in plastica

Questa semplicemente non dovrebbe essere un'opzione.

9. Pentole di bambù

Il bambù non è reattivo e non ha effetti nocivi sul cibo, ma i suoi usi sono limitati: non puoi friggere le uova nel bambù.

Considerare l'ambiente

Il bambù è una risorsa rinnovabile, quindi le pentole in bambù hanno un piccolo impatto ambientale. (Foto: guido612 [CC by 2.0] / Flickr)

I materiali utilizzati per creare pentole hanno vari gradi di impatto sull'ambiente. Si consiglia di tenerlo presente quando si scelgono pentole e padelle.

1. I metalli comportano un pesante onere di estrazione, lavorazione e fabbricazione delle risorse. L'estrazione mineraria è un processo sporco e distruttivo e la produzione di pentole multi-metallo complesse richiede un elevato consumo di energia. Nel 2004 l'industria mineraria dei metalli è stata classificata dall'EPA il peggior inquinatore tossico della nazione. La maggior parte dei metalli può essere riciclata, ma la miscelazione di elementi (rame rivestito inossidabile, per esempio) può negare quella qualità. Rivestimenti e rivestimenti antiaderenti si rompono con l'uso e il tempo, quindi queste pentole hanno una vita breve. Alcune idee interessanti per riutilizzare pentole in metallo possono essere trovate qui.

2. Il bambù è una risorsa rinnovabile, non necessita di miniere e utilizza relativamente poca energia nella produzione. Le pentole in bambù hanno una durata breve, ma il loro impatto ambientale è relativamente ridotto.

3. Le pentole in vetro, ceramica e smaltate non possono essere riciclate. Possono essere acquistati usati e in base alla qualità e possono essere abbastanza versatili da svolgere molteplici funzioni. La loro longevità è limitata dalla rottura.

4. La ghisa può durare per molte, molte generazioni. Può essere acquistato usato ed essere sempre come nuovo - o meglio. Può essere utilizzato sul piano cottura o nel forno, riducendo il numero di oggetti utilizzati per cucinare. Non richiede detersivo per la pulizia. È un vincitore

Penso che la ghisa sia l'opzione migliore in circolazione. Pesare i rischi per la salute e l'ambiente e decidere cosa è meglio per te.

Articoli Correlati