Quei pazzi pantaloni da curling sono legali?

La squadra di curling norvegese è tornata ai Giochi invernali di quest'anno, così come i pantaloni, quei pantaloni gloriosamente rumorosi.

La squadra maschile ha fatto un tuffo nelle ultime due Olimpiadi invernali non solo per il loro stile sobrio e ampio, ma per i pantaloni terribilmente appiccicosi che sono diventati rapidamente il marchio distintivo della squadra.

I pantaloni sono nati per fortuna quando il membro del team Christoffer Svae è stato mandato a scarabocchiare online per una rapida sostituzione del kit (il modo dei bigodini di dire "uniforme") dopo che un fornitore ha spedito la marcia sbagliata poche settimane prima dell'allenamento pre-olimpico. Quando si è imbattuto nel sito per i pantaloni sportivi di Loudmouth, ha colpito l'oro. Ha ordinato pantaloni da golf abbinati in argyle rosso, bianco e blu (nella foto sotto) - uno schema prevalentemente sfoggiato dai fan dell'Università dei Mississippi Ribelli - e il resto è storia da curling.

Oh, quei pantaloni fantasiosi! (Foto: kennymatic / Kenny Loui / Wikipedia)

"È stato abbastanza per suscitare scalpore nel mondo del curling", ha dichiarato Tony D'Orazio al New York Times. "Per loro fare quello che hanno fatto nel 2010, è stato rivoluzionario per il curling. Ha preso le tradizioni di questo sport e lo ha ri-energizzato per una nuova generazione."

E infatti, D'Orazio, un bigodino di Rochester, New York, ha aperto una pagina Facebook che ha oltre mezzo milione di fan. E nota, la pagina non è per la squadra stessa, ma per i pantaloni.

Con un tale successo sartoriale a Vancouver, Loudmouth si prese di nuovo cura dei pantaloni dei norvegesi per Sochi. I progetti di quell'anno sono stati un tributo alla Norvegia, ma dovevano anche apparire belli sullo schermo, ha affermato Scott Woodworth, fondatore di Loudmouth.

Il risultato? Un elenco di pantaloni rotanti così forte da poterli sentire da qui; vertiginose paisley, finto Mondrian, stravaganti patchwork, chevron sgargianti, zigzag zippy e così via, il tutto in grassetto rosso, bianco e blu.

E la grande tendenza continua quest'anno con i "Icicles" giustamente debuttati alle Olimpiadi del 2018 a Pyeongchang.

Sicuro che sono sgargianti, ma sono legali?

Ma mentre i pantaloni hanno legioni di fan, la questione della loro legalità è stata sollevata nel 2014 - e non in un modo "i tuoi pantaloni sono così brutti che dovrebbero essere messi fuori legge". News.am ha riferito di voci secondo cui l'International Olympics Committee (IOC) non era contento di loro, e altri borbottatori dei media hanno suggerito che "poiché la squadra indossa una coppia diversa ogni volta che giocano, i pantaloni potrebbero essere considerati" non ufficiali "" e potrebbero essere contro il codice uniforme adeguato.

I pantaloni offrono alla squadra un vantaggio ingiusto? E aderiscono alle linee guida internazionali di curling e uniformi IOC?

Secondo la pagina Facebook dei pantaloni, la risposta può essere trovata nelle Regole del Curling C3 (a) della World Curling Federation, che stabilisce che:

Tutti i membri del team indossano uniformi identiche e calzature appropriate quando accedono al campo di gioco per giochi o sessioni di allenamento. Il team indossa camicie di colore chiaro e gioca giacche / maglioni quando assegnano pietre con manici di colore chiaro, e indossa camicie di colore scuro e gioca giacche / maglioni quando assegna pietre con manici di colore scuro. Il colore di questi indumenti deve essere registrato presso il WCF prima dell'inizio di ogni competizione. Gli allenatori / ufficiali di squadra devono indossare una squadra o una divisa nazionale ogni volta che accedono al campo di gioco. Il rosso è considerato un colore scuro. Le Regole del Curling della World Curling Federation affermano inoltre che i componenti dovrebbero avere: "Stessi loghi / stemmi / colori, possono essere marchi diversi".

Le divise della squadra sono sempre identiche e preregistrate al WCF e al CIO; e i pantaloni hanno gli stessi loghi, stemma e colore.

Anche adesso - diverse Olimpiadi in seguito - non si è ancora fatta notizia di una protesta ufficiale contro la squadra norvegese e il CIO non ha ancora risposto alle richieste di decisione sulla legalità dei pantaloni.

Ma se i pantaloni della squadra finissero per essere squalificati, prevediamo un tumulto pubblico. (I pantaloni, infatti, possono fornire un vantaggio ingiusto: la paura dell'umiliazione.)

"Questi pantaloni sarebbero fantastici per vincere", ha detto il membro del team Vad Petersson. "Ma sarebbero terribili da perdere. Abbiamo deciso che quando li indossiamo, dobbiamo davvero provare a vincere e andare fino in fondo."

* * *

Sei un fan di tutte le cose nordiche? In tal caso, unisciti a noi al Nordic by Nature, un gruppo di Facebook dedicato all'esplorazione del meglio della cultura nordica, della natura e altro ancora.

Nota del redattore: questa storia è stata originariamente pubblicata nel febbraio 2014 ed è stata aggiornata con informazioni più recenti.

Articoli Correlati