Queste uova fanno luce su una battaglia di ingegno tra cowbirds e mockingbirds

I cowbirds sono famosi per essere genitori assenti, ma ciò non significa necessariamente che i loro piccoli avranno un'infanzia difficile. Come i cuckoos, i cowbirds sono parassiti della nidiata, il che significa che lasciano le loro uova nei nidi di altre specie, schivando i doveri della paternità ingannando altri uccelli nel crescere i loro bambini per loro.

Questo può portare a uno scenario straziante per quei genitori adottivi inconsapevoli, che trascorrono tempo ed energia a crescere un pulcino che non solo non è loro, ma il cui successo spesso arriva a spese della loro prole reale.

E così le specie di uccelli prese di mira dai parassiti delle nidiate hanno sviluppato alcune tattiche per aiutarli a evitare questa truffa, come prestare maggiore attenzione alle uova nei loro nidi e usare più potere cerebrale per identificare eventuali uova che sembrano non familiari. I cowbirds e altri parassiti della covata, tuttavia, hanno sviluppato contromisure per impedire che le loro uova vengano eliminate, in particolare producendo gusci d'uovo variabili che invitano a un minore controllo.

Il mockingbird con la fronte di gesso (a sinistra) e il brillante cowbird (a destra) sono entrambi comuni e relativamente diffusi in gran parte del Sud America. (Foto: Joel Santana / Shutterstock e Helissa Grundemann / Shutterstock)

Ciò si è trasformato in una corsa agli armamenti coevolutiva, poiché le capacità di riconoscimento delle uova degli ospiti esercitano una pressione selettiva sui parassiti della nidiata per deporre uova meno cospicue, il che a sua volta esercita una maggiore pressione sugli ospiti per migliorare le loro capacità di riconoscimento delle uova.

Un nuovo studio esamina da vicino questo fenomeno, concentrandosi sul rapporto tra due uccelli sudamericani comuni: il luccicante mucca (Molothrus bonariensis) e una delle sue vittime preferite, il mockingbird dal sopracciglio di gesso (Mimus saturninus). Pubblicato nelle Transazioni filosofiche della Royal Society B, lo studio rivela come gli uccelli beffardi usano i colori e i motivi delle uova nei loro nidi per aiutarli a decidere quali tenere e quali scartare.

Questa è una decisione irta: i mockingbird ovviamente non vogliono uova di cowbird nel loro nido, ma anche loro non vogliono essere così zelanti nello sfrattare i cowbirds che sbattono accidentalmente le loro stesse uova. Può sembrare ovvio che i mockingbird respingano semplicemente le uova che non corrispondono al colore e al motivo delle loro stesse uova, ma il nuovo studio suggerisce che è un po 'più complicato di così.

Non avere un cowbird

Questi fermi video mostrano una beffa dal sopracciglio che rifiuta un uovo estraneo dal suo nido. (Foto: Analía V. Lopez)

Per testare come i mockingbirds prendono questa decisione, un team di ricercatori degli Stati Uniti, dell'Argentina e della Repubblica Ceca ha collocato una varietà di uova finte in nidi di mockingbird attraverso Reserva El Destino, una riserva naturale di 500 ettari (1.235 acri) vicino alla città di Magdalena nella provincia di Buenos Aires, Argentina. Le uova erano modelli stampati in 3D, basati sulla massa e sulle dimensioni effettive delle uova lucenti di cowbird trovate in questo sito.

I ricercatori hanno dipinto a mano due serie di uova lungo un gradiente da blu-verde a marrone, usando un metodo precedentemente pubblicato per abbinare "il gradiente naturale dei gusci di aviaria". Hanno anche dipinto macchie su un set di uova, applicando un modello modellato su un uovo di cowbird lucido scelto a caso dalla popolazione locale.

Queste uova sono state quindi portate a Reserva El Destino, dove i ricercatori hanno trovato 85 nidi di uccelli finti, aggiungendo a ciascuna un uovo falso selezionato casualmente. Hanno monitorato tutti i nidi per cinque giorni, e dopo aver escluso 15 che sono stati attaccati da predatori o abbandonati, sono finiti con una dimensione del campione finale di 70 nidi. Tutte le uova che erano ancora in un nido dopo cinque giorni sono state considerate accettate, i ricercatori notano, mentre quelle che sono scomparse durante questo periodo sono state considerate respinte.

Il video qui sotto, filmato dalla coautrice ed ecologa dell'Università di Buenos Aires Analía V. López, mostra due delle reazioni dei mockingbirds alle uova non macchiate vs.

Le macchie hanno avuto un effetto interessante sui genitori di mockingbird, spesso spingendoli a giocare in sicurezza e a tenere un uovo anche se il colore non era giusto. La maggior parte dei rapaci non sono stati ingannati da uova marroni non macchiate, che si distinguono per colore e motivo, e quelle uova hanno avuto un tasso di rigetto di oltre l'80%. Ma i punti sembrano ispirare qualche esitazione, presumibilmente portando i genitori a preoccuparsi di scartare una delle loro stesse uova. Il tasso di rifiuto per le uova marroni con macchie, ad esempio, era solo del 60% circa. I mockingbirds hanno mostrato una propensione per le uova blu, accettandone persino alcune con una tonalità più blu delle loro stesse uova. E quando anche le uova blu avevano delle macchie, il tasso di rifiuto era sceso sotto il 10 percento.

"I mockingbirds hanno individuato le uova, quindi ha senso che dovrebbero essere più disposti ad accettare un uovo macchiato", spiega l'autore principale Daniel Hanley, un ecologo evoluzionista presso la Long Island University Post, in una e-mail al sito. "Attraverso un design sperimentale unico, siamo stati in grado di misurare quanti punti hanno contribuito alla decisione di un mockingbirds di tollerare un uovo estraneo."

Lo studio suggerisce che gli uccelli beffardi potrebbero ancora interessarsi più al colore delle uova che alle macchie, afferma Hanley, ma entrambi i fattori sono importanti. Gli uccelli hanno mostrato una chiara propensione per le uova più blu rispetto a quelle più marroni, ma quando i loro sforzi discriminatori sono diventati più difficili - cosa che Hanley e i suoi colleghi hanno raggiunto aggiungendo macchie, riducendo così le differenze tra uova "giuste" e "sbagliate" - il rifiuto era meno probabile .

A volte i mockingbirds sembrano in conflitto sul fatto di tenere o rifiutare un uovo, dice Hanley, anche se dipende dalla femmina e dal contesto. "Alcuni uccelli sembrano saperlo immediatamente, mentre altri impiegano un po 'più di tempo", afferma.

Risveglio della covata

I cowbirds luccicanti sono molto socievoli, spesso formano branchi come questo in Brasile. (Foto: Pamela CP Olczyk / Shutterstock)

Il nuovo studio fa parte di un tema tematico per Transazioni filosofiche della Royal Society B, dedicato alla "biologia coevolutiva del parassitismo delle nidiate". Osserva una vasta gamma di parassiti della nidiata, compresi gli uccelli, nonché esempi meno noti come il pesce gatto cuculo o le api parassite e le farfalle. Poiché i parassiti delle nidiate si affidano ad altre specie per allevare la loro prole, e poiché quelle altre specie potrebbero perdere la propria prole se non individuano l'abuso, queste creature forniscono "un sistema illuminante per la ricerca della coevoluzione", scrivono i redattori del problema.

Alcune vittime sembrano più furbe di contrastare i parassiti della covata rispetto ad altre, probabilmente a causa delle variazioni delle capacità di mimetismo dei parassiti e delle minacce che pongono ai loro ospiti. In un altro studio di questo numero, ad esempio, l'ecologista evoluzionista della Princeton University Mary Caswell Stoddard e i suoi colleghi notano che i fringuelli a cucù possono imitare da vicino le uova di prinie fiancheggiate da fulvi. In risposta, le prinie si sono evolute per utilizzare "attributi di modello di livello superiore" per identificare le uova estranee, compresi i dettagli sulla forma e l'orientamento dei segni sul guscio d'uovo.

Esempi di uova di fringuello cuculo (due colonne a destra) accanto alle uova dei loro ospiti, la prinia dai fianchi fulvi e la cisticola dalla faccia rossa. (Foto: Claire N. Spottiswoode, Martin Stevens / Atti della Royal Society B)

Per i beffardi dai sopraccigli di gesso, i parassiti delle nidiate potrebbero non aver forzato lo stesso livello di controllo, ma c'è ancora tempo. Dato l'apparente successo dei luccicanti cowbirds, sembra probabile che questa corsa agli armamenti coevolutiva sia lungi dall'essere conclusa.

"I nostri risultati suggeriscono che questo ospite non ha ancora adattato la capacità di discriminare le differenze a grana fine nei modelli di guscio d'uovo, ma utilizza invece le caratteristiche del guscio d'uovo come un indizio del tutto o niente", scrivono i ricercatori. Contrariamente a un comune presupposto scientifico, le decisioni dei mockingbird non erano puramente basate sul grado di differenza tra le loro uova e quelle straniere. "Invece, questo ospite ha respinto le uova marroni ma ha accettato uova blu-verdi ugualmente dissimili", scrivono. Questi schemi suggeriscono aspetti importanti e inesplorati della dinamica coevolutiva, "sia nella relazione cowbird-mockingbird" che in generale le dinamiche host-parassita ".

Sono necessarie ulteriori ricerche, aggiungono Hanley e i suoi colleghi, per rivelare come questi uccelli si influenzano a vicenda l'evoluzione. Nel frattempo, innumerevoli cowbirds e altri parassiti della nidiata continueranno ad essere allevati da inconsapevoli genitori adottivi, mentre innumerevoli ospiti continueranno a spingere il cervello per individuare gli intrusi prima che sia troppo tardi. Come Stoddard ha recentemente dichiarato alla rivista Science, "Quello che sta succedendo nel cervello di [uccelli] è persino più complesso e interessante di quanto immaginassimo".

Articoli Correlati