Risaie: paesaggi vetrosi con una storia complessa

I riflessi luccicanti che si trovano in queste risaie sono più di una bella scena paesaggistica - rappresentano un'antica eredità agricola che è ora responsabile della produzione di uno dei cibi base più importanti al mondo: il riso.

Questo semplice cereale è uno dei più grandi prodotti agricoli, proprio dietro zucchero e mais. Si trova in modo più coerente nelle diete asiatiche, il che non è sorprendente considerando la sua storia.

Si ritiene che la risaia abbia avuto origine in Cina, dove il primo campo di risaia risale a più di 9.400 anni, secondo un nuovo studio. Gli archeologi cinesi che lavorano in un sito chiamato Shangshan hanno scoperto i microscopici pezzetti di riso, il che ha dimostrato che questo raccolto base era la chiave della nostra dieta migliaia di anni prima nella storia umana di quanto pensassimo.

Secoli dopo, questa tecnica agricola è ancora utilizzata in tutta l'Asia e si è sviluppata anche in Europa e nelle Americhe.

Il riso è un chicco semplice e uno dei più grandi prodotti agricoli, proprio dietro zucchero e mais. (Foto: CHEN WS / Shutterstock

La coltivazione del riso si è sviluppata nel corso di molti secoli in un'operazione agricola ad alta intensità di lavoro che richiede una grande quantità di acqua, più comunemente proveniente dall'irrigazione, ma può anche essere alimentata dalla pioggia o attraverso la posizione, come zone umide costiere o luoghi che vivono tropicali monsoni.

Mentre il riso può essere coltivato in terreni asciutti, la coltivazione del riso in ambienti semi-acquatici o di acque profonde è generalmente considerata più pratica perché aiuta a scoraggiare la crescita di parassiti, malattie e erbe infestanti.

Ma c'è un prezzo per quei metodi di abbellimento; l'industria del riso rappresenta un terzo dell'utilizzo annuale di acqua dolce del pianeta. Fortunatamente, c'è un nuovo metodo agricolo in aumento che potrebbe aiutare a cambiare quella statistica. Il processo, noto come Sistema di intensificazione del riso, consente agli agricoltori di produrre il 50% in più di riso utilizzando molta meno acqua.

L'industria del riso rappresenta un terzo dell'utilizzo annuale di acqua dolce del pianeta. (Foto: isarescheewin / Shutterstock)

Quando guardi queste risaie, potresti ritrovarti a rabbrividire per la folle quantità di acqua utilizzata. Anche così, è difficile negare la bellezza di questi squisiti disegni incisi nel terreno come una mappa topografica.

Risaie a terrazze in Yuan Yang, Cina meridionale. (Foto: isarescheewin / Shutterstock)

Un'alba colorata si riflette nelle risaie cinesi. (Foto: CHEN WS / Shutterstock)

Il riso viene coltivato in ambienti semi-acquatici o di acque profonde perché aiuta a scoraggiare parassiti, malattie e crescita delle infestanti. (Foto: isarescheewin / Shutterstock)

Questa tecnica di allevamento della risaia si è diffusa dalla Cina all'Europa e alle Americhe. (Foto: isarescheewin / Shutterstock

L'acqua proviene più comunemente attraverso l'irrigazione, ma può anche essere alimentata dalla pioggia o attraverso la posizione, come le zone umide costiere. (Foto: isarescheewin / Shutterstock)

La contea di Yuan Yang in Cina riflette la luce dei cieli del tardo pomeriggio. (Foto: CHEN WS / Shutterstock)

Nota del redattore: questa storia è stata aggiornata da quando è stata pubblicata originariamente nel dicembre 2014.

Articoli Correlati