Tracciamento del lupo di mare segreto della Columbia Britannica

Quando sentiamo la parola "lupo" quasi ognuno di noi penserà ai lupi in una foresta. Forse nella nostra mente, vediamo un branco di lupi che inseguono un alce o un bisonte a Yellowstone o controllano un branco di caribù in Alaska, alla ricerca dell'anello più debole. Ma ciò a cui probabilmente non pensiamo è un lupo in piedi in un ruscello dell'estuario che cattura salmone, o passeggia lungo una spiaggia che fa capolino tra le alghe lavate per mangiare cirripedi e altri bocconcini.

Tuttavia, questo è esattamente ciò che accade tra una popolazione molto specifica di lupi che vivono nelle isole costiere della British Columbia. Questi lupi non cacciano i cervi, infatti molti potrebbero andare per tutta la vita senza mai vedere un cervo. Invece, fanno affidamento su ciò che la marea porta. Uova di pesce, crostacei, foche e balene lavate sono i pasti comuni per questi lupi, che sono stati chiamati lupi di mare per la loro dipendenza dall'oceano per il cibo.

Sono del tutto unici e con comportamenti che hanno affascinato gli scienziati, ma sono anche pesantemente perseguitati dagli umani. Tra questo e un futuro minacciato dai cambiamenti climatici, le prospettive per questi lupi sono nella migliore delle ipotesi tenue.

FOTO DA ISPIRARE: 6 animali con forti legami familiari

I fotografi Paul Nicklen e Cristina Mittermeier hanno recentemente assunto l'incarico per il National Geographic, trascorrendo settimane sul campo accovacciati in un cieco per fotografare la vita intima di questi lupi segreti. Abbiamo parlato con loro della loro esperienza, nonché di ciò che la persona media può fare per aiutare a preservare una popolazione altamente unica e poco compresa.

I lupi delle piogge costiere vivono sulle isole esterne della costa a.C. I lupi su queste isole vivono in una selezione molto varia di cibo tra cui cervi, chitoni nella zona intercotidale. (Foto: Paul Nicklen)

MNN: Hai trascorso settimane a terra, aspettando avvistamenti di un branco di lupi. Com'è stata la prima volta che li hai visti?

CM e PN : Arrivammo su una remota isola al largo della costa della British Columbia dove sapevamo che erano stati avvistati un paio di lupi. Abbiamo usato il nostro zodiaco (piccola zattera) per circumnavigare l'isola - un viaggio che è durato circa 1, 5 ore, finché non abbiamo avvistato impronte di zampe sulla sabbia. Il trucco per noi era prevedere gli schemi, i sentieri e i tempi in cui i lupi pattugliavano determinate spiagge e cercare di essere lì prima di loro.

La prima volta che li abbiamo visti è stato un colpo di fortuna totale. Abbiamo atterrato lo zodiaco su una spiaggia e mentre Paul e Oren salivano su un ruscello per controllare le cose, sono rimasto con lo zodiaco e sono rimasto completamente sorpreso quando uno dei lupi è uscito trotto dai cespugli. Una donna piccola e snella, era completamente calma e continuava a trotterellare fino a quando non fu a soli 30 piedi di distanza.

Allo stesso tempo, Paul e Oren hanno arrotondato l'angolo del torrente e sono entrati nella spiaggia aperta. Ora il lupo era tra di noi. Invece di lasciarsi prendere dal panico, si sedette semplicemente sui fianchi, fece un lungo e pigro allungamento e poi tornò indietro nello stesso modo in cui era venuta.

Era una commedia di errori, in cui il lupo faceva la sua parte e noi, come fotografi, armeggiavamo e facevamo errori e finivamo con solo immagini mediocri di un incontro perfettamente adorabile.

Hai avuto l'opportunità unica di guardare i cuccioli di lupo selvatici uscire con la loro famiglia. Com'è stato assistere alla struttura familiare dei lupi?

Ciò che abbiamo scoperto è stato un branco di cinque cuccioli che venivano sorvegliati da una sola femmina adulta, presumibilmente la loro madre. Quando i cuccioli sono piccoli, l'intero branco aiuta a prendersi cura di loro. Tutti i membri portano cibo alla madre, che deve stare con i giovani cuccioli. In questa occasione, il branco doveva essere andato a caccia e quando calò la notte e dovemmo andarcene, non erano ancora tornati.

La mattina dopo, quando tornammo in spiaggia, i cuccioli se ne andarono, quindi presumibilmente il branco tornò e tutti si trasferirono in un altro luogo di ritrovo.

Una madre e dei cuccioli sulla spiaggia sono uno spettacolo raro per chiunque, e questi fotografi si mettono in pari per poterlo assistere. (Foto: Cristina Mittermeier)

Avete trascorso due settimane in un piccolo buio, aspettando l'opportunità di fotografare i lupi. Cosa fai per restare sano?

Lavorare alla cieca mi ha dato un livello completamente nuovo di rispetto e ammirazione per i fotografi specializzati in fauna selvatica. Abbiamo trascorso un totale di 28 giorni lavorando da questo cieco, ed è stato difficile.

I primi giorni sono stati divertenti e indaffarati quando abbiamo selezionato il sito e lentamente e con attenzione abbiamo iniziato a costruire il cieco. Bisogna lavorare lentamente e la mattina presto per non disturbare le cose. Abbiamo messo un telo per terra per tenerci asciutti.

Sfortunatamente, il materiale si increspava e faceva rumore ogni volta che ci muovevamo, quindi dovevamo rimanere fermi. Ciò significava muscoli rigidi e noia. Per passare il tempo leggiamo libri e programmiamo i nostri spuntini e pasti.

Suppongo che il rivestimento del nastro sia stata l'occasione per passare molto tempo insieme. Ti insegna molto su un partner, quando devi essere bloccato in un piccolo spazio e incapace di muoverti o parlare per lunghi periodi di tempo. Devo dire che mi piace molto la compagnia di Paul.

Tre cuccioli di lupo giocano con un pezzo di alghe. (Foto: Cristina Mittermeier)

Perché questi lupi? Cosa li distingue tanto dagli altri lupi come una preoccupazione in più per la conservazione?

I lupi della British Columbia sono molto diversi dagli altri lupi che abbiamo mai incontrato. A differenza dei lupi grigi dell'interno di BC o dei lupi di legno molto più grandi, i lupi delle piogge o dei lupi di mare come sono noti sono piccoli e delicati.

A differenza di qualsiasi altro lupo, a questi non dispiace nuotare tra le isole, a volte per lunghe distanze, ma ciò che li distingue davvero è il fatto che oltre il 70% della loro dieta è di origine marina. Sorvegliano la spiaggia durante la bassa marea e mangiano cozze, vongole e altra vita marina.

Sono anche molto abili nella caccia al salmone mentre i pesci salgono verso i corsi d'acqua della foresta. Più sorprendentemente, sono in grado di cacciare foche e leoni marini.

Questi lupi sono specialisti nei pasti disponibili lungo una costa. (Foto: Paul Nicklen)

Qual è la preoccupazione più urgente per il futuro di questi lupi delle isole costiere?

Si sa molto poco su di loro e studi preliminari sul DNA dello scienziato Chris Darimont dell'Università di Victoria indicano che potrebbero essere una razza distinta o persino una sottospecie.

Per noi, il vero guidatore, tuttavia, è il fatto che questi affascinanti animali non sono protetti dalle leggi provinciali o federali e le persone non solo sono autorizzate, ma incoraggiate ad ucciderle.

Sono così curiosi e la loro abitudine di pattugliare la spiaggia li espone al pericolo di tiratori che possono individuarli dalle barche.

I lupi delle isole costiere sono abituati a bagnarsi i piedi per un pasto. (Foto: Paul Nicklen)

Cosa può fare il lettore medio in questo momento per proteggere i lupi costieri?

Una delle nostre organizzazioni partner, Pacific Wild, una piccola ONG con sede nel cuore della foresta pluviale dell'orso grande, sta facendo molto lavoro per rendere le autorità più consapevoli dell'importanza ecologica e, in effetti, culturale di questi animali.

La recente approvazione di un piano per massacrare 400 lupi nel centro di BC rende ancora più imperativo incoraggiare la stesura di alcune leggi che offrono una certa protezione.

Pacific Wild ha raccolto quasi 200.000 firme in una petizione al Premier di BC, Christy Clark per proteggere i lupi della pioggia. Sostenere una tale petizione, opporsi al massacro massacro della fauna selvatica ed educare se stessi sugli impatti della caccia ricreativa dei predatori dell'apice è la cosa migliore che le persone possano fare.

***

Scopri di più sul lavoro di conservazione di Nicklen e Mittermeier presso SeaLegacy, un'organizzazione no profit che lavora per documentare i fragili ecosistemi marini del pianeta e ispirare la difesa della loro protezione.

Articoli Correlati