Una guida per principianti all'orienteering

La maggior parte delle persone tende ad evitare di vagare nei boschi o in terreni sconosciuti, ma questo fa parte del divertimento dell'orienteering.

L'orientamento è una raccolta di sport che richiede capacità e strumenti di navigazione, come una mappa e una bussola, per navigare da un punto all'altro.

A volte l'orienteering viene fatto rapidamente come parte di grandi competizioni, ma può anche essere fatto a un ritmo più piacevole per esplorare una nuova area e affinare le proprie capacità di navigazione.

In un recente viaggio nello Sweetwater Creek State Park in Georgia, Jason Henline, un ex analista dell'intelligence dell'esercito americano, ci ha mostrato come navigare verso diversi oggetti artificiali non identificati sulla nostra mappa di orientamento, dove abbiamo scoperto di tutto, dalle cabine fatiscenti ai vecchi camion arrugginiti.

Se vuoi migliorare le tue capacità di lettura delle mappe e di navigazione per lo sport o la sopravvivenza, ecco alcuni suggerimenti, trucchi e spiegazioni per iniziare.

La sicurezza prima

Fai sempre sapere a qualcuno dove stai andando e quando pensi di tornare.

"Questa è roba di" Outdoorsy 101 "ovviamente, ma è meno un problema quando ti attieni a percorsi stabiliti", ha detto Henline. "L'idea dell'orienteering è quella di viaggiare via terra, quindi informare qualcuno che andrai a passeggiare nei boschi per un po 'e potresti perderti è una buona idea."

Questo video qui sopra fa un buon lavoro nel riassumere le basi dell'uso di una mappa e una bussola per navigare nei boschi.

Comprendi la tua mappa

La tua mappa dovrebbe essere una versione dettagliata di dove stai andando. (Foto: Paya Mona / Shutterstock)

Le mappe di orienteering sono create su scale più piccole rispetto alle mappe tradizionali, aumentando la quantità di dettagli e consentendo una navigazione più precisa. Sono mappe topografiche che includono non solo le caratteristiche naturali della terra, ma anche caratteristiche dettagliate di rocce e acqua e oggetti come recinzioni, linee elettriche e tavoli da picnic.

Tali mappe hanno anche elementi unici come ritrarre i confini della vegetazione con il giallo o segnare oggetti artificiali in nero. Prima di andare nel bosco, familiarizza con le basi della lettura di una simile mappa.

La tua mappa dovrebbe imitare esattamente il tuo ambiente

La tua bussola indicherà naturalmente sempre il nord, ma assicurati che anche la tua mappa lo faccia. Ad esempio, se sei nei boschi guardando a nord, tieni la tua mappa in modo che anch'essa sia rivolta a nord. Se ti giri e guardi a sud, gira la mappa in modo che il nord sulla mappa punti ancora verso nord.

Questo metodo assicura che il paesaggio che stai guardando sia specchiato sulla mappa.

Un modo semplice per tenere traccia di dove ti trovi sulla mappa è quello di tenere il pollice sulla posizione corrente. Mentre ti muovi attraverso il terreno, sposta anche il pollice in modo da poter sempre individuare con precisione dove ti trovi.

Conosci il tuo numero di passi

Preparati conoscendo il tuo numero di passi prima di iniziare le escursioni. (Foto: Alexander Raths / Shutterstock)

Un modo per misurare la distanza è il conteggio dei passi. Un ritmo è uguale al tuo passo naturale e per usare questo metodo, devi sapere quanti passi ti ci vogliono per camminare per 100 metri.

Per determinare il numero di passi, segui un percorso misurato di 100 metri e conta ogni altro passo che fai. Quindi girati e percorri la distanza, contando di nuovo. Prendi la media di quei numeri e hai il tuo conteggio del ritmo.

Assicurati che il terreno che usi per contare i tuoi passi sia simile al terreno che percorrerai e prova a imitare il più possibile le condizioni e gli attrezzi.

"Non uscire con uno zaino vuoto e scarpe da tennis se stai pianificando una grande escursione notturna con gli stivali più tardi perché i due conteggi del ritmo varieranno un po '", ha detto Henline.

Una volta che hai il tuo conteggio, puoi usarlo per misurare la distanza nei boschi e ci sono molti modi per tenere traccia del tuo conteggio mentre cammini.

"Le distanze nei boschi sono davvero difficili", ha detto Henline. "Potresti pensare di aver camminato a lungo ma di aver percorso solo una breve distanza, a causa di terreni difficili, un branco pesante o di perdere la cognizione del tempo mentre contempli la tua esistenza in natura ... non che io abbia Fatto."

Punti di attacco

Un punto di attacco è una caratteristica di terra evidente, come un grande masso o una curva del fiume, che può essere utilizzata per aiutarti a navigare.

Ad esempio, se la tua destinazione si trova nel mezzo di un terreno dall'aspetto simile, può essere difficile da individuare. Invece di vagare, identifica un segnalino unico come punto di attacco e naviga verso di esso. Da lì, misura la distanza dalla tua destinazione e traccia quanti metri devi percorrere.

Avere sempre un piano di backup

Prima di partire, stabilisci un azimut di panico, che è semplicemente una direzione in cui camminare se inizi a prendere il panico e devi uscire da lì.

"L'idea è che hai difficoltà a trovare una sezione di boschi senza una strada vicina nell'America di oggi", ha detto Henline. "Certo, puoi trovare vaste distese in vari parchi nazionali e nella tundra d'Alasca, ma nel tuo parco statale locale, probabilmente sarai delimitato da una strada o da un confine naturale in una direzione."

"Usalo a tuo vantaggio. Trova una strada che corre in una linea relativamente dritta che delimita l'area in cui stai pianificando di navigare. Scopri quale direzione prenderà dal tuo corso di orientamento pianificato e usa quella direzione come azimut panico ".

Articoli Correlati